Schede di riferimento
News Serie TV

I crediti di apertura di The Walking Dead

C’è poco da fare! L’evento televisivo del 2010 è The Walking Dead, la nuova serie tv horror prodotta da AMC, in onda negli Stati Uniti la notte di Halloween, e proposta in Italia da Fox (canale 110 di Sky) dall’1 novembre, meno di 24 ore dopo. Se anche voi siete impazienti di ammirare quest’ennesimo capolavoro annunciato della rete via...


C’è poco da fare! L’evento televisivo del 2010 è The Walking Dead, la nuova serie tv horror prodotta da AMC, in onda negli Stati Uniti la notte di Halloween, e proposta in Italia da Fox (canale 110 di Sky) dall’1 novembre, meno di 24 ore dopo.

Se anche voi siete impazienti di ammirare quest’ennesimo capolavoro annunciato della rete via cavo vincitrice per tre anni consecutivi dell’Emmy per la migliore serie drammatica, gradirete la succosa anticipazione diffusa poche ore fa da AMC. Infatti, dopo il lungo trailer di alcune settimane fa, la rete ha mostrato per la prima volta i bellissimi crediti che apriranno ciascuno dei 6 episodi della prima stagione; la serie ha già ottenuto l’approvazione per un secondo ciclo di altri 13 episodi.

La sequenza è stata creata dalla stessa squadra che cura il fumetto da cui è tratto lo show, ideato ricordiamo da Robert Kirkman. Cinquanta secondi di pura estesi, che hanno scomodato persino Damon Lindelof, l’ex co-ideatore di Lost, il quale si è precipitato su Twitter per esprimere i suoi apprezzamenti: “Stiamo per assistere a un evento unico nella storia, in cui il termine ‘fan-made’ diventa antiquato. Tutto ciò è straordinario”.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
Schede di riferimento
  • Redattore specializzato in Serie TV
  • Appassionato di animazione, videogame e fumetti
Suggerisci una correzione per l'articolo