News Serie TV

Baby: Attrici e registi presentano la nuova serie originale italiana di Netflix

10

Dal 30 novembre i 6 episodi della prima stagione arriveranno sulla piattaforma.

Baby: Attrici e registi presentano la nuova serie originale italiana di Netflix

Ah, Netflix!
Arriva e ci porta contenuti di qualità per tutti i gusti direttamente a casa. Ci fa passare la voglia di andare al cinema? Sarebbe bello se fosse così semplice. È un concetto di fruizione dell’intrattenimento completamente diverso quello che offre la piattaforma, una library disponibile a casa per quando si ha tempo e voglia. È evidente che la sala cinematografica mantenga un fascino senza eguali, ma non si può non riconoscere l’impegno artistico e commerciale delle produzioni di Netflix che, nel nuovo mondo tecnologico fatto di schermi a portata di mano per tutti, indubbiamente ci sa fare.

Baby è la nuova serie originale prodotta da Fabula Pictures per Netflix e sono bastati i primi due dei sei episodi presentati alla stampa per capire quanto sia arenata la produzione italiana televisiva o cinematografica che si rivolge ai teenager. Questa serie presenta un taglio young adult realistico, credibile negli sviluppi narrativi e nei dialoghi (creati dal collettivo di giovani scrittori chiamato GRAMS insieme ai due head writers Isabella Aguilar e Giacomo Durzi), con uno stile visivo e musicale moderni ed eleganti, senza essere ricercati a tutti i costi. Baby si ambienta in un istituto scolastico del ricco quartiere Parioli di Roma, ma la localizzazione stavolta non significa provincialismo. Gli autori schivano ogni solco culturale e realizzano un prodotto neo romantico internazionale.

L’idea della storia prende spunto dai fatti di cronaca della prostituzione minorile, quel perverso passatempo che decine di ragazze figlie dell’alta borghesia romana avevano scelto per dare un senso alla loro adolescenza. “Non abbiamo voluto spiattellare subito quella questione, l’intento era arrivarci gradualmente, raccontando ambiguità e sensualità degli adolescenti” spiega il regista Andrea De Sica che ha diretto l’episodio pilota “per settare le regole del gioco, il tono e introdurre il cast” e gli episodi 2, 3 e 6. Su Anna Negri è invece caduta la scelta per dirigere gli episodi 4 e 5, quelli più delicati e difficili anche per le giovani attrici, e per questa ragione gli executive di Netflix hanno voluto una donna in regia.

Benedetta Porcaroli è Chiara, “una ragazza che è sempre stata abituata a mettersi una maschera addosso, la realtà è che lei non è così ed una bugiarda cronica perché ancora non ha trovato una sua identità”. L’attrice ricorda anche lo scandalo delle Baby squillo dei Parioli in quanto “conoscevo di vista le ragazze coinvolte e mi sono sentita addosso una grande responsabilità interpretando questo personaggio, non sapevo se sarei riuscita a fare onore a questa storia”. 

“Ludovica ricerca di emozioni vere, ha l’alibi della famiglia non perfetta”, dice del suo personaggio Alice Pagani. “È molto severa con se stessa, cerca di essere originale e forse per bisogno si trova davanti a delle sfide così grandi senza essere protetta da nessuno e senza sapere come comportarsi” aggiunge l’attrice. Rispetto alle famiglie in apparenza perfette, difende il diritto a sbagliare dei teenager perché “capiscano che si possono fare errori e non vergognarsene”, mentre la serie descrive la condizione d’insormontabilità di sbagli che finiscono per sconvolgere il rapporto con tra genitori e figli, lasciando quest’ultimi alla deriva.

A proposito di genitori, Claudia Pandolfi e Isabella Ferrari sono due delle madri della serie. Entrambe hanno un’evoluzione nella storyline che solo l’integralità degli episodi porta a compimento. La Ferrari fa una dichiarazione d’amore al suo personaggio a cui “ho voluto bene da subito, è una sciamannata che non è mai uscita dalla fase adolescenziale”. “La serie non mi ha illuminato su qualcosa di cui non fossi a conoscenza” racconta la Pandolfi nella vesta di madre di due bambini, “detto questo, non tenterò di difendere i miei figli dai pericoli, perché a un certo punto saranno soli e dovranno risolversi i problemi da soli. Quello che farò sarà cercare di dar loro tutti gli strumenti per cavarsela”.
Baby debutta il 30 novembre contemporaneamente nei 190 paesi del mondo in cui opera Netflix. Non tarderà molto la notizia riguardante una seconda stagione, se si farà oppure no. Ma rispetto a quanto visto finora, non ci sarebbe motivo di fermare questi bravi autori italiani.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming