What is Left? La recensione del documentario di Luca e Gustav

29 novembre 2013
3 di 5

I premiati documentaristi Luca Ragazzi e Gustav Hofer tornano a parlarci del nostro paese interrogandosi - a modo loro - sulla crisi della sinistra italiana

What is Left? La recensione del documentario di Luca e Gustav

Meno male che ci sono Luca e Gustav a chiedersi, con quella che potrebbe essere la nostra voce, cosa sta succedendo a questo paese e ai suoi rappresentanti, alle idee o alle ideologie con cui siamo cresciuti, e a interrogarsi su dove andremo a finire. What is Left? giunge a completare una trilogia tutta italiana, con un altro documentario anomalo e il consueto stile tagliente e autoironico dei due autori – i poliedrici giornalisti Luca Ragazzi e Gustav Hofer – colleghi nel lavoro e compagni nella vita. La forza dei loro film sta proprio nel gioco di mettersi in scena in prima persona: cinefili ben consapevoli del rischio della noia quando si parla di faccende serie, sanno mettere in scena la tragicommedia di questi anni senza timore di esporsi e – anzi – orgogliosi di far conoscere il proprio vissuto, con leggerezza ma mai con superficialtà.

Ecco così che prima hanno affrontato nell'ottimo e premiatissimo Improvvisamente, l'inverno scorso, l'arretratezza del nostro paese in fatto di parità dei diritti delle coppie omosessuali e non solo (e già in quel film la sinistra non ne usciva tanto bene). Poi, nel più interlocutorio Italy: Love It Or Leave It, si ponevano la domanda che si fanno in tanti, se sia giusto dare ancora fiducia a questo paese o abbandonarlo al suo destino: per verificare la loro ipotesi partivano per un viaggio in Cinquecento alla ricerca delle realtà virtuose che ancora vi esistono. Alla fine decidevano d restarei e stavolta dunque si interrogano – con l'azzeccatissimo calembour del titolo – su cosa sia rimasto/cosa sia la sinistra oggi.

Luca e Gustav rappresentano alla perfezione il tipo ideale del giovane intellettuale impegnato, dell'elettore consapevole di sinistra con le sue idiosincrasie, i suoi piccoli peccati, la sua esasperazione nei confronti della perdita – assieme alle ideologie – dei valori e delle idee che caratterizzavano, da sempre, quella parte politica. Nel 1980, in Maledetti vi amerò, Marco Tullio Giordana faceva dire a Flavio Bucci  -  già con autoironia - che il tè, il riso integrale, il Marocco, la doccia, i preliminari erotici sono di sinistra, mentre il caffè, la vasca da bagno, Venezia, Praga e la penetrazione sono di destra. Lontani ormai quei tempi così ideologizzati ed estremi, oggi con l'acqua del bagno si è finito per buttare via anche il bambino, perdendo per strada i concetti basilari, come si vede nel passaggio esemplare in cui Luca e Gustav ricostruiscono il progressivo cambiamento del nome e del simbolo di un partito un tempo importantissimo fino alla cancellazione e alla sua trasformazone in un grande calderone, di cui tutti fanno parte ma in cui nessuno si ritrova.

Partendo dall'elezione epocale di Obana in America, cui corrispondono mutatis mutandis le primarie del partito democratico, Luca e Gustav parlano coi vecchi e i nuovi protagonisti della crisi della politica italiana, sinceramente desiderosi di capire cosa stia succedendo, seguono le ultime elezioni, speranzosi e preoccupati dello tsunami Grillo e dell'invasione dei cittadini nei palazzi della politica (“I cittadini ce li abbiamo già nel condominio e in due anni non sono neanche stati capaci di cambiare il citofono”, si lamenta accorato Luca). Tra un'intervista e un documento, tra un dialogo arguto e un commento intelligente, c'è spazio per un finto quiz televisivo, What is Left? In cui una signorina con tanto di colbacco e divisa “regolamentare”, interroga i nostri con domande provocatorie per scoprire quanto siano di sinistra.

Non manca niente in poco più di un'ora, e tutto è chiaro: Renzi, Bersani, l'elezione del capo dello stato, il volto tradizionale e superato e quello potenzialmente nuovo della sinistra, i giovani eletti che si scontrano con le dinamiche del gioco (sporco) politico. Colorato, vivace, vivo e concluso su una nota di speranza come è tipico di due caratteri positivi e ottimisti, What Is Left? è un film imperdibile per tutti coloro che non hanno mai smesso di interrogarsi. Non è necessario essere di sinistra per apprezzarlo, anzi. In una realtà così ondivaga e confusa siamo sicuri che molti, qualunque idea professino, ci si riconosceranno.

 



  • Saggista traduttrice e critico cinematografico
  • Autrice di Ciak si trema - Guida al cinema horror e Friedkin - Il brivido dell'ambiguità
Suggerisci una correzione per la recensione
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
lascia un commento