Vicini di casa: recensione della brillante commedia che mette a nudo il rapporto di coppia

02 dicembre 2022
3.5 di 5
31

Il film diretto da Paolo Costella centra perfettamente il bersaglio che intende colpire. Vicini di casa è la messinscena di una conversazione piccante tra due coppie che costringe gli spettatori a guardarsi allo specchio.

Vicini di casa: recensione della brillante commedia che mette a nudo il rapporto di coppia

Vicini di casa è buon esempio di come una commedia italiana possa avere contemporaneamente più elementi per essere un prodotto di intrattenimento e al contempo solleticare l'intelletto degli spettatori per renderli partecipi attivamente. Non che non ce ne siano, ma è importante riconoscere quanto questo film sia un prodotto con un alto valore artistico.

Il materiale originale sul quale il film si basa, un testo teatrale dell'autore spagnolo Cesc Gay, è brillante e collaudato (essendo diventato un film anche in Spagna). Ciò detto, i meriti del lavoro svolto dal regista Paolo Costella sono evidenti tanto nella messinscena quanto nella stesura del copione che ha adattato insieme a Giacomo Ciarrapico.
Vicini di casa arriva per ribadire che un'ottima scrittura eleva anche il lavoro degli interpreti. I quattro attori protagonisti appaiono estremamente naturali nel ruolo delle due coppie, una affiata e sessualmente attivita, l'altra spenta e prigioniera della routine.

È rinfrescante vedere Claudio Bisio camminare sul confine tra i tempi comici, una sua caratteristica che conosciamo molto bene, e la lenta emersione del dramma del personaggio. L'intesa con Vittoria Puccini nel ritrarre una coppia dal rapporto stantio funziona bene, così come l'altra faccia della medaglia rappresentata da Vinicio Marchioni e Valentina Lodovini. C'è un grado di spontaineità nel tono delle loro dinamiche, dal focoso al gelido, dall'ironico al malinconico, dall'imbarazzante all'avvilente, che è come se anche noi fossimo altri vicini di casa intenti a spiare e vivere il rimbalzo di quel vortice di emozioni.

In poco più di 80 minuti, Vicini di casa dimostra anche che la durata di un film dovrebbe essere sempre umilmente uniformata a quello che la storia ha da raccontare, affinché possa trovare un equilibrio narrativo in cui la qualità, e non la quantità, sia il criterio di riferimento.
Sulla questione del sesso, un personaggio astratto ma a tutti gli effetti quinto protagonista della storia, il film si prende le libertà che noi non prenderemmo, affronta l'argomento in modo schietto e diretto e lascia aperta una porta per una discussione dopo i titoli di coda. Possiamo cogliere l'occasione e chiederci a che punto sia il dialogo con il nostro partner o con noi stessi. È trascurato? È artefatto? È prevaricante? È sottomesso? È sincero?
Lo specchio per domandarcelo è da quella parte.



  • Giornalista cinematografico
  • Copywriter e autore di format TV/Web
Suggerisci una correzione per la recensione
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
lascia un commento