Un altro pianeta - recensione del film diretto da Stefano Tummolini

03 settembre 2008

Stefano Tummolini, solida esperienza di sceneggiatore e numerosi corti alle spalle, debutta nel lungometraggio con Un altro pianeta. Film girato con un budget quasi infinitesimale da 1000 euro e in sette giorni di riprese sulla spiaggia di Capocotta, sul litorale romano, nota per essere frequentata in prevalenza da gay e da naturisti.

Un altro pianeta - recensione del film diretto da Stefano Tummolini

Un altro pianeta - la recensione

Un altro pianeta vede al centro del suo racconto Salvatore (Antonio Merone), omosessuale che durante una giornata al mare incrocia strada e destino con un gruppo di amiche e amici. Lui e gli altri ragazzi dovranno conoscersi, confrontarsi, scoprirsi andando oltre le apparenze: in particolare Salvatore stringerà un legame con Daniela (Lucia Mascino), che sembra nascondere qualche segreto.

Una giornata e dei personaggi che servono a Tummolini per cercare di rifuggire dagli stereotipi dominanti sul mondo queer - sia dello sguardi etero che di quello militante. Il regista tenta infatti costantemente, magari goffamente, di sparigliare le carte e giocare a spiazzare le aspettative dello spettatore. Non c’è dubbio che Un altro pianeta tradisca il basso budget a disposizione e la rapidità con cui è stato realizzato. E non c’è dubbio che alcuni aspetti della storia e della sceneggiatura potevano essere realizzati con maggiore cura, senza contare che non sempre i luoghi comuni e le retoriche sul mondo omosessuale (ma non solo) vengono evitate.

Ma, con buona pace dei militanti più radicali della critica queer, quello di Tummolini è un film che colpisce per la sincerità trattenuta ma energica del suo messaggio: un messaggio che si potrebbe sintetizzare nella necessità della riscoperta e del recupero dell’amore (inteso in senso ampio ed esistenziale) e della tenerezza come chiave della vita e dei rapporti interpersonali. Se è vero che non basta a volte la bontà o la condivisibilità delle intenzioni di un autore per salvare un film, in questo caso la passione, la dignità e la schiettezza quasi ingenua e naif di Tummolini fa sì che a Un altro pianeta si guardi con rispetto e quasi con un pizzico di affetto.



  • Critico e giornalista cinematografico
  • Programmatore di festival
Suggerisci una correzione per la recensione
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
lascia un commento