Tuttapposto: recensione della commedia di Gianni Costantino esordio per il comico Roberto Lipari

02 ottobre 2019
3 di 5
33

Scritta e interpretata dal giovane palermitano allievo di Ficarra e Picone lanciato da tv e web.

Tuttapposto: recensione della commedia di Gianni Costantino esordio per il comico Roberto Lipari

Le nostre commedie degli ultimi anni sono concentrate sulle vicende personali dei protagonisti: tradimenti, innamoramenti improbabili, soldi arrivati o volatilizzati inaspettatamente. Eppure, se andiamo indietro nel tempo, la tradizione della tanto citata, spesso a sproposito, commedia all’italiana, era caratterizzata dal ruolo centrale della società, della politica, in generale dei tanti universi che girano intorno ai personaggi. Uscendo, insomma, dagli appartamenti e dagli attici per raccontare cosa ci sia fuori, provocando una risata soffocata presto da una certa amarezza. Una commedia sociale, per dirla sinteticamente.

Negli ultimi anni, fra i pochi comici che cercano di portare avanti questo sguardo a testa alta sulle nostre città, ci sono Ficarra e Picone. Hanno esordito con discrezione, affidandosi a un regista, migliorando ogni volta incassi e livello qualitativo delle storie raccontate, fino all’abbandono di un collaboratore dietro la macchina da presa per prendere in mano in prima persona i loro film. Il suggello è arrivato con il successo de L’ora legale, campione di incassi e di recensioni positive. Non stupisce vedere quindi come uno dei loro collaboratori, definiamolo pure allievo, Roberto Lipari, si affacci ora con notevole umiltà al cinema, dopo esperienze in televisione e sul web. Il tutto sotto l’ala protettrice, seppure non accreditata, di Ficarra e Picone. Come ne L’ora legale, anche in Tuttapposto la commedia prende di mira una stortura atavica di noi italiani, e in questo conferma la saggia abitudine di non prendersela populisticamente contro un generico “sistema”, ma ci pone tutti di fronte alle nostre responsabilità.

Nato da un’idea di Lipari, che ha scritto il film insieme a Ignazio Rosato e Paolo Pintacuda, Tuttapposto è diretto da un aiuto regista con grande esperienza, Gianni Costantino, già autore in passato di Ravanello pallido con Luciana LittizzettoSiamo in una cittadina di fantasia, Borbona sicula, che ha un’università che somiglia a quelle di tutta Italia. I professori hanno quasi tutti lo stesso cognome, la meritocrazia è una lontana utopia, mentre la quotidianità è basata su corruzione e raccomandazioni continue. L’ampolloso rettore (Luca Zingaretti) è il padre del nostro giovane protagonista, lo stesso Roberto Lipari, che si è adattato a questo sistema clientelare, fino a che qualcosa cambia e sarà la creazione di una rivoluzionaria app a mettere sotto esame e sotto pressione i professori, che dovranno per la prima volta mettersi a lavorare, cercando il consenso dei propri studenti.

Lipari ha un ritmo comico interessante e originale, con battute fresche e divertenti, spesso bofonchiate con timidezza, senza paura di far emergere il suo lato fragile. Una comicità quasi fuori sincrono, nel senso che fa ridere più con una parola sbocconcellata alla fine, quasi fuori tempo massimo, che presto si trasforma in amaro, per la sua carica satirica. Una comicità che ricorda, con tutti i dovuti paragoni, lo stile schivo di Massimo Troisi.

Un esordio promettente, quello di Lipari, che dimostra l’attenzione con cui cerca un suo stile personale, senza scimmiottare altri, neanche i suoi pigmalioni Ficarra e Picone. Rimangono dei difetti, come è ovvio che sia, come delle eccessive semplificazioni nell’avanzamento narrativo della storia e nei rapporti fra i personaggi. Il ritmo, poi, funziona più internamente a ogni scena che in raccordo una con l’altra. Nonostante questo Tuttapposto intrattiene con intelligenza, costruisce dei caratteri che non sono solo macchiette e non tira via mai nessun personaggio, neanche quelli apparentemente marginali, che sono anzi il valore aggiunto che fa emergere questa commedia dal livello medio e mediocre di prodotti simili all’italiana.



  • giornalista cinematografico
  • intervistatore seriale non pentito
Suggerisci una correzione per la recensione
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
lascia un commento