Storia d'inverno - la recensione del film con Colin Farrell

13 febbraio 2014
4

Una magica New York e una romantica storia d'amore nel debutto registico del premio Oscar Akiva Goldsman.

Storia d'inverno - la recensione del film con Colin Farrell

Se giudichiamo Akiva Goldsman per la sceneggiatura premio Oscar di A Beautiful Mind o per alcuni episodi di Fringe da lui scritti e diretti, diremmo di trovarci al cospetto di un ottimo autore, a suo agio sia con la fantascienza che con storie più realistiche. Se consideriamo che è l'uomo che ha scritto film non propriamente passati alla storia come Lost in Space, Batman & Robin e Batman Forever e ha prodotto tre Paranormal Activity, potremmo rivedere il nostro giudizio. E se pensiamo anche che è lo stesso che ha adattato per il cinema i best-seller turistico-esoterici di Dan Brown e opere di Isaac Asimov e Richard Matheson, potremmo definirlo, in modo abbastanza equilibrato, come “un talentuoso artista, perfettamente inserito nel sistema degli Studios ma con un buon margine di originalità”.

Per il suo debutto alla regia cinematografica il newyorkese Goldsman ha scelto un romanzo che ama da sempre, un tomo di quasi 850 pagine pubblicato oltre 30 anni fa - in tempi ancora non sospetti di fantasy-mania - dal suo concittadino Mark Helprin, che sceglie la città delle Gangs of New York, dei Five Points e delle violente lotte tra bande, come luogo di confine tra mondi, dove convivono nascoste tribù, un ladro gentiluomo, una fanciulla vergine che muore di consunzione, angeli e demoni e dove il Bene e il Male si fronteggiano apertamente, i cavalli alati sono angeli custodi, gli esseri umani compiono miracoli e perfino Lucifero vi ha dimora.

E' un omaggio a New York pieno di suggestioni, dalla Grand Central Station, nelle cui soffitte vive il protagonista, il meccanico e ladro Peter Lake - omologo americano di Hugo Cabret - ai paesaggi innevati che fanno da sfondo a una storia che attraversa magicamente un secolo. Di un libro tanto ricco di sottotrame e personaggi bizzarri, che ne sono anche la principale peculiarità, Goldsman privilegia il nucleo centrale, la love story tra il ladro e la ragazza, che dà il via a una catena di eventi non sempre chiari. Munito di forbicioni, taglia quasi tutto il background dei protagonisti, con la conseguenza di rendere poco comprensibile per chi non ha letto il libro chi siano e da dove vengano, che vita facciano e perché parlino come parlano. Le cesure lo costringono a raccordare il tutto con una voce narrante che invece di limitarsi a integrare gli eventi ribadisce i concetti principali. Un certo disorientamento, per chi non conosca il romanzo, è insomma da mettere in conto.

Quello che emerge è una romanticissima storia d'amore immersa in un'atmosfera new age. A soffrire è più che altro l'ambientazione contemporanea, tanto che Jennifer Connelly – che non è un personaggio secondario - appare solo nell'ultima mezz'ora di film. A discolpa dell'autore va detto che il budget - ridotto a 46 milioni di dollari dai 75 iniziali - lo ha sicuramente costretto a cestinare a malincuore pagine e pagine di episodi e personaggi importanti.

Se è in gran forma Colin Farrell nel tenero ruolo dell'innamorato della radiosa Jessica Brown Findlay e Russell Crowe è un cattivo sufficientemente minaccioso, un attore del calibro di William Hurt ha pochissimo da fare. Del tutto incongruo e spaesato nel ruolo del Giudice è invece Will Smith, la cui amichevole partecipazione non aiuta la sospensione dell'incredulità, mentre è splendida, in una brevissima apparizione, la quasi novantenne Eva Marie Saint, icona e leggenda del cinema.

Quanto a Goldsman, forse troppo coinvolto emotivamente, paga coi suoi errori lo scotto dell'inesperienza e l'aver voluto ricoprire tre ruoli tanto importanti – sceneggiatore, produttore e regista - in un film di queste ambizioni.

 



  • Saggista e critico cinematografico
  • Autrice di Ciak si trema - Guida al cinema horror e Friedkin - Il brivido dell'ambiguità
Suggerisci una correzione per la recensione
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
lascia un commento