Solaris

Solaris

Voto del pubblico
Valutazione
2.6 di 5 su 15 voti
Al cinema dal: 28 marzo 2003
Anno: 2002
Paese: USA
Durata: 99 min
Data di uscita: 28 marzo 2003
Distribuzione: 20th Century Fox
Solaris è un film di genere drammatico, fantascienza, sentimentale del 2002, diretto da Steven Soderbergh, con George Clooney e Natascha McElhone. Uscita al cinema il 28 marzo 2003. Durata 99 minuti. Distribuito da 20th Century Fox.
Data di uscita: 28 marzo 2003
Genere: Drammatico, Fantascienza, Sentimentale
Anno: 2002
Paese: USA
Durata: 99 min
Formato: 35 MM (1:2.35), PANAVISION
Distribuzione: 20th Century Fox
Sceneggiatura: Steven Soderbergh
Fotografia: Steven Soderbergh
Produzione: 20th Century Fox, Lightstorm Entertainment, Section Eight Ltd., Usa Films

TRAMA SOLARIS

Solaris è un film di fantascienza diretto nel 2002 da Steven Soderbergh.
La vicenda si svolge in un futuro prossimo, in uno spazio senza confini. Lo psicologo Chris Kelvin (George Clooney) sta attraversando una profonda crisi interiore dopo aver perso la moglie Rheya (Natascha McElhone), suicidatasi qualche tempo prima.
Una sera Chris riceve la visita di due emissari della società proprietaria di Prometheus, una stazione spaziale in orbita attorno al pianeta Solaris. I due mostrano a Chris un videomessaggio del dottor Gibarian (Ulrich Tukur), suo amico e collega, che si trova su Prometheus.
Gibarian chiede a Chris di raggiungerlo con urgenza sulla stazione spaziale in quanto al suo interno stanno accadendo strani avvenimenti. Accettato l’incarico, Chris parte per la stazione spaziale. All’arrivo trova una situazione spettrale. La stazione è deserta e i muri sono coperti da macchie di sangue.
Mentre continua la sua esplorazione, Chris s’imbatte in un obitorio improvvisato ed è devastato nel trovare il dottor Gibarian tra i morti. Subito dopo incontra il giovane Snow (Jeremy Davies) e la dottoressa Gordon (Viola Davis), gli unici due membri dell'equipaggio a essere sopravvissuti.
Gli spiegano che Gibarian si è suicidato e che la maggior parte dell'equipaggio è morta o scomparsa in circostanze misteriose.
A Chris basta una notte passata su Prometheus per essere catturato dai misteri di questo mondo a sé. Quando si sveglia la mattina dopo, infatti, trova accanto a sé Rheya, la moglie morta suicida. Rheya non sa spiegargli come abbia fatto ad arrivare lì e dove sia stata in tutto questo tempo: vuole solo stare con lui e per tutta la vita. Chris si rende conto che Rheya non può essere reale perché è morta anni prima, quindi con l’inganno la fa entrare in una capsula di salvataggio e la manda nello spazio, Chris è distrutto dall’accaduto, anche perché la morte di Rheya è causa di un senso di colpa mai sopito. Ma Snow e la Gordon gli spiegano che quella donna non è sua moglie. Il pianeta, infatti, è in grado di scavare nelle menti di coloro che vi entrano in contatto e di creare una copia vivente della persona più amata. Poi Snow avverte Chris che Rheya apparirà di nuovo, se lo vuole. E così accade. Chris sa che deve assolutamente mandarla via perché è a rischio il suo equilibrio mentale e, forse, la sua stessa vita. Nello stesso tempo, però, vorrebbe darsi una seconda chance... non ci sono risposte, solo scelte.

CRITICA DI SOLARIS

"Non del tutto convincente è 'Solaris' di Steven Soderbergh, che riprende l'omonimo film di Tarkovskij (dal romanzo di Stanislaw Lem) ma trasformandolo, dal racconto filosofico che era, in storia d'amore. (...) Tra un piano temporale e l'altro il film si chiede: è possibile ritoccare il passato, oppure siamo condannati a ripetere, con le stesse persone, sempre i medesimi errori? E trova la risposta nel filone ottimistico della fantascienza, quello che discende da '2001: Odissea nello spazio'". (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 9 febbraio 2003) "L'eclettico Steven Soderbergh riadatta per il grande schermo 'Solaris', l'omonimo romanzo di Stanislaw Lem che ispirò già Andrej Tarkovskij nel 1972. Più corretto parlare di secondo adattamento che non di remake, tanto Soderbergh ha deviato dal maestro russo scrivendo e dirigendo un melodramma nello Spazio molto glamour, più languido che inquietante. Il film sconta il fatto di volerci spiegare tutto, a partire dalla scelta di rappresentare il pianeta Solaris come un metaforico cervello umano per sottolineare la natura concettuale di questo tipo di fantascienza hollywoodiana. Clooney e la McElhone, comunque, sono di una sensualità devastante". (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 28 marzo 2003) "Ci sono voluti Stanis Lem, Andrei Tarkovsky e James Cameron per tirare fuori il film più disarmato e audace di Steven Soderbergh, un regista diventato interessante, con gli anni, non tanto per le sue ossessioni, ma per la capacità di non essere ossessivo. Tra i poli dello sperimentalismo a basso costo e la grande produzione hollywoodiana, tra cui Soderbergh si alterna, 'Solaris' occupa un posto anomalo. A partire dal suo produttore (James Cameron, un fan del romanzo di Lem di cui aveva acquistato i diritti parecchi anni fa), dalla Fox che lo finanzia, dal suo budget di 47 milioni di dollari, dalla presenza di George Clooney, e dal look futuristico patinato, questo è, a tutti gli effetti, il grosso film di una Major. Allo stesso tempo, 'Solaris' è di gran lunga uno degli oggetti più esoterici e misteriosi del recente made in Hollywood, un film di qualità remota, malinconica e insondabile". (Giulia D'Agnolo Vallan, 'Ciak', 28 febbraio 2003)"Cimentandosi oggi con un'opera che ha ispirato un precedente di tale peso, Steven Soderbergh ha dato prova di un certo coraggio, ma ha superato brillantemente l´esame. Il suo 'Solaris' è originale nella concezione e impeccabile per qualità formale; e rappresenta per il regista americano una specie di vacanza artistica dopo i successi e i consensi ottenuti con prodotti hollywoodiani di alta confezione quali 'Traffic' e 'Ocean's Eleven'. (...) In una suggestiva messa in scena, Soderbergh imbastisce con stile sicuro, un'ipnotica meditazione sui temi dell'identità, dell'amore e della morte confermandosi un cineasta a tutto tondo. E se è vero che il regista a tratti indugia a un eccessivo celebralismo e pecca di freddezza, l'intensa e partecipata interpretazione di Clooney provvede a conferire alla storia il giusto afflato emotivo". (Alessandra Levantesi, 'La Stampa', 28 marzo 2003)"Fatte salve le nobili terga di Clooney, il remake di 'Solaris' di Tarkovskij, 1972, è l'enunciazione di un mistero non rivelato. Il film di Soderbergh è un'odissea nello spazio psicologico e personale, che avrebbe bisogno di effetti speciali interiori, tratto dal libro di Stanislaw Lem. (...) Clooney è coraggioso ad accettare un film contro tendenza, sbarcando su 'Solaris', pianeta sensibile dove è permesso visitare il passato, materializzare sentimenti e pensieri, consultare l'inconscio per l'occasione di riserva. Indifeso, esoterico, inesorabilmente grigio e statico poeticamente, il film è un'occasione mancata da rispettare per le buone intenzioni". (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 29 marzo 2003)."Niente di nuovo, da 'Il pianeta proibito' a oggi, ma ciononostante 'Solaris' mi era parso un accettabile compromesso con l'estetica attuale degli effetti speciali, una s

CURIOSITÀ SU SOLARIS

Solaris è tratto dall’omonimo romanzo di fantascienza dello scrittore polacco Stanislaw Lem (1961).

Il film, che segna il debutto di Soderbergh nel genere fantascienza, è il remake di Solaris diretto nel 1972 da Andrej Tarkovskij, che all'epoca fu considerato la risposta sovietica a 2001: Odissea nello spazio di Stanley Kubrick.

In realtà, il primo adattamento cinematografico del romanzo “Solaris” si deve ai registi russi Boris Nirenburg e Lydiya Ishimbayeva, che nel 1968 realizzarono per la televisione sovietica un film in bianco e nero in due parti.

SOGGETTO DI SOLARIS

Romanzo omonimo di Stanislaw Lem

INTERPRETI E PERSONAGGI DI SOLARIS

Attore Ruolo
George Clooney
Chris Kelvin
Natascha McElhone
Rheya
Jeremy Davies
Dott. Snow
Ulrich Tukur
Gibarian
Viola Davis
Helen Gordon
Donna Kimball
Moglie di Gibarian
Shane Skelton
Figlio di Gibarian
Michael Ensign
Amico 1
Elpidia Carrillo
Amico 2
Kent Faulcon
Paziente 1
Lauren Cohn
Paziente 2
Morgan Rusler
Emissario DBA
John Cho
Emissario DBA
lascia un commento
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming