Sei ancora qui: recensione del thriller con Bella Thorne

26 settembre 2018
3 di 5

Il regista Scott Speer aveva già diretto l'attrice in Il sole di mezzanotte.

Sei ancora qui: recensione del thriller con Bella Thorne

Quella corrente commerciale cinematografica di film per adolescenti ambientati in società distopiche di futuri post-apocalittici, come Hunger Games, Divergent, Maze Runner e altri titoli meno fortunati tutti tratti da romanzi, sembra essersi ormai esaurita. Il libro da cui arriva Sei ancora qui (edito in Italia da Sperling & Kupfer), scritto da Daniel Waters, risale al 2012 quando quel terreno era ancora relativamente fertile, ma l’autore fu scaltro a sufficienza nel deviare il racconto. Il film oggi esiste proprio perché il romanzo imbocca altri percorsi narrativi, mantenendo comunque quegli elementi appetibili per il pubblico young adult.

La storia è calata in un contesto post-catastrofico (ma non apocalittico) in cui, a causa di un esperimento andato male e di una conseguenze esplosione radioattiva, le anime dei defunti sono visibili a chiunque. Questi “redivivi” come vengono chiamati nel film, sono spettri imprigionati in un loop temporale dove ripetono all’infinito azioni che svolgevano da vivi. Il trauma risiede nei viventi, costretti a essere spettatori quotidiani di queste entità e senza poter elaborare il lutto in alcun modo. Ma tutti questi elementi restano un contorno science-fiction, mentre il film investe tutto nel racconto thriller e punta diretto alla vicenda personale di Veronica Calder.

Bella Thorne è il punto d’appoggio del compasso. L’intera operazione ruota intorno a questa ventenne attrice, idolatrata da milioni di coetanei. Intorno a lei ruota la storia del film e lo stesso regista Scott Speer non indugia nel costruire e consolidare, scena dopo scena, una regia che cementi l’empatia degli spettatori con quel personaggio. Spettatori giovani soprattutto, ed è anche in funzione di un sicuro impatto nella loro esperienza visiva che Speer investe, creando un look e un’atmosfera con accattivanti inquadrature, fatte di penombre e colori freddi e desaturati. Non particolarmente originale ma scorrevole, Sei ancora qui è un'altra tappa verso la maturazione artistica di Bella Thorne.



  • Giornalista cinematografico
  • Copywriter e autore di format TV/Web
Suggerisci una correzione per la recensione
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
lascia un commento