Quarantena - recensione del remake dello spagnolo Rec

30 gennaio 2009
1

Quarantena è il remake cartacarbone di Rec, l'horror di Jaume Balagueró e Paco Plaza visto in Italia un paio di stagioni fa. Si può legittimamente obiettare sul senso di simili operazioni, ma è innegabile che pur in maniera derivativa il film funzioni. Proprio perché cover dell'originale (ma con un paio di note differenti).

Quarantena - recensione del remake dello spagnolo Rec

Quarantena - la recensione

Ci sono sostanzialmente due modi di approcciare criticamente un film come Quarantena, remake shot-for-shot del Rec di Jaume Balagueró e Paco Plaza. Il primo è quello attraverso il quale si ragiona e ci si scandalizza sul (non) senso e sull’(in)utilità di un rifacimento-fotocopia di un film recentissimo, giustificato unicamente (ma anche esplicitamente) da esigenze meramente commerciali ed economiche, senz alcuna ambizione di reinterpretazione artistica. Una posizione legittima e comprensibile, ma forse oramai – e purtroppo – anacronistica, da anime candide dure e pure: di conseguenza, forse, sterile. La seconda è quella per la quale si rinuncia a scandalizzarsi, dando per acquisiti – nel bene e nel male – i meccanismi industriali ed economici di Hollywood e ci si concentra sull’efficacia e sulle caratteristiche dell’oggetto film.

Forse, allora, più che un remake o una fotocopia, Quarantena può essere considerato una cover fedelissima dell’originale spagnolo, del quale riprende (quasi) tutto modificando in maniera quasi impercettibile l’arrangiamento solo in un paio di punti. In Quarantena i tempi sono leggermente più dilatati (89 minuti contro gli 80 scarsissimi dell’originale) e – di conseguenza – c’è un lieve calo rispetto ritmo frenetico e nella tensione claustrofobica di Rec; e la recitazione della Carpenter è forse eccessivamente iper-isterica e spastica. In soldoni: pur di poco, ma l’originale era meglio. Da qui però a dire che quello di John Erick Dowdle sia un film moscio, ce ne passa: anche per chi ha visto l’originale, questa cover resta avvincente e spaventosa, garanzia di un’oretta e mezzo di più che dignitoso intrattenimento. Il merito sarà pure più di Balagueró e Plaza che non di Dowdle, ma perlomeno l’americano non ha rovinato nulla di fondamentale.

Anzi, va riconosciuto che nella riproposizione del materiale originale, apparentemente identica, Dowdle – anche sceneggiatore con il fratello Drew – ha inserito due variazioni: piccole apparentemente, ma non da poco per quanto riguarda la portata tematica. Una riguarda il finale, nel quale, senza spoilerare (troppo) si passa da una visione mistico-religiosa degli spagnoli ad una razionalista e scientifica, tutta legata ad ansie contemporanee. Differenze culturali, e poco più. L’altra, invece, più significativa, riguarda il ragionamento (in)conscio sulla visione e sullo sguardo che un film tutto girato attraverso la soggettiva di una telecamera non può portare con sé. Se a un certo punto del loro film Balagueró e Plaza insinuavamo l’impossibilità della neutralità dello sguardo ed una complicità virale dello stesso, in una scena in cui una bambina che scopriremo infetta tocca col dito l’obiettivo della telecamera appoggiata al terreno, in Quarantena Dowdle si spinge decisamente oltre. Magari per superficiali esigenze spettacolari, ma comunque oltre. In una scena tesa e concitata, la telecamera, l’obiettivo della telecamera attraverso il quale partecipiamo alla vicenda, si fa letteralmente arma attiva contro uno degli infetti. Non solo la neutralità è impossibile, ma il (nostro) guardare si fa necessariamente parte attiva degli eventi.

Ma se la neutralità è impossibile in qualsiasi tipo di sguardo, allora forse anche quella che in apparenza è una semplice operazione di remake shot-for-shot potrebbe nascondere scarti di significazione più complessi di quel che sembra.

Quarantena
Trailer del film horror diretto da John Erick Dowdle


  • Critico e giornalista cinematografico
  • Programmatore di festival
Suggerisci una correzione per la recensione
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
lascia un commento