Operazione vacanze - la recensione del film con Jerry Calà

29 maggio 2012
1

Operazione vacanze - la recensione del film con Jerry Calà


Se, citando Pasolini, “fare cinema significa riprodurre la realtà e l’azione dell’uomo che si rappresenta nella vita” il cinema trash è una categoria estetica, oggi più che mai, significativa e degna di rispetto. Di trash, che significa “spazzatura”, ci nutriamo quotidianamente a partire dalla banalissima (e feroce) corte dei miracoli che sfila ogni giorno in gran parte della nostra televisione, fino a ciò che mangiamo (come il cibo spazzatura crea dipendenza al pari di una droga lo spiega bene il documentario Supersize me).

E’ in questo contesto che la commedia “all’italiana” Operazione vacanze è significativa. Nata da un’idea di Jerry Calà ed elaborata poi insieme a Gino Capone e alla sceneggiatrice Rossella Drudi, è una action comedy farsesca che, cavalcando l’onda del successo delle commedie di consumo dei Vanzina e soci, si fa (a tratti consapevolmente) icona di un cinema trash italiano della crisi (e in crisi).

Diretto da Claudio Fragasso (nato con l’horror e trasformatosi in autore di action-movie come Palermo Milano solo andata) e trainata da un popoloso cast di comici non di primo pelo, il film ci propone con una beceraggine goliardica collaudata da almeno tre lustri dai vari cinepanettoni e affini, uno scenario in cui - tra equivoci, inganni, una comicità ripetitiva, personaggi banali e qualche attore sprecato (in primis Maurizio Mattioli) - dilagano una mancanza di idee e una piattezza delle trovate che producono una specie di desertificazione dell’intelligenza. Desertificazione tipica della nostra cultura di massa fondata su aggressivi scenari televisivi, talk show e reality ai limiti del decoro.

E allora vai con Jerry Calà che nonostante i suoi 60 anni suonati continua a cavalcare l’onda dello sciupa femmine di Sapore di mare ( “L’estate sta finendo”) e, shakerando il suo Billo di Vacanze di Natale con l’ Enrico Borghini della serie tv degli anni ottanta Professione vacanze, ci sciorina il personaggio di Bebo Conforti: un cantante di piano bar che inseguito da un boss cattivissimo (l’ormai onnipresente Francesco Pannofino in versione acida e cartoon), si rifugia in un villaggio turistico dove, tra un travestimento e l’altro, si sostituisce al vero capo villaggio.

Il personaggio di Jerry Calà raggiunge il suo apice quando, tra una nostalgica suonata al piano bar e l’altra, si trova a lottare in riva al mare, per almeno due demenziali minuti, contro una piovra gigantesta (reminiscenza di Bela Lugosi nel film di Ed Wood?).
All’allegra combricola c’è da aggiungere Valeria Marini ingessata nella sua solita mise da femme fatalona, Enzo Salvi nei panni del povero Nando Buccia, Maurizio Mattioli in quelli del commendator Piccozza e Umberto Smaila che ha musicato per l’evento il singolo “Operazione vacanze”, cantato da Jerry Calà.

Operazione vacanze è un cinesalvagente condito dal tocco di un regista romano di film stracult (tutti rigorosamente sceneggiati dalla compagna Rossella Drudi) del calibro di After death (Oltre la morte), La casa 5 e l’indimenticabile Troll 2.
Rimane solo da chiedersi se questa commedia sarà apprezzata oltre che dagli amanti del trash, anche da quel pubblico affezionato a gag da scarso avanspettacolo e alla comicità dei fratelli Vanzina e soci. Probabilmente il comico provoca risultati diversi a seconda delle condizioni e del corpo sociale che lo consuma. E’ come il sonno: ritempra o rincretinisce a seconda della dose, dell’ora e della stagione.



Suggerisci una correzione per la recensione
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
lascia un commento