Nord, la recensione del film di Rune Denstad Langlo

23 febbraio 2010
3.5 di 5
8

Dopo essere stato tra i protagonisti del Festival di Berlino del 2009 e di quello di Torino nello stesso anno, esce in Italia per volere di Nanni Moretti, una bizzarra commedia norvegese dalla sensibilità particolare e insieme universale.

Nord, la recensione del film di Rune Denstad Langlo

Nord - recensione del film di Rune Denstad Langlo

È ormai da qualche anno che dalla Norvegia arriva (se arriva…) un cinema caratterizzato da una particolare weirdness tutta scandinava, da un senso della narrazione obliquo che presenta in chiave particolare personaggi e situazioni. Basti pensare a film come quelli di Bent Hamer, di Petter Naess, o Pål Sletaune, solo per citarne alcuni di quei registi che con i loro film sono sbarcati nel nostro paese. Nord, diretto da Rune Denstad Langlo - esordiente nel lungometraggio di finzione - s’inserisce alla perfezione in questo filone: si tratta infatti di una bizzarra commedia on the snow che vede il protagonista Jomar attraversare in sella ad una motoslitta metà del paese verso settentrione, attraversando paesaggi sconfinati e perennemente innevati, alla ricerca di un figlio che non ha mai conosciuto e che ha appena saputo di avere.

Se è vero che nei suoi assunti di base Nord non è un film originalissimo – la struttura è per l’appunto quella tipica di un road movie, dove il viaggio è primariamente viaggio interiore alla (ri)scoperta di sé stessi e verso il superamento delle proprie paure – lo è altrettanto che trova la sua personalità non solo nei setting particolari ma soprattutto nella caratterizzazione dei personaggi, delle loro interazioni e nelle tonalità sempre in minore che vengono adottate. Nel corso del suo cammino, Jomar compie delle tappe che non sembrano affatto casuali: nel suo peregrinare s’imbatte prima in una ragazzina che vive sola con la nonna, poi in un iperagitato contadino poco più che ventenne, infine con un vecchio sami accampato su un lago ghiacciato. Una scansione generazionale, questa, che è evidentemente simbolica di un processo esistenziale tutto interiore al protagonista, ma che non dimentica la controparte e riesce anche a raccontare molto di un paese e di alcune sue caratteristiche sociali, demografiche, etnografiche, antropologiche.

Il percorso e le avventure di Jomar contano poi su una regia attenta e miminale da parte di Denstad Langlo, che trova equilibrio e misura, gioca bene con i silenzi, con i piccoli gesti, con le dilatazioni. Ma è vero che a rendergli facile il lavoro è la qualità della sceneggiatura, opera di Erlend Loe, uno degli scrittori di punta della letteratura norvegese contemporanea (pubblicato in Italia da Iperborea) che più di una volta ha prestato la sua penna al cinema. È soprattutto grazie a lui che Nord riesce a trovare un ritmo e un mood agrodolci, che oscillano tra lo stralunato e l’ironico, tra il toccante e il grottesco, mantenendo sempre un baricentro mobile ma stabile. E che il film risulta capace di una sensibilità attenta e pudica, proprio come un finale che ha il pregio di rimanere semplicissimo e sospeso.



  • Critico e giornalista cinematografico
  • Programmatore di festival
Suggerisci una correzione per la recensione
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
lascia un commento