Le fate ignoranti: recensione del dramma di Ferzan Ozpetek con Margherita Buy e Stefano Accorsi

19 agosto 2020
3 di 5
9

Un uomo e una donna uniti da un lutto, divisi da stile di vita e abitudini, ne Le fate ignoranti, maggior successo di critica e commerciale di Ferzan Ozpetek.

Le fate ignoranti: recensione del dramma di Ferzan Ozpetek con Margherita Buy e Stefano Accorsi

Per il suo terzo film Ferzan Ozpetek, autore turco di nascita ma di formazione cinematografica italiana, lascia da parte le amnbientazini esotiche dei suoi primi lavori per ambientare una storia letteralmente a casa sua, nella Roma del quartiere Ostiense che ben conosce e vive, in cui ruotano una serie di protagonisti non di rado portatori di quella matrice culturale e di quelle "spezie" tipiche della sua città natale, Istanbul. 

Una terrazza e una tavola è sempre pronta ad accogliere chi suona alla porta, che sia per cercare il sale appena arrivata da una terra lontana in città o per fare una pausa in una vita sempre in movimento. È casa di Michele (Stefano Accorsi), è un mondo in cui si incontrano identità sessuali, età, formazioni culturali e sociali molto diverse, in un contesto ciarliero e colorato, che rappresenta un contesto tipico del cinema di Ozpetek. Una realtà agli antipodi rispetto alla vita borghese e un po’ grigia, seppure felice per un matrimonio che le dà soddisfazione, che vive Antonia (Margherita Buy). Siamo nel 2001, e si fanno sentire quotidianamente gli effetti della piaga dell’AIDS, sia fra chi popola la terrazza di Michele, sia nella vita di Antonia, che è un medico specializzata propria nella cura di questa terribile malattia.

C’è un altro elemento che unisce questi due mondi, come viene a scoprire nella maniera più brutale possibile Antonia. Il marito, Massimo, muore improvvisamente e nel complesso processo di elaborazione del lutto la donna scopre che da anni aveva una relazione, apparentemente altrettanto felice, con un uomo, proprio Michele. Non solo, tanto quanto la vita domestica di Massimo era silenziosa, la sua doppia vita gli regalava quello che a casa non trovava: i colori e i sapori di una nuova famiglia generosa e accogliente. Antonio cerca Michele, non può farne a meno, si respingono e poi iniziano ad ascolarsi, a conoscersi. Lei scopre la sua realtà, in cui il marito “era uno di noi”, come la sua vera famiglia fosse un’altra. 

Un mondo esclusivamente di coppia rispetto a una dimensione di gruppo: due microcosmi opposti eppure complementari per rendere piena e felice la vita di Massimo. Se ne convince sempre più Antonia, mentre si insinua nella morbida e saporita seconda vita del marito, imparando forse in questo modo a capire la sua infedeltà e i limiti di una vita abitudinaria, in cui “è pericoloso dire la verità”. Non manca una musica molto presente con sonorità mediorientali, così come la poesia di un gigante come Nazim Hikmet, vero poeta nazionale turco. 

Le fate ignoranti rimane il miglior film di Ozpetek, capace di esaltare temi e ambientazioni a lui care, come la solitudine e il distacco, o l’identità, senza trascurare una fluidità di racconto morbida e accogliente, con personaggi di carne e passione. Non manca la malinconia di fondo di chi si esilia a casa propria, tacitando i propri sentimenti senza vivere in pieno l’attimo, con la curiosità di conoscere l’altro e stupirsi ogni giorno di quello che lo circonda, anche solo pochi piani più in alto nello stesso palazzo, senza bisogno di fare troppa strada. Un’apologia della famiglia allargata, del gruppo come rifugio e microcosmo di una nuova patria, quell’orgoglio identitario rivendicato dal movimento LGBT e dalle immagini che scorrono durante i titolo di coda del film. Eccellente la Buy, ma anche Accorsi dà un bello spessore a un personaggio non semplice e spigoloso.



  • critico e giornalista cinematografico
  • intervistatore seriale non pentito
Suggerisci una correzione per la recensione
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
lascia un commento