Il gioco di Ripley

Il gioco di Ripley

( Ripley's Game )
Voto del pubblico
Valutazione
4 di 5 su 1 voti
Al cinema dal: 07 febbraio 2003
Anno: 2002
Paese: Gran Bretagna, Italia, USA
Durata: 110 min
Il gioco di Ripley è un film di genere drammatico, thriller del 2002, diretto da Liliana Cavani, con John Malkovich e Dougray Scott. Uscita al cinema il 07 febbraio 2003. Durata 110 minuti. Distribuito da 01 DISTRIBUTION.
Data di uscita: 07 febbraio 2003
Genere: Drammatico, Thriller
Anno: 2002
Paese: Gran Bretagna, Italia, USA
Durata: 110 min
Formato: 35 MM (1:1,85)
Distribuzione: 01 DISTRIBUTION
Fotografia: Alfio Contini
Montaggio: Jon Harris
Produzione: CATTLEYA, DOGSTAR FILMS, FINE LINE FEATURES, MR. MUDD, BABY FILMS

TRAMA IL GIOCO DI RIPLEY:

Tom Ripley riesce a convincere un uomo a commettere un omicidio dietro il pagamento di una forte somma di denaro. La situazione però sfugge al controllo e il killer deve cercare di risolvere il problema.

CRITICA DI IL GIOCO DI RIPLEY:

"Liliana Cavani ha riambientato l'azione nelle ville palladiane del Veneto, l'ha 'attualizzata' con la mafia russa e ha affidato la parte a John Malkovich. Se l'ambientazione (valorizzata dalla fotografia di Alfio Contini) è bella, il film resta languido malgrado le scene di violenza e le allusioni al lato oscuro degli esseri umani. Non mancano le imprecisioni (treni 'truccati' sommariamente per cambiarne la nazionalità); Malkovich gigioneggia senza ritegno". (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 8 febbraio 2002)"C'è ancora chi si chiede come rappresentare il Male al cinema? Sì per fortuna: Liliana Cavani, che nel 'Gioco di Ripley', da Patricia Highsmith, rovescia le convenzioni di tanti action-thriller. Mettendo l'accento sulla trionfante amoralità di Ripley, dandy e assassino capace di indurre un pacifico corniciaio minato dalla leucemia a diventare un killer solo per il gusto del potere e, in ultima analisi, della seduzione. Un invito a nozze per John Malkovich: il suo criminale parvenu con villa del Palladio e amante clavicembalista ha i guizzi gelidi dello psicopatico e un torbido fascino superomistico che cercheremmo invano nell'insulso 'Ripley' di Minghella o nel grottesco di 'Hannibal', altro esteta del crimine che di Ripley è l'evidente degenerazione. Ma è il sottile, perverso rapporto fra questo dandy criminale e il corniciaio che scopre in extremis la rischiosa arte del delitto, la chiave di questa sofisticata riflessione sul fascino del negativo. Percorsa da una certa ironia ma non per questo meno amara e violenta. Un bel ritorno per la Cavani. E la conferma che anche un film su commissione può essere molto personale". (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 14 febbraio 2003)

CURIOSITÀ SU IL GIOCO DI RIPLEY:

- PRESENTATO FUORI CONCORSO ALLA 59MA MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA (2002).- LO STESSO TESTO AVEVA ISPIRATO "L'AMICO AMERICANO" DI WIM WENDERS (1977).- REVISIONE MINISTERO: FEBBRAIO 2003.

SOGGETTO DI IL GIOCO DI RIPLEY:

DAL ROMANZO "L'AMICO AMERICANO" DI PATRICIA HIGHSMITH

lascia un commento
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming