Genitori & Figli - la nostra recensione del film di Veronesi

25 febbraio 2010

Di fronte ai primi turbamenti sessuali, la quattordicenne Nina dovrà fare i conti con il mondo degli adulti, in cui i genitori sembrano avere problemi molto maggiori rispetto ai propri figli. Uno spaccato corale dell’eterno confronto tra generazioni in una pellicola troppo alterna, che sa sfruttare a tratti i tempi della commedia ma no...

Genitori & Figli - la nostra recensione del film di Veronesi

Genitori & figli - la recensione

Dopo l’esperienza cinematografica molto poco gratificante – per ammissione dello stesso regista – di Italians, Giovanni Veronesi torna con Genitori & figli: agitare bene prima dell’uso al cinema che meglio conosce, quello corale che ha fatto la sua fortuna soprattutto con i due capitoli di Manuale d’amore. Rispetto agli episodi indipendenti di questi film però il suo nuovo lavoro si struttura su una sola storia, che vede protagonista una quattordicenne confusa dai primi turbamenti sentimentali e sessuali. Attraverso gli occhi innocenti e gentili della giovane Nina (una convincente esordiente Chiara Passarelli) assistiamo quindi alle difficoltà che i padri e le madri di oggi affrontano sia nel rapporto coniugale che in particolar modo nel trovare un dialogo equilibrato e proficuo con i propri figli.

Veronesi sembra voler evitare fin dal principio messaggi retorici e preconcetti sulla situazione dei giovani d’oggi, e costruisce scene di confronto generazionale che preferiscono proporre argomenti di dibattito piuttosto che dare risposte. Il dubbio maggiore che questo film però lascia nello spettatore è quello che dietro all’ostentata neutralità rispetto ai temi proposti non ci sia in molti momenti la capacità di andare in profondità rispetto agli stessi. Genitori & figli alterna infatti momenti più forti ed introspettivi ad altri in cui dialoghi, caratterizzazioni psicologiche e messa in scena risultano approssimativi, se non addirittura superficiali.

Sul versante della commedia più funzionale, a salvare parzialmente la situazione contribuiscono gli attori, in particolar modo la coppia formata da Margherita Buy e Michele Placido: la loro professionalità consumata regala spessore ai rispettivi personaggi, cosa che tutto sommato riesce, anche se con minore efficacia, all’altra coppia Silvio Orlando/Luciana Littizzetto.

Genitori & figli: agitare bene prima dell’uso appare in definitiva un’opera eccessivamente trattenuta, che evita un approccio esageratamente ridanciano alla storia che tratta ma allo stesso tempo non possiede neppure la capacità di equilibrare scene più serie a parti maggiormente destinate all’intrattenimento. Il risultato è un ibrido che rimane sospeso e non riesce conseguentemente a convincere. Anche se evidentemente più sentito rispetto al precedente lavoro, anche Genitori & figli appare confermare un momento di stanca nella vena creativa di Giovanni Veronesi.



  • Critico cinematografico
  • Corrispondente dagli Stati Uniti
Suggerisci una correzione per la recensione
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
lascia un commento