Focus - Niente è come sembra: la recensione del film con Will Smith

04 marzo 2015
2.5 di 5
14

Un giallo romantico zeppo di colpi di scena che lasciano il pubblico troppo passivo.

Focus - Niente è come sembra: la recensione del film con Will Smith

Will Smith rimette su un po’ di muscoli per essere credibile accanto alla giovane e avvenente star in ascesa Margot Robbie. In Focus - Niente è come sembra entrambi interpretano dei truffatori abili nel borseggio che si incontrano per caso e piuttosto rapidamente si innamorano. La storia di Glenn Ficarra e John Requa, anche registi del film, fa di tutto per essere il meno convenzionale possibile. Per circa una quarantina di pagine, il copione mette a fuoco Smith, raffinato manager di un centro di riciclaggio di denaro proveniente da piccoli furti, carte di credito clonate e raggiri, e il suo rapporto con la “stagista” Robbie. Questo prologo si svolge tra New York e New Orleans, contiene uno sviluppo, una fine e lascia interrogativi che sono chiariti nella restante ora di film, ambientata a Buenos Aires tre anni dopo.

Elegante nello stile di regia, caldo nella luce, generoso nella love story con i due protagonisti. È evidente l'intento di Ficarra e Requa di conquistare anche il pubblico femminile, mantenendo una netta distanza dai film d'azione con ritmi forsennati. L'ambiguità romantica della coppia è un elemento portante di una storia che gioca a spiazzare il pubblico dal primo all'ultimo minuto. I registi ci abituano presto a non credere a tutto ciò che viene detto o fatto sullo schermo, perché scoprendo le carte la verità è regolarmente ben altra. Siamo in un mondo di truffatori e manipolatori che rischia, però, di ritorcersi contro gli stessi autori.

Come sappiamo, Alfred Hitchcock prediligeva la suspense nei suoi film ritenendo che lasciare il pubblico con il fiato sospeso a narrazione in corso fosse più appagante di schiaffeggiarlo con un colpo di scena improvviso. Il maestro del giallo consegnava agli spettatori più informazioni di quante ne possedesse il protagonista della sua storia, rendendo così più attivo il coinvolgimento del pubblico. I registi di Focus fanno l'esatto opposto. I personaggi sono narrativamente più avanti di chi li guarda e la storia non fornisce elementi per intuire dove vogliano andare. I colpi di scena si sprecano senza che siano minimamente ipotizzabili, acquistando plausibilità solo grazie ai flashback esplicativi. Alla fine tutto torna, certo, ma è come giocare a "Che cosa apparirà?" senza vedere i puntini da unire. Non dare uno straccio di indizio al pubblico non aiuta a rendere un film meno scontato, significa soltanto farsi una platea di ostaggi.





  • Giornalista cinematografico
  • Copywriter e autore di format TV/Web
Suggerisci una correzione per la recensione
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
lascia un commento