El cantante - la recensione del film

21 aprile 2011
3 di 5

Ma quanto se la spassavano negli anni ’70-‘80 i “pionieri” di qualsivoglia genere musicale, che nelle notti e nei locali newyorkesi trovavano pane per i loro denti?! A ricordarcelo un discreto numero di pellicole trainate dalla musica, sia essa rock-punk-disco-black, e altrettanti biopic che tra eccessi e successi raccontano le vite sp...

El cantante - la recensione del film

El cantante - la recensione

Ma quanto se la spassavano negli anni ’70-‘80 i “pionieri” di qualsivoglia genere musicale, che nelle notti e nei locali newyorkesi trovavano pane per i loro denti?! A ricordarcelo un discreto numero di pellicole trainate dalla musica, sia essa rock-punk-disco-black, e altrettanti biopic che tra eccessi e successi raccontano le vite spericolate dei più grandi protagonisti di quel periodo.

Lo ricorda e tiene a precisarlo anche Jennifer Lopez intervistata nei panni di Puchi, alias Nilda Perez, moglie del cantante portoricano Hector Lavoe, nell’inizio (in bianco e nero) di El cantante. Si parte così dal 2002, anno in cui la vera Puchi raccontò al regista cubano Leon Ichaso, ovviamente secondo il proprio punto di vista, la vita passata insieme a colui che per la popolazione latino americana divenne idolo e vera e propria leggenda.

1965, Jazz, Rumba, Mambo e Plena shakerate e ballate da tutti i Nuyorican della grande mela: ed ecco fatta la Salsa. Con essa anche la fortuna della Fania Records, etichetta che sta al ritmo latino come la Motown al soul afro-americano degli anni ’60. Hector Lavoe (pseudonimo affibbiatogli dal suo produttore e che in simil francese doveva significare La Voce) incarna perfettamente l’energia, la nostalgia, la carica drammatica e la voglia di riscatto di una minoranza etnica in costante aumento che cercava di ricreare “calienti”paradisi tropicali nel buio delle cantine di New York.

Prodotto dalla stessa J-Lo e uscito negli Stati uniti nel 2007 il film che, contrariamente alle aspettative incassò soltanto poco più di 7 milioni di dollari, non si discosta minimamente dai cliché familiari, tanto da risultare scontati, di un certo cinema biografico. Guai a cedere alla tentazione di una qualche variazione su tema, la ricetta è seguita pedissequamente, dosi e elementi combinati a raccontare la consueta ascesa alle vette del proprio american (o in questo caso) hispanic dream, il “tutto e subito” che si ottiene con denaro e successo e la conseguente discesa agli inferi.

La Lopez sceglie il marito, cavalcando il binomio coppia nella vita-coppia sul grande schermo, e Marc Anthony dona con evidente passione voce e corpo al suo personaggio.
Canta benissimo riuscendo anche trasmettere aspetti emotivi che caratterizzavano Lavoe, come ad esempio il suo essere puerile e naif e lo sguardo costantemente stupito sulla propria folgorante esistenza.

Resta comunque il predominio di Jennifer Lopez, che con il ruolo (ben interpretato) di donna forte e capace di sopportare quasi tutto per amore del marito come un moderno angelo custode o forse più madre-manager seduttiva, sembra “impallare” il protagonista. Peccato perché se fossero riusciti ad ampliare lo sguardo sull’interessante contesto culturale, che invece fa soltanto da sfondo alla vicenda, il film ne avrebbe guadagnato. Bastava affacciarsi un po’ più spesso sul mondo latino, e il respiro sarebbe stato subito un altro. Lo si capisce perché non ci si annoia affatto durante le numerose e trascinanti sequenze di musica e ballo. Fotografia sgranata, il sole di Porto Rico che “brucia la pellicola” e la macchina a spalla per passaggi degni dei migliori videoclip del genere, che arrivano prontamente a interrompere i tanti momenti bui e un po’ monotoni attraversati in venti anni di unione da Puchi e Lavoe.

Un’ unione che Puchi-Lopez racconta con parole verosimili definendola più o meno così: “il nostro era un  rapporto all’antica, in cui le cose andavano bene e anche male. Non come le coppie moderne in cui tutto deve essere perfetto. L’amore, quello vero, non ha niente di perfetto”.
 



Suggerisci una correzione per la recensione
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
lascia un commento