Don Camillo

Don Camillo

( Le petit monde de Don Camillo )
Voto del pubblico
Valutazione
4.4 di 5 su 13 voti
Genere: Commedia
Anno: 1952
Paese: Italia
Durata: 100 min
Distribuzione: CINERIZ - DEAR - DOMOVIDEO, MONDADORI VIDEO, MULTIGRAM
Don Camillo è un film di genere commedia del 1952, diretto da Julien Duvivier, con Fernandel e Gino Cervi. Durata 100 minuti. Distribuito da CINERIZ - DEAR - DOMOVIDEO, MONDADORI VIDEO, MULTIGRAM.
Genere: Commedia
Anno: 1952
Paese: Italia
Durata: 100 min
Distribuzione: CINERIZ - DEAR - DOMOVIDEO, MONDADORI VIDEO, MULTIGRAM
Fotografia: Nicolas Hayer
Montaggio: Maria Rosada
Produzione: GIUSEPPE AMATO PER RIZZOLI-AMATO (ROMA), FRANCINEX (PARIGI)

TRAMA DON CAMILLO:

In un piccolo paese della Bassa Padana, Don Camillo, il robusto e combattivo parroco, e Peppone, il sindaco comunista, si trovano perennemente in contrasto, ma dopo scontri talvolta violenti, finiscono col mettersi d'accordo, lasciandosi guidare dal buon senso. Mentre i rossi festeggiano, in un comizio, la loro vittoria alle elezioni, Don Camillo fa suonare le campane a morte. Però Peppone si prende la sua rivincita quando può annunciare la prossima costruzione di una magnifica Casa del Popolo. Don Camillo, che non riesce a completare la costruzione del suo oratorio, si domanda dove Peppone trovi i soldi ma, ripensandoci, ricorda la storia della cassa d'una divisione militare scomparsa misteriosamente. Messo alle strette, Peppone viene indotto a cedere una parte del bottino. Don Camillo si lascia spesso trasportare dal suo temperamento ma poi si pente delle sue intemperanze e accetta umilmente i rimproveri che gli vengono dal Crocifisso dell'altare maggiore. Il tempestoso amore d'un giovane comunista per la figlia d'un possidente, benché abbia lieto fine, fa perdere il controllo di sé a Don Camillo, tanto che il vescovo lo manda un po' in vacanza. Peppone proibisce ai suoi amministrati di salutarlo quando lascia il paese ma Don Camillo sarà festeggiato alle più vicine stazioni della linea ferroviaria dai suoi fedeli e dallo stesso Peppone.

CRITICA DI DON CAMILLO:

"Il compito di Dudivivier si presentava irto di dificoltà. A cose fatte si può constatare che non una (...) è stata in qualche modo superata. (...) Il film potrebbe recare la firma di Guareschi, tanto è superficiale, frammentario, privo di qualsiasi accenno di stile. Qua e là, qualche breve sprazzo di un formalismo caro al vecchio Duvivier (come nella sequenza della processione o, in quella quasi identica, di Don Camillo che nel finale attraversa la piazza deserta per recarsi alla stazione): null'altro. Il resto è bozzetto, macchietta, talora addirittura barzelletta (...)." (F. Valobra, "Rassegna del Film" n. 3 , aprile 1952).

CURIOSITÀ SU DON CAMILLO:

- NELLA VERSIONE AMERICANA LA VOCE NARRANTE E' DI ORSON WELLES, IN QUELLA FRANCESE E' DI JEAN DEBUCOURT.- NASTRO D'ARGENTO 1952 A FERNANDEL (MIGLIORE ATTORE STRANIERO IN UN FILM ITALIANO).

SOGGETTO DI DON CAMILLO:

i racconti del volume "Mondo piccolo" (1948) di Giovanni Guareschi

lascia un commento
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming