Con chi viaggi: recensione della divertente commedia on the road con un Lillo... mai visto prima

23 maggio 2022
3.5 di 5

Sarà al cinema solo per tre giorni, per poi uscire su piattaforma streaming, Con chi viaggi, una divertente black comedy che vale la pena di vedere. La recensione di Daniela Catelli.

Con chi viaggi: recensione della divertente commedia on the road con un Lillo... mai visto prima

Un tempo, per i giovani con pochi soldi in tasca che volevano viaggiare, c'era l'autostop, che moltissimi di noi (inclusa chi scrive) hanno praticato in gioventù e che – già rischioso all'epoca – appare oggi improponibile. Oggi invece, soprattutto per i tragitti più brevi, ci sono le BlaBla car - o come altrimenti si chiameranno nel mondo - ovvero delle app che permettono, a chi deve raggiungere una certa destinazione, di dividere le spese con chi ci è già diretto e mette a disposizione un posto auto in cambio di un contributo alle spese e un po' di compagnia. Ovviamente, come per tutto oggi, esistono recensioni e profili da consultare, ma tutti sappiamo quanto possa essere facile, ormai, simulare identità non proprie, e se a questo aggiungiamo la paranoia prevalente il gioco (al massacro) è fatto.

Nasce da un'ottima intuizione spagnola la terza regia del duo You Nuts!, Con chi viaggi. Per una volta, però, una volta il remake è divertente e sensato e riesce anche a migliorare l'originale (se volete togliervi la curiosità e comprendete la lingua, su youtube trovate l'originale Con quién viajas). Ci piace già dal titolo questa dark comedy: omettendo il punto interrogativo, la frase si trasforma in una constatazione su quanto poco sappiamo, in generale, delle persone con cui ci accompagnamo. Senza altre pretese che non divertire, questa classica commedia degli equivoci in cui non mancano colpi di scena stimola la riflessione su temi molto attuali come l'incapacità di fidarci gli uni degli altri, i pregiudizi, la perduta abitudine al dialogo per conoscersi e le sorprese, positive o negative, che la vita ci riserva rispetto alle nostre aspettative o timori.

Girato quasi interamente all'interno di un'auto (che in realtà, grazie alle moderne tecnologie, stava per lo più ferma in un teatro di posa, ma se non si sa nemmeno si nota), il film è la storia dell'incontro di quattro persone: un guidatore (Lillo), che mette a disposizione la sua capiente auto per un passaggio da Roma a Gubbio e tre ragazzi che non ci conoscono, o così pare, tra di loro (Alessandra Mastronardi, Michela De Rossi e Fabio Rovazzi). L'affabile autista appare fin dall'inizio un tipo particolare: il passaggio, dice, era inteso per una sola persona, ma a causa del fatto che è la prima volta che usa la app, non ha bloccato in tempo e ora se ne ritrova due in più. Inoltre, il sedicente e logorroico Paolo sembra avere una strana fissazione per una delle ragazze ed appare stranamente reticente o suscettibile a certi argomenti. Nel microcosmo dell'abitacolo dell'auto iniziano ad accumularsi indizi e paure, mentre i tre passeggeri si scambiano impressioni e consigli sul cellulare. Ovviamente non tutto è come sembra. O forse sì?

Con chi viaggi è, come dicevamo, un film gradevole, interpretato con brio e naturalezza dal cast e ben diretto, che nella durata essenziale (e meritevole) di 72 minuti, perfino minore di quella del suo omologo spagnolo, riesce a divertire e a coinvolgere lo spettatore. Gran parte del merito va dicevamo ad un cast molto affiatato, ma soprattutto a Lillo, qua vero e proprio leading man (alla guida dell'auto e del film), utilizzato al meglio delle sue capacità. Se per qualcuno è diventato un meme di se stesso da usare in quanto tale, con la certezza di strappare la risata, offrirgli un copione del genere, che l'attore/autore fa suo con le sue doti espressive e di improvvisatore, valorizza il talento di un protagonista del nostro spettacolo che sa essere perfettamente credibile sia nelle vesti del nevrotico guidatore che in quelle dell'incompreso bonaccione o dell'inquietante pazzoide. C'è tutto questo e molto altro dentro il suo sguardo nello specchietto retrovisore, tanto che anche noi, come i suoi tre passeggeri, finiamo per restarne confusi. E anche solo per questo vale la pena di vedere Con chi viaggi, al cinema (per soli 3 giorni) o in streaming in un prossimo futuro.



  • Saggista traduttrice e critico cinematografico
  • Autrice di Ciak si trema - Guida al cinema horror e Friedkin - Il brivido dell'ambiguità
Suggerisci una correzione per la recensione
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
lascia un commento