Schede di riferimento
News Cinema

In Search of Greatness: alla ricerca di quello che rende grandi i grandi dello sport (e non solo)

37

Pelè, Wayne Gretzky, Jerry Rice, Serena Williams, fino ai Beatles e David Bowie. Un grande omaggio alla creatività e al pensare fuori dagli schermi, contro ogni dittatura dei numeri e degli algoritmi. In streaming su Amazon Prime Video, Apple iTunes e Google Play.

In Search of Greatness: alla ricerca di quello che rende grandi i grandi dello sport (e non solo)

Quel gran bel film che era Moneyball - L'arte di vincere - quello con Brad Pitt protagonista, scritto da Aaron Sorkin e diretto da Bennett Miller: una squadra mica male - raccontava la storia, vera, di una squadra di baseball capace di sfiorare la vittoria alle World Series non grazie al talento dei suoi giocatori, ma a un uso metodico e scrupoloso dei dati statistici, rielaborati da appositi algoritmi.
Il fatto che Moneyball fosse un bel film, e che i metodi del general manager degli Oakland Athletics Billy Bean siano oramai la prassi in molte importanti squadre dei più popolari sport professionistici, non vuol dire che quella sia necessariamente la direzione giusta da seguire. Specie in un mondo nel quale l’ossessione per i numeri intesi in senso puro, e le spietate leggi algoritmiche che regolano buona parte dei nostri lavori e dei nostri svaghi online, stanno uccidendo la libertà creativa e impigrendo il pensiero. Rincitrullendo, perfino.

In Search of Greatness, documentario di Gabe Polsky che trovate disponibile in streaming su Amazon Prime Video, Apple iTunes e Gooogle Play, si propone di esplorare, fin dal titolo, cosa sia quel quid che rende davvero grandi i grandi dello sport. E, per farlo, intervista gente che non ha certo bisogno di presentazioni, tra i più grandi di sempre nelle loro discipline: Pelè per il calcio, Wayne Gretzky per l'hockey su ghiaccio, Jerry Rice per il football americano. Toccando poi, col procedere della sua analisi, casi come quelli di Serena Williams, Rocky Marciano, Mohammed Alì, John McEnroe e Michael Jordan, ma anche di musicisti rivoluzionari come i Beatles, Jimi Hendriks e David Bowie.

Il succo del discorso di In Search of Greatness può essere sintetizzato dalle parole di Gretsky: oggi gli atleti saranno anche più grossi, più forti, migliori fisicamente, ma non necessariamente sono più intelligenti. Ingabbiati fin da piccoli dentro strutture dal pensiero rigido, racconta Polsky, gravati dalle aspettative delle famiglie, gli atleti di oggi spesso e volentieri non hanno modo di esprimersi liberamente, di esercitare quella caratteristica unica ed esclusiva della mente umana che è la creatività, e che è il comune denominatore tra tutti i personaggi che esplora il suo documentario.
Poi certo, In Search of Greatness si preoccupa di specificare che il talento e la creatività non bastano, che per primeggiare ci vogliono disciplina, dedizione, esercizio, facilità di apprendimento, e fame di successo. E che però il paradigma non cambia, non c’è salto evolutivo, senza la capacità di pensare fuori dagli schemi.

Tutto ovvio e tutto risaputo, certo, ma ribadirlo, oggi, non è affatto scontato. Né, tantomeno, inutile.
Lo testimoniano le numerose dichiarazioni di Sir Ken Robinson, studioso ed educatore britannico che si occupa in particolare dello sviluppare la creatività di bambini e ragazzi (guardate il suo popolarissimo e illuminante TED Talk, “La scuola uccide la creatività?”, per avere un’idea di quello che teorizza e fa), o le punteggiature testuali con citazioni di Alan Watts, filosofo inglese che è stato uno dei punti di riferimento della controcultura degli anni Sessanta e grande diffusore del buddhismo zen in Occidente.

E alla fine, allora, quello che racconta davvero In Search for Greatness, è che è oggi necessario più che mai liberarci dalla schiavitù dei numeri, delle statistiche, degli algoritmi che ci rendono tutti omologati e prevedibili, performanti magari, ma in maniera anonima e meccanica. E di riconquistare spazi di libera espressione, di esplorazione creativa, di innovazione individuale: per fare un salto qualitativo che trasformi in innovatori semplici followers, per ottenere risultati davvero migliori, durevoli e memorabili, capaci di ispirare. Per noi stessi, e per le nostre squadre.



  • Critico e giornalista cinematografico
  • Programmatore di festival
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming