News Cinema

Figli: Fresi, Calabresi, Aprea, Sartoretti e i quattro padri tipo del film

Mattia Torre è riuscito a tratteggiare ottimi personaggi secondari, affidati ad attori che erano suoi amici e abituali collaboratori.

Figli: Fresi, Calabresi, Aprea, Sartoretti e i quattro padri tipo del film

Figli ci racconta diverse tipologie di padri, oltre al Nicola impersonato da Valerio Mastandrea, e ci dimostra, fra le altre cose, che in un film con due protagonisti forti e interpretati da attori famosi, anche i personaggi secondari possono avere una loro dignità, un loro peso nell'economia della vicenda e la giusta tridimensionalità. Quando ha inventato i suoi quattro papà archetipici, prendendo ovviamente spunto dalla realtà, Mattia Torre aveva già in mente a chi li avrebbe affidati. Voleva attori che fossero anche amici, oltre che abituali collaboratori, persone su cui poter contare e a cui lasciare in qualche modo un'eredità, che poi è il suo atteggiamento ironico verso la vita e il suo sguardo intelligente.

I personaggi secondari di Figli: i quattro padri

Il padre vittima interpretato da Stefano Fresi

Il personaggio che Stefano Fresi rende irresistibile, ma con cui non vorremmo mai e poi mai avere nulla in comune, fa il giornalista, tanto che, nelle note di produzione del film, è indicato come "L'amico giornalista". Ha due figli che sono dei selvaggi, sembrano affetti dalla sindrome da deficit di attenzione e sono particolarmente violenti. Rassegnato alla sua condizione di genitore succube, l'amico giornalista non reagisce con gioia alla notizia del secondo figlio in arrivo di Nicola: “Io l'ho detto a tutti di fermarsi al primo figlio" - dice - "a tutti, sui social, ho scritto un pezzo sull'Espresso, l’ho urlato nel quartiere, tutti lo sanno". Fresi era fra i protagonisti del secondo film da regista di Mattia Torre (diretto insieme a Giacomo Ciarrapico e Luca Vendruscolo),Ogni maledetto Natale.

Il padre separato interpretato da Valerio Aprea

A tormentare la vita leggera, fatta di aperitivi al tramonto e avventure di una notte, del padre separato con il volto di Valerio Aprea, sono i sensi di colpa. Il padre separato ha l'aspetto curato, un bel fisico e si veste in maniera abbastanza elegante, ma non riesce a godersi le gioie che la diminuzione delle sue responsabilità di papà gli reca. E’ curioso vedere Valerio Aprea, che nella trilogia di Smetto quando voglio era un po' uno sfigato, in una parte da tombeur de femmes, e vederlo senza i suoi immancabili riccioli. Amico di lunghissima data di Mattia Torre, Aprea ha diviso con lui, al cinema, l'esperienza della serie tv Boris e di Boris - Il film, dov'era uno degli sceneggiatori. Inoltre, durante una puntata del programma diretto da Serena Dandini Stati Generali, l'attore ha letto il monologo dell'amico "Gola". Last but not least, in Ogni maledetto Natale era il narratore.

Il padre con molti figli interpretato da Paolo Calabresi

Il papà che, nel film, ha commesso l'imperdonabile errore di riprodursi più e più volte è annichilito, vinto, disperato e completamente impotente di fronte all'orda barbarica che gli scorrazza per casa. Questo personaggio, di cui nella nostra Italia che fa pochi figli, restano ormai sparuti esemplari, non parla, ma, con la sua mimica straordinaria, Paolo Calabresi ne esprime il tumultuoso mondo interiore. L'attore è stato l'Augusto Biascica di Boris - Il film e della serie Boris. Ne La linea verticale, infine, era Padre Costa.

Il padre milionario interpretato da Andrea Sartoretti

Della galleria di papà che appaiono in Figli, quello impersonato da Andrea Sartoretti, il padre milionario, sembra uno dei più fortunati. Non ha pensieri e può trascorrere le serate insieme alla sua compagna, che ama teneramente, a guardare la tv spazzatura e a servirsi del televoto. Bello, curato e sorridente, ha delegato l'educazione della sua prole a una coppia di efficienti filippini, senza sapere che i figli finiranno per vederlo come un estraneo. Anche Andrea Sartoretti ha condiviso un'amicizia lunghissima con Mattia Torre, di cui era compagno di scuola.Ha recitato, nel 2003, in Piovono mucche, di cui Torre ha scritto con altri il soggetto e la sceneggiatura, vincendo il Premio Solinas per il miglior soggetto. E’ stato uno degli sceneggiatori nella serie Boris e in Boris - Il film, ed era nel cast di Ogni maldetto Natale

Ecco l'elenco delle sale in cui potete vedere Figli, diretto da Giuseppe Bonito, interpretato anche da Paola Cortellesi e distribuito da Vision Distribution.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming