Schede di riferimento
Speciali Serie TV

Tenebre e ossa: Tutto quello che bisogna sapere dell'attesissima nuova serie fantasy di Netflix

91

In streaming dal 23 aprile, la serie si basa sui romanzi di successo del Grishaverse scritti da Leigh Bardugo.

Tenebre e ossa: Tutto quello che bisogna sapere dell'attesissima nuova serie fantasy di Netflix

Il pubblico, soprattutto quello dello streaming, ha fame di fantasy. Lo dicono, tra le altre cose, i numeri permetteteci a dir poco sorprendenti di Fate: The Winx Saga, l'ultima serie ad averci catapultato in un mondo popolato di creature soprannaturali e mostri assetati di sangue, che nelle prime quattro settimane di disponibilità su Netflix ha catturato l'interesse di 57 milioni di account in tutto il mondo, affermandosi come la seconda serie originale più vista sulla piattaforma in questo 2021, dietro Lupin. Sempre in tempi recenti, l'altra produzione che ha dimostrato la ritrovata forza di un genere che ha una tradizione lunghissima è Il Trono di Spade, il cui finale ha riunito oltre 19 milioni di spettatori, per HBO numeri che in quasi cinquant'anni di trasmissioni non hanno precedenti. La serie basata sui romanzi fantasy di George R.R. Martin ha lasciato un vuoto che molti si stanno affrettando a colmare, da Amazon Prime Video con l'adattamento de Il Signore degli Anelli alla stessa HBO con lo spin-off di GOT dal titolo House of the Dragon. Netflix, però, li ha battuti sul tempo lanciando prima la seguitissima The Witcher e questo venerdì 23 aprile Tenebre e ossa, probabilmente il fenomeno televisivo di questo inizio d'anno povero di novità interessanti anche a causa della pandemia che ha rallentato gran parte dell'industria. Tutti ne parlano e tutti l'attendono, principalmente perché si basa - come spesso accade - su una delle serie letterarie più lette e amate degli ultimi anni; opere che fanno parte di un universo narrativo noto come Grishaverse scritte dall'autrice statunitense Leigh Bardugo.

Grishaverse: Dai romanzi allo schermo

Sebbene porti il nome del primo romanzo della Bardugo, nella versione originale intitolato Shadow and Bone, la serie creata da Eric Heisserer (Bird Box) guarda all'intero Grishaverse, mescolando in un unico contenitore le storie e i personaggi che riempiono le pagine delle diverse opere scritte dall'autrice. Un approccio interessante, ammaestrato tra gli altri dal produttore esecutivo di Stranger Things Shawn Levy, che però non ha alcuna intenzione di piegare la narrazione originale né i suoi tempi, come del resto assicura l'entusiasta accoglienza dei numerosi fan dei libri. Tenebre e ossa, Assedio e tempesta e Rovina e ascesa, quest'ultimo pubblicato in Italia da Mondadori solo poche settimane fa, compongono la trilogia principale Grisha. A questa ha fatto seguito la duologia Sei di Corvi, ambientata nello stesso mondo ma in un luogo e in un'epoca diversi, composta dal romanzo omonimo e dal seguito Il regno corrotto. Negli ultimi anni è stata pubblicata poi una seconda duologia composta da King of Scars e Rule of Wolves, ancora inedita nel nostro Paese, anch'essa ambientata in un'epoca diversa. Con le sue storie Bardugo ha venduto oltre 3 milioni di copie solo in lingua inglese. Un successo clamoroso per un'editoria sempre più in sofferenza. Ovviamente non è necessario averli letti per godere appieno dell'esperienza di Tenebre e ossa, ma è molto probabile che, dopo la visione di questi primi otto episodi, vi ritroverete a curiosare tra le loro righe di testo ansiosi di conoscere il seguito.

Tenebre e ossa

Cosa racconta Tenebre e ossa

Mentre attorno al debutto di Tenebre e ossa si respira una certa ansia, come se ci trovassimo alla vigilia di un nuovo Harry Potter per importanza e popolarità del franchise tra i più giovani, la sua storia si svolge nel Regno di Ravka, qualcosa che ricorda la Russia imperiale, un tempo unito e ora devastato dalla guerra e diviso in due parti dalla Faglia d'Ombra, uno spaventoso deserto popolato da mostruose creature che si nutrono di carne umana. L'unica che potrebbe riunire il Paese e salvarlo è Alina Starkov (interpretata da Jessie Mei Li), una giovane orfana arruolatasi nell'esercito di Ravka come cartografa. Dopo aver vissuto una vita semplice nell'anonimato, insieme con l'inseparabile amico d'infanzia Mal (Archie Renaux), Alina scopre inavvertitamente di essere una Grisha, il modo in cui vengono chiamati coloro che sono in grado di praticare la Piccola Scienza, ovvero l'arte di manipolare gli elementi. Sono diversi gli ordini che raggruppano i Grisha. I Corporalki, considerati il grado più alto, hanno il dominio sulla vita e la morte. Ci sono poi i guaritori, gli evocatori e quelli capaci di manipolare la materia. Tra questi, alcuni più rari come i Tailor sono come degli illusionisti che possono cambiare temporaneamente l'aspetto fisico di se stessi e degli altri (il re e la regina di Ravka ne hanno uno a loro disposizione a palazzo!). Gli Evocatori dell'Ombra, invece, posso manipolare l'oscurità, un potere molto più potente di quanto possa sembrare. Il Generale Kirigan (Ben Barnes, The Punisher), anche conosciuto come l'Oscuro, è l'unico Evocatore dell'Ombra nell'esercito di Ravka, soprannominato la Seconda Armata, che guida. Ma il più ambito è l'elusivo Evocatore del Sole, che ne può evocare la luce. E Alina è uno di questi.

Tenebre e ossa

Molto tempo fa, prima degli eventi di Tenebre e ossa, il re di Ravka scelse un Evocatore dell'Ombra come suo consigliere militare. Questo Grisha era talmente assetato di potere che il sovrano fu costretto a mettere una taglia sulla sua testa. L'evocatore usò quindi una forma proibita della Piccola Scienza (proibita perché richiede un grande sacrificio da parte del Grisha oltre a un pesante tributo) nel tentativo di formare un proprio esercito. Conosciuto come l'Eretico Nero, questo perse il controllo del potere e creò inavvertitamente la Faglia d'Ombra, un'enorme distesa di oscurità impenetrabile capace con le sue orribili mostruosità di uccidere chiunque la attraversi. O quasi. In virtù del suo potere, Alina potrà distruggere la Faglia, o almeno così dice la leggenda. In seguito all'improvvisa manifestazione dei suoi poteri, la ragazza finisce nel radar dei Grisha e in particolare del Generale Kirigan, che la accoglie nei loro ranghi.

Il mondo di Tenebre e ossa

Se non avete letto i romanzi e state pensando che basterebbe aggirare la Faglia d'Ombra, toglietevi subito quell'espressione insolente dalla faccia. Non è così semplice. A nord di Ravka si trova Fjerda, una nazione fortemente militarizzata che minaccia costantemente di invaderla e la cui gente pensa ai Grisha come a demoni e streghe da cacciare. A sud, oltre le montagne, c'è Shu Han, l'interpretazione di questo mondo di una nazione asiatica, anch'esso in guerra con Ravka. Kerch è invece un'isola mercantile nella cui capitale, Ketterdam (ispirata ad Amsterdam), ha inizio l'avventura del tenebroso e misterioso Kaz Brekker (Freddy Carter) e della sua banda di malviventi in Sei di Corvi, un filone che dona un tono completamente diverso alla storia. La Faglia, che divide l'entroterra dalla costa, impedisce inoltre a Ravka di mercanteggiare con gli altri territori a ovest, i quali ora vogliono diventare una nazione indipendente. Ancora più a ovest, dall'altra parte del Mare Vero, c'è infine Novyi Zem, nota per la sua gente dalla pelle scura e i suoi vasti territori agricoli. Qui è nato Jesper Fahey (Kit Young), un membro della banda di Kaz, un tiratore scelto con qualche problema con il gioco d'azzardo.

Tenebre e ossa

Tenebre e ossa: Parlano i protagonisti

Una delle critiche che possono essere mosse contro la trilogia Grisha, soprattutto in un momento storico come il nostro, può essere la sua poca inclusività. Nei libri, Alina viene descritta come una ragazza dalla pelle chiara, insultata da uno dei personaggi per questo. Nella serie, il personaggio è stato aggiornato per essere mezzo Shu, che è uno dei motivi per cui per la parte è stata scelta l'attrice Jessie Mei Li. Un cambiamento necessario del quale Bardugo, uno dei produttori esecutivi della serie, e Heisserer hanno discusso ancora prima di firmare un accordo con Netflix. "Sono molto orgogliosa di Tenebre e ossa, ma sono anche consapevole dei suoi difetti", ha spiegato a Entertainment Weekly. "Ho scritto una storia molto bianca e molto incentrata sul concetto di 'prescelto' che era radicata negli echi delle storie fantasy che ho letto crescendo, ma certamente non rifletteva il mondo intorno a me o il mondo in cui vivo", ha detto. "Sapevamo di voler apportare alcune modifiche a ciò, e per noi aveva molto senso fare di Alina una mezza Shu". Li ha aggiunto: "Nei libri è un'outsider. Non crede di essere importante e ha questa voglia di mettersi alla prova. Ed è piuttosto patriottica. Credo che portandolo sullo schermo e aggiungendo questo strato alla sua storia e al suo background abbia dato un nuovo significato a tutte quelle cose che erano già lì".

L'altro personaggio cardine di Tenebre e ossa, il seducente e potente Generale Kirigan, è interpretato dall'attore inglese Ben Barnes. Prima di essere travolto dall'onda di popolarità del franchise, Barnes si era mostrato poco interessato all'interpretazione di un personaggio quasi immortale, al punto da aver inizialmente rifiutato la parte. "Questo è un mondo davvero interessante, ma avevo già fatto del fantasy. Avevo già interpretato alcuni personaggi malvagi, manipolatori e inaffidabili e credevo di non doverlo fare più onde evitare che le persone iniziassero a vedermi in quella luce. Inoltre, questo personaggio non era esattamente [il fulcro dello show nella prima sceneggiatura]", ha spiegato. "Amo quando posso davvero affondare i denti in qualcosa, immergermi in esso e perdermi. Ma se devo lavorare solo una volta ogni nove giorni [di riprese per un episodio], non funziona. Così ho detto 'Non credo che funzioni per me'. Poi mi hanno mandato altri due episodi e sono andato a incontrare Eric. Mi ha parlato del suo piano e ho visto il suo entusiasmo per i dettagli e per ciò che stava per fare. Aveva questa passione incredibile e poi mi ha detto quale sarebbe stata l'ultima scena della prima stagione. Ho pensato: 'Sono totalmente preso'. Parla di razza, identità, politica e manipolazione del potere - temi affrontati in modo interessante, il che li fa sentire attuali. Penso che molte delle cose fantasy che mi sono state proposte dopo Il principe Caspian avevano a che fare semplicemente con l'evasione - il che è pregevole, ma questa aveva di più".

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
Schede di riferimento
  • Redattore specializzato in Serie TV
  • Appassionato di animazione, videogame e fumetti
Suggerisci una correzione per l'articolo