Sherlock 4 e il colpo di scena nell'episodio 4x01, parlano il cast e gli ideatori [SPOILER]

-
188
Sherlock 4 e il colpo di scena nell'episodio 4x01, parlano il cast e gli ideatori [SPOILER]

Attenzione: L'approfondimento che segue include dettagli della trama dell'episodio 4x01 di Sherlock. Ne sconsigliamo la lettura a chi non lo ha ancora visto e non vuole rovinarsi l'esperienza.

Dopo una lunga attesa, lo scorso fine settimana la serie Sherlock è tornata in tv con la quarta stagione, in Italia in contemporanea su Netflix. Mentre i numeri parlano di un grande successo di ascolti per BBC, con 8,1 milioni di spettatori, i fan sono stati sorpresi da un grande colpo di scena. E sebbene tutto fosse già scritto nei romanzi di Sir Arthur Conan Doyle, iniziare il nuovo ciclo di episodi con la morte di Mary, la moglie di Watson interpretata da Amanda Abbington, non era stato messo in conto da molti di loro.

Nell'episodio Le sei Thatcher (The Six Thatchers), Mary resta uccisa da un colpo che era destinato a Holmes (Benedict Cumberbatch). Nella sua ultima scena, vediamo la donna tra le braccia di Watson, interpretato da quello stesso Martin Freeman con il quale Abbington ha avuto una lunga relazione finita lo scorso anno. Gli ideatori del crime drama Steven Moffat e Mark Gatiss spiegano così la loro scelta: "Sentivamo che questo fosse assolutamente il momento giusto per farlo. Mary è morta da un centinaio di anni, quindi è stato difficile sorprendere il pubblico in quelle circostanze. L'unica cosa che potevamo fare era farlo prima di quanto la gente pensasse - come sfortunatamente accade nella vita reale".

"È sempre bello quando hai qualcosa di simile nella sceneggiatura", commenta Abbington. "Per un attore è un sogno, perché si può essere del tutto auto-indulgenti". Freeman aggiunge scherzando: "È stato difficile perché accade sempre, almeno con me, che lo interpreti nel modo sbagliato. Soprattutto quando si tratta della tua moglie televisiva, e noi siamo quello che siamo nella vita reale, devi renderle giustizia, ma è molto facile esagerare". Cumberbatch, ammesso di essersi emozionato, rivela: "Due divennero tre e poi questa parte incredibilmente importante di ciò che è Sherlock viene improvvisamente a mancare... È come buttare qualcuno da un dirupo proprio nel momento di maggiore bisogno". Moffat, parlando del rapporto tra Mary e Sherlock, riconosce: "Abbiamo avuto questa cosa in cui Mary e Sherlock erano molto vicini, ma c'era questo momento di freddezza quando lei gli ha sparato ne L'ultimo giuramento che è stato bello ribaltare permettendole di salvargli la vita" ne Le sei Thatcher.



Emanuele Manta
  • Redattore specializzato in Serie TV
  • Appassionato di animazione, videogame e fumetti
Lascia un Commento
Schede di riferimento
Lascia un Commento