Knightfall torna su History: Tom Cullen ci parla della stagione 2

-
27
Knightfall torna su History: Tom Cullen ci parla della stagione 2

In quasi trent'anni che faccio questo lavoro, ho avuto la possibilità di incontrare tantissimi attori, alcuni vere e proprie star e altri meno famosi, registi, filmmaker, doppiatori, musicisti famosi e personaggi di vario genere. Ma confessiamo che ascoltare Tom Cullen è stato un piacere unico. A volte incontrare i propri miti o chi, comunque, ci affascina sul grande o sul piccolo schermo, può essere una delusione, ma questo non è certo il caso dell'interprete del Templare Landry De Lauzon nella serie Knightfall, giunta quest'anno alla seconda stagione e in Italia dal 23 maggio, ogni giovedì alle 21.50, su History Channel, che abbiamo avuto il piacere di incontrare a Napoli, dove era ospite del Comicon. Non solo è (oggettivamente) bello e ha una voce splendida, ma è soprattutto un uomo colto, curioso, intelligente, simpatico e disponibile, come ha dimostrato anche nell'incontro coi giornalisti dopo le interviste video, in cui ha risposto con calore e precisione ad ogni domanda restando quasi un'ora a nostra disposizione.

Sempre sorridente, gentile e con quello sguardo così attento e brillante ci ha parlato anche della sua nuova impresa, di cui va molto fiero, ovvero la sua prima regia. Ha infatti diretto la sua compagna, l'attrice canadese Tatiana Maslany e Jay Duplass in un piccolo film indipendente che ha anche scritto. Si intitola Pink Wall ed è una storia d'amore raccontata in modo non lineare, in base alle sue esperienze e ai suoi ricordi e girato in soli undici giorni. Perché da sempre, ci ha detto, ha desiderato fare il regista, anche se non ne aveva mai avuto la possibilità. Ha approfittato dunque della pausa tra la prima e la seconda stagione di Knightfall per realizzare questo sogno: Pink Wall sta girando con successo nel circuito dei festival e speriamo che qualcuno lo compri anche da noi, perché lui sarebbe felicissimo di presentarlo al pubblico italiano.

Per chi non ricorda esattamente la precedente carriera di Tom Cullen, ve la riassumiamo brevemente. Nato nel Galles 33 anni fa da genitori entrambi scrittori, Tom arriva al cinema nel 2011 col suo primo folgorante ruolo: quello di un ragazzo gay coinvolto in una storia d'amore occasionale che diventa importante, vissuta nello spazio di un fine settimana in Weekend, appunto, uscito da noi nel 2016 (anno di uscita anche di un altro film in cui appare, l'italiano Mine). Sempre nel 2011 lo ritroviamo in tv nell'episodio della prima stagione di Black Mirror, The Entire History Of You (Ricordi pericolosi). Interpreta poi la miniserie di impianto storico Mondo senza fine, dal romanzo di Ken Follett, ed è Lord Gillingham nella celebre Downton Abbey. Nel 2017 è Guy Fawkes (nella foto), il principale cospiratore della cosiddetta Congiura delle Polveri, nella miniserie della BBC Gunpowder, con Kit Harington. E nel frattempo è apparso anche in The Five e Genius.

E veniamo appunto a Knightfall, che lo vede protagonista da due stagioni, a partire dal 2017. Intanto un consiglio: se non avete ancora visto questa serie, dovreste farlo. Soprattutto se siete affascinati dal mito ancora in parte misterioso dei Cavalieri Templari, i monaci guerrieri e Crociati che nel Medioevo erano il braccio armato del Papa (anche detti i boia di Dio), praticavano (o avrebbero dovuto) la castità, difendevano i poveri e i perseguitati, ma erano anche attenti amministratori di denaro e avevano acquisito un potere e una ricchezza tali da inimicargli la Corte di Francia (indebitata con loro), retta da Filippo il Bello, che – con l'aiuto del consigliere De Nogaret e la complicità del nuovo Papa, Clemente V – li fece processare dall'Inquisizione e mandare al rogo, decretando la fine dell'Ordine.

Alla fine della prima stagione della serie, che intreccia verità e finzione, personaggi reali e immaginari, abbiamo lasciato Landry De Lauzon caduto in disgrazia, consumato dal senso di colpa, diventato padre e ancora in lutto per l'amata Giovanna. Nella seconda, di soli 8 episodi, ancora più cruda e spettacolare della prima, vedremo il suo tentativo di riscattarsi mentre il mondo che conosceva crolla intorno a lui. Al cast si aggiunge anche il personaggio di Talus, una specie di drill sergeant dei marines, severissimo istruttore delle reclute Templari, interpretato con grande gusto e ironia (che alleggerisce un po' il tono cupo della storia) da un irriconoscibile Mark Hamill.

Spettacolari battaglie, ancora tradimenti e un'inevitabile conclusione (che non è detto sia proprio sia “The End”), in una serie recitata benissimo e ben realizzata, che potrete vedere dal 23 maggio su History Channel. Ma lasciamo finalmente la parola a Tom Cullen, che ci racconta qualcosa di più - senza spoiler - proprio su quanto vedremo.



Daniela Catelli
  • Saggista e critico cinematografico
  • Autrice di Ciak si trema - Guida al cinema horror e Friedkin - Il brivido dell'ambiguità
Lascia un Commento
Schede di riferimento
Lascia un Commento