Schede di riferimento
News Serie TV

Emma Caulfield, star di Buffy e WandaVision, rivela di avere la sclerosi multipla

L'attrice ha tenuto segreta la malattia per più di dieci anni ma ora non vuole più nascondersi: "Sono stanca di non essere onesta".

Emma Caulfield, star di Buffy e WandaVision, rivela di avere la sclerosi multipla

In un'intervista a cuore aperto a Vanity Fair Emma Caulfield, nota per i suoi ruoli in Buffy l'ammazzavampiri e nella più recente WandaVision, ha svelato di essere affetta da sclerosi multipla, una diagnosi che ha tenuto nascosta per più di un decennio ma che adesso si sente di condividere. L'attrice 49enne ha raccontato tutti i dettagli della sua battaglia contro la malattia: dal momento in cui le è stata diagnosticata, al perché non ne ha parlato prima, a come oggi affronta quotidianamente le sfide che ne sono derivate ma che non fermano la sua voglia di lavorare. Nella stessa intervista, Caulfield ha confermato infatti anche che riprenderà il ruolo di Dottie, che aveva ricoperto in WandaVision, anche nello spin-off Agatha: Coven of Chaos in arrivo prossimamente su Disney+.

Emma Caulfield e la diagnosi di sclerosi multipla: Il racconto dell'attrice

"Nel 2010, stavo lavorando a Gigantic di Marti Noxon e, poco prima di iniziare quel lavoro, una mattina mi sono svegliata e mi sembrava che sul lato sinistro della mia faccia ci fossero un milione di formiche", ha raccontato l'attrice (il cui nome completo ora è Emma Caulfield Ford, dopo il suo matrimonio nel 2017 con l'attore Mark Leslie Ford). Naturalmente all'inizio, subito dopo la diagnosi di sclerosi multipla, tutto le se è sembrato un incubo: "È stata come un'esperienza fuori dal corpo. Pensavo 'No, non è possibile. Di cosa stai parlando?'. Ma il dottore era molto concreto al riguardo. È stato letteralmente una specie di incubo".

Caulfield ha spiegato di aver nascosto le sue condizioni di salute per tutti questi anni (anche al cast e alla troupe di WandaVision) perché: "Non volevo dare a nessuno l'opportunità di non assumermi". "Ci sono già molte ragioni per non assumere persone, ragioni che la maggior parte degli attori non conosce nemmeno. 'Sembri la mia ex ragazza... Sei troppo bassa. Sei troppo alta. Sembri cattiva. Sei troppo carina. Non hai gli occhi del colore giusto.' Sapevo profondamente che se ne avessi parlato, avrei semplicemente smesso di lavorare. Questo è tutto", ha aggiunto.

Emma Caulfield

Perché è uscita allo scoperto adesso: L'impegno in Agatha: Coven of Chaos

L'attrice ha confermato che tornerà nei panni di Dottie in Agatha: Coven of Chaos. Anche per questo motivo ha deciso di rendere note ora le sue condizioni di salute, in modo da non dover più tenere questo segreto sul set come aveva fatto durante le riprese di WandaVision. “Tutti ora sono stati avvisati. Non riesco a sopportare di nuovo quello che ho fatto in WandaVision. Non posso farlo. Loro non hanno fatto niente di male, ma non avevano idea di cosa mi stesse succedendo [...]. Ora l'ho detto sapendo che non avrei dovuto stare in giro con questo caldo di Atlanta. E se sarà necessario, devo prendere molte più precauzioni di quelle che prendo", ha detto.

"Sono così stanca di non essere onesta", ha aggiunto spiegando che in questo momento si sente in pace con se stessa e che vuole solo continuare a vivere e a lavorare.  "È una cosa strana da dire quando ti viene data una diagnosi del genere, ma in verità, il mio atteggiamento non si sta sgretolando sotto la paura dell' 'E se' o del "Cosa può succedere" o del "Cosa ha" delle altre persone. Devo solo andare avanti", ha concluso Caulfield. Noi non vediamo l'ora di ritrovare la sua Dottie in Agatha: Coven of Chaos e ci auguriamo di vederla anche in altri ruoli in futuro.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
Schede di riferimento
  • Giornalista professionista
  • Appassionata di Serie TV e telespettatrice critica e curiosa
Suggerisci una correzione per l'articolo