La chiave

Titolo originale: La chiave

share

La chiave è un film di genere commedia, erotico del 1983, diretto da Tinto Brass, con Stefania Sandrelli e Frank Finlay. Durata 110 minuti. Distribuito da GAUMONT.

VOTO DEL PUBBLICO
Grazie del tuo voto
VALUTAZIONE

3.5 di 5 su 182 voti


TRAMA LA CHIAVE:

La vicenda del film si svolge a Venezia, una Venezia del tempo fascista alla vigilia della dichiarazione della seconda guerra mondiale. E' la storia di un anziano professore inglese, direttore della Biennale d'arte, e della sua giovane moglie Teresa. Ambedue sono alla ricerca del proprio "io" nel loro rapporto sessuale. Un giorno il marito lascia di proposito sul pavimento del suo studio la chiave che apre il cassetto in cui tiene nascosto il diario ove egli narra le sue lussuriose fantasie. Teresa, per caso, trova la chiave, apre il cassetto e si impossessa del diario. Lo legge ed è spinta, a sua volta, a scriverne uno suo in cui anch'essa confessa tutta la sua passione amorosa e gli inganni che essa consuma insieme al giovane fidanzato della figlia. Fra i due coniugi si stabilisce un dialogo ambiguo e perverso tramite i rispettivi diari. La grama vicenda si conclude con la morte improvvisa del marito, vittima dei giochi sessuali cui di continuo si abbandonava.

CRITICA DI LA CHIAVE:

"Cadenze veneziane, gorgorigmi del fascismo che decade, catafratti di un bel corpo declinante, scorci nudi di un erotismo che decede. Brutto no, bello nemmeno, ben montato di certo." (Segnocinema)."Il veneziano Tinto Brass vernicia con maliziosa eleganza un noioso classico della letteratura erotica giapponese, facendone un campionario di rotondità femminili. L'opulenta e gioiosa Stefania Sandrelli non lascia nulla all'immaginazione, sbattendo in faccia allo spettatore tutto il fenomenale bendiddio fornitole da madre natura". (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 10 novembre 2000)

CURIOSITÀ SU LA CHIAVE:

- I BOZZETTI DEI COSTUMI SONO DI JAKOB JOST.

SOGGETTO:

ROMANZO OMONIMO DI JUNICHIRO TANIZAKI

IL CAST DI LA CHIAVE:



Lascia un Commento
Lascia un Commento