Educazione siberiana

Titolo originale: Educazione siberiana

share

Educazione siberiana è un film di genere drammatico del 2013, diretto da Gabriele Salvatores, con John Malkovich e Arnas Fedaravicius. Uscita al cinema il 28 febbraio 2013. Durata 110 minuti. Distribuito da 01 Distribution.

VOTO DEL PUBBLICO
Grazie del tuo voto
VOTO COMINGSOON
VALUTAZIONE

3.9 di 5 su 721 voti

TRAMA EDUCAZIONE SIBERIANA:

"L'educazione siberiana" è uno strano tipo di "educazione". E' un'educazione criminale, ma con precise e, a volte sorprendentemente condivisibili, regole d'onore. La storia si svolge in una regione del sud della Russia e abbraccia un arco di tempo che va dal 1985 al 1995. In quegli anni avviene uno dei più importanti cambiamenti della nostra storia contemporanea: la caduta del muro di Berlino e la conseguente sparizione dell'Unione Sovietica con tutto quello che questo evento ha poi comportato nei rapporti economici e sociali dell'intero pianeta. Ispirato all'omonimo romanzo di Nicolai Lilin (edito da Einaudi), in cui l' autore racconta la sua infanzia e la sua adolescenza all'interno di una comunità di "Criminali Onesti" siberiani, così come loro stessi amano definirsi, il film racconta la storia di ragazzi che passano dall'infanzia all'adolescenza, e della comunità in cui sono cresciuti, rappresentando, attraverso un microcosmo molto particolare, una storia universale che, al di là delle implicazioni sociali, acquista un significato metaforico che riguarda tutti noi.


CRITICA DI EDUCAZIONE SIBERIANA:

Gabriele Salvatores cambia nuovamente abito cinematografico, adatta l’omonimo romanzo di Nicolai Lilin e guarda a modelli dritto a modelli che ambiscono, legittimamente, alla formazione di un cinema di genere che abbia un respiro sovranazionale. Nel farlo, e con il supporto di specialisti come Rulli & Petraglia, sottrae alla storia originale ogni ruvidezza e conflittualità, ripiegando verso terreni intimi che suonano come un aggrapparsi a sé stesso. E manca così così l’occasione di perdersi, di sporcarsi, di contaminarsi. Di farsi trascinare via da una storia e da un’emozione. (federico gironi)

SOGGETTO:

Dal romanzo omonimo di Nicolai Lilin (Ed. Einaudi)


  • PRODUZIONE: Cattleya e Rai Cinema, Riccardo Tozzi, Giovanni Stabilini e Marco Chimenz

Lascia un Commento
Il trailer ufficiale del film - HD
26256
Lascia un Commento