Anticipazioni TV

Il Silenzio dell'Acqua: presentata la Serie TV gialla con Ambra Angiolini e Giorgio Pasotti in onda su Canale 5

190

4 puntate in onda dall'8 marzo per la nuova Fiction Mediaset, con un cast corale di alto livello.

Il Silenzio dell'Acqua: presentata la Serie TV gialla con Ambra Angiolini e Giorgio Pasotti in onda su Canale 5

In tutto il mondo si chiamano serie, tranne che in Italia, dove preferiscono fiction (forse in contrapposizione ai reality che fanno spesso la parte del leone nei palinsesti). Se la corazzata pubblica spara Camilleri e Umberto Eco, la privata Mediaset risponde al tiro con una serie in otto episodi e 4 puntate, in onda in prima serata su Canale 5 a partire da venerdì 8 marzo.
Si tratta di un prodotto originale, Il silenzio dell'acqua, scritto da Jean Ludwigg e Leonardo Valenti e interpretato da un cast corale al cui centro ci sono due vicequestori – uno di un piccolo paese e l'altra proveniente dalla città – interpretati da Giorgio Pasotti, volto notissimo della serialità italiana – e dalla poliedrica e popolarissima Ambra Angiolini, che approda finalmente alle tanto agognate serie, come lei stessa ha detto nella affollatissima conferenza stampa che si è tenuta alla Casa del Cinema di Roma, alla presenza del direttore di Canale 5 Giancarlo Scheri, del direttore della Fiction Mediaset Daniele Cesarano, dal regista Pier Belloni, dei produttori e di tutto il cast.

La vicenda avviene in una piccola e tranquilla cittadina sul mare (la bellissima Castel Marciano, vicino a Trieste), dove una ragazza, la sedicenne Laura, figlia di una madre che l'ha avuta da adolescente, la bella Anna, scompare la sera di una festa. Per risolvere il caso al vicequestore Andrea Baldini (Pasotti), che vive da sempre sul posto e conosce tutti, viene affiancata una collega, la brusca Luisa Ferrari, che prende in mano le redini di un caso che ha sconvolto il paese, di cui rivela una realtà normalmente nascosta.

Cesarano ha parlato dei motivi di attrazione della serie: “Intanto è un giallo e il pubblico adora i gialli, è un giallo classico che ti spinge a seguirlo per scoprirne la soluzione, poi ha dei personaggi bellissimi che nascondono dei segreti a cui credi, perché sono umani e realistici”. A scanso di equivoci e per smentire voci male interpretate e già diffuse, Il silenzio dell'acqua non è un remake di Broadchurch, anche se appartiene allo stesso genere. E se ci sono echi di Twin Peaks (anche nel nome della ragazza scomparsa, Laura), sono piccoli omaggi inseriti dagli sceneggiatori, perché, inutile sottolinearlo, sempre ai grandi capostipiti si torna.

Cesarano loda poi gli attori e il regista Pier Belloni, col suo occhio centrato sulla narrazione visiva, il quale, ringraziando, rompe la narrazione buonista dell'ambiente sereno in cui la serie è stata realizzata, rivelando che ci sono state anche parecchie discussioni: “In realtà abbiamo litigato un sacco, ma sono sempre state liti positive, un sincero contraddittorio che ha contribuito al risultato finale. La cosa che mi piace di più quando rivedo questa fiction è la credibilità dei personaggi. Il regista per me non è solo quello che muove la macchina da presa e mi è piaciuto fare un viaggio nell'anima dei personaggi, degli attori, con cui si è creata una complicità che è il valore aggiunto del prodotto”.

Giorgio Pasotti ringrazia il cast e la produzione per i tre mesi e mezzo di lavoro bellissimo, e soprattutto ha parole di lode per i colleghi, giovani e meno, tutti bravissimi, e rivela di essere andato molto d'accordo con Ambra, in antitesi coi loro personaggi, che hanno un rapporto conflittuale. Quanto al suo Andrea Baldini, l'attore dichiara: “Le indicazioni per interpretarlo erano chiare: lui è il vicequestore di un piccolo paese sul mare, dove non avviene mai nulla di scioccante e si vive in quiete e serenità, che conosce ogni singolo elemento del paese, dai giovani amici del figlio agli altri abitanti, su cui vigila e a cui è e molto vicino. Con l'arrivo del personaggio di Ambra vive un costante conflitto interiore tra la responsabilità di portare avanti le indagini e la necessità di tutelare le persone che conosce. Quando poi e indagini entrano anche nel suo privato gli è difficile mantenere una sorta di equilibrio, e sono questi gli elementi con cui ho cercato di dar vita a questo personaggio”.

Ambra, riallacciandosi alle dichiarazioni del regista, rivela con la consueta verve: “È stata un'esperienza tra l'inquietante e il bellissimo, vivevamo sul set le stesse cose che si vedono sullo schermo, tanto che io la mia prima bestemmia in assoluto sul set l'ho detta al secondo giorno litigando con Pier Belloni. Io potrei essere lui, siamo molto simili: chi risolverà il mistero della serie vincerà una giornata con lui. Sono entrata in questa serie come Luisa e tutto il pathos che avevo l'ho usato per discutere sul set per toglierlo a lei, perché Luisa non se lo meritava, non era giusto mostrarlo con gesti eccessivi e lacrime. Volevo fare una serie da sempre, sono andata dovunque a chiedere, mi sono trasformata in una stalker e nessuno mi rispondeva, alla fine ci sono riuscita e mi sono chiesta cosa sarebbe successo. Anche loro non erano sicuri, io sono un personaggio riconoscibile, molto pop. Ma quando ho visto il risultato ho visto non me, ma un'altra donna, con una serie di personaggi intriganti e speciali con i quali ho vissuto momenti di stanchezza, di urla e di caldo per arrivare poi a questo silenzio rarefatto. Sono orgogliosa di aver fatto questa serie”.

A chi volesse vedere all'opera i due vicequestori Pasotti e Angiolini, pardon, Baldini e Ferrari, alle prese col mistero della povera Laura, e con loro una schiera di bravi attori a partire da una eccellente Valentina D'Agostino nel ruolo della mamma, per proseguire con Carlotta Natoli, Thomas Trabacchi, Fausto Maria Sciarappa, Diego Ribon, Mario Sgueglia e tantissimi altri, non resta che sintonizzarsi venerdì 8 e domenica 10 marzo per l'appuntamento con le prime due puntate.



  • Saggista e critico cinematografico
  • Autrice di Ciak si trema - Guida al cinema horror e Friedkin - Il brivido dell'ambiguità
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming