Rimini, Rimini - Un anno dopo

Titolo originale: Rimini, Rimini - Un anno dopo

share

Rimini, Rimini - Un anno dopo è un film di genere comico del 1988, diretto da Bruno Corbucci, Giorgio Capitani, con Gianfranco D'Angelo e Renzo Montagnani. Durata 120 minuti. Distribuito da MEDUSA DISTRIBUZIONE - PENTAVIDEO, MEDUSA VIDEO (PEPITE).


TRAMA RIMINI, RIMINI - UN ANNO DOPO:

A Rimini in piena estate, una miriade di villeggianti, giovani e meno giovani, affollano le spiagge e i locali notturni alla ricerca sfrenata di avventure e di divertimento. A fare il punto della situazione è Max, un disc jockey di una radio privata che ricevendo le telefonate del pubblico conosce a fondo le sue intenzioni e i suoi problemi. - IL NIPOTE DEL VESCOCO: Paolo Polverosi, un giovanotto religioso e pudico, trovandosi a lavorare nella radio di Max scopre il sesso e dopo varie esitazioni dovute al timore per lo zio prelato, decide di affrontare piacevolmente la vita come gli si presenta mettendo da parte ogni scrupolo morale. - LA LEGGE DEL TAGLIONE un piccolo imprenditore barese, Nicola Moschetti, approfittando della momentanea indisposizione di sua moglie Immacolata, ha un'avventura erotica con Francesca, moglie del texano Terry, in America per lavoro. Ma ecco che il consorte torna e per Nicola sono guai: o la morte o l'offerta di sua moglie all'offeso Terry. Nicola opta per la seconda soluzione e nonostante un abile scambio tra Immacolata e la cameriera, Terry riesce lo stesso a godersi la bella moglie dello sconsolato barese. - LA SCELTA: il maturo play-boy Luciano Ambrosi ha problemi di virilità ai quali fa fronte con una dieta ferrea su suggerimento di un amico medico. Ma quando gli si presenta l'affascinante e disponibile Flaminia con una cena sontuosa non sa fare a meno di farsi una sonora scorpacciata e ... addio conquista! - VUO' CUMPRA'?: Alì, un abilissimo venditore "marocchino" è costretto come tanti altri suoi connazionali meno fortunati di lui, a consegnare tutto il guadagno al marito dell'affascinante Carla, un gretto uomo d'affari, che schiavizza questi poveri emigrati umiliandoli e minacciandoli in continuazione. Ma il furbo Alì escogita un piano per ingannare il vecchio avaro: gli fa credere di poter acquistare una grossa partita di diamanti e si fa consegnare da lui dieci milioni. Con questo denaro si compra una notte d'amore con Carla e tramite lei fa riavere il denaro al legittimo proprietario che però non ottiene i diamanti. L'uomo non sospetta la tresca ed è contento per non aver perso nulla. Alì cambia nazionalità e diventa un venditore "russo" di antiche icone.

CRITICA DI RIMINI, RIMINI - UN ANNO DOPO:

"Chissà perché tutte queste scemenze devono accadere proprio a Rimini; fossimo riminesi, eleveremmo formale protesta. Invece, possiamo soltanto fare finta che questo film non esista. E' già qualcosa." (Francesco Mininni, 'Magazine italiano tv') "Esempio di cinema italiano commerciale al suo livello più basso. Ancora più superficiale, fatuo e squallido del primo capitolo senza sprazzi di intelligenza e di brio. Non ha avuto nemmeno un po' di successo." (Laura e Morando Morandini, 'Telesette')"Questo film è il massimo della grossolanità, della futilità nella sceneggiatura e della ripetitività e scontatezza delle gag comiche. L'interpretazione è penosa, intollerabile e risibile nonostante la presenza di pur validi attori." (Segnalazioni cinematografiche, vol. 107, 1989)"Più vuoto e squallido del precedente capitolo e questa volta dall'inizio alla fine. Se 'Rimini Rimini' aveva incontrato il successo del pubblico, questo "prolungamento" è invece passato nell'indifferenza generale. Giustizia è fatta." (M. Calderale, "Segnocinema", ottobre 1988).

CURIOSITÀ SU RIMINI, RIMINI - UN ANNO DOPO:

- GIORGIO CAPITANI HA DIRETTO SOLO L'EPISODIO "VUO' CUMPRA'?".

IL CAST DI RIMINI, RIMINI - UN ANNO DOPO:



Lascia un Commento
Lascia un Commento