PAPRIKA

share

PAPRIKA è un film di genere erotico del 1991, diretto da Tinto Brass, con Martine Borchard e Luciana Cirenei. Durata 111 minuti. Distribuito da CHANCE FILM DISTRIBUZIONE (1991) - SUPER VIDEO EXTRA, PANARECORD, MULTIGRAM.

VOTO DEL PUBBLICO
Grazie del tuo voto
VALUTAZIONE

3.5 di 5 su 226 voti


TRAMA PAPRIKA:

Nel 1957 dando retta ai consigli del fidanzato Nino, la diciottenne Mimma lascia Pola per passare quindici giorni in una casa di tolleranza diretta da Madame Colette: solo quindici, tanto da fare un pò di soldi, sposarsi e metter su casa. Inesperta ma passionale, la giovane, soprannominata Paprika, il mestiere di prostituta lo apprende velocemente, mettendovi un impegno sfrenato. Allontanato Nino, che da lei vuole solo soldi in abbondanza, Mimma conosce Franco, baldo ufficiale della Marina Mercantile e per lui, facendo sogni di viaggi in mari esotici e di un ben diverso avvenire, continua per molto tempo la sua attività percorrendo la Penisola accolta in numerose "case" di lusso, dove concede i suoi "favori" anche allo zio Lele. Dopo l'interruzione di una gravidanza ha modo di conoscere e sposare il lombardo conte Bastiano, il quale muore subito e le lascia, con il titolo, tanto denaro ed una splendida villa sul lago di Como. Dopo aver acquistato un vaporetto quale suo dono per le nozze con Franco, Mimma, nel 1958, al momento dell'entrata in vigore della legge Merlin che elimina le case di tolleranza porta champagne ed allegria alle "signorine" di una "casa" di Milano, già sue amiche e compagne.

CRITICA DI PAPRIKA:

Nonostante la grancassa pubblicitaria "Paprika" ha meno "appeal" di uno spot. Siamo agli scampoli di un repertorio ormai stracco e vagamente patetico, come tutto ciò che arriva fuori tempo massimo. (Fabio Ferzetti, Il Messaggero) Ossessionato dal sesso, il regista rende variopinta la materia, non arretra di fronte a nulla e da qualche suggerimento per le scorciatoie sulla morale. Fa insomma un cinema vivo, svelto e molto cinematografico. (Maurizio Porro, Il Corriere della Sera) In un paese libero, naturalmente Brass è libero di imboccare al cinema tutte le strade che vuole, il critico, con molte speranze per le sue innegabili qualità, è libero, a sua volta, di optare per il silenzio. (Gian Luigi Rondi, Il Tempo)

CURIOSITÀ SU PAPRIKA:

- COREOGRAFIE: GABRIELLA BORNI.

IL CAST DI PAPRIKA:



Lascia un Commento
Lascia un Commento