Mary

Titolo originale: Meari to majo no hana

share

Mary è un film di genere animazione, avventura del 2017, diretto da Hiromasa Yonebayashi. Uscita al cinema il 14 giugno 2018. Durata 103 minuti. Distribuito da Lucky Red.

Poster
VOTO DEL PUBBLICO
Grazie del tuo voto
VALUTAZIONE

5 di 5 su 1 voti

TRAMA MARY:

Mary, il film di Hiromasa Yonebayashi, racconta la storia di un singolare fiore azzurro, che sboccia una volta ogni sette anni tra gli alberi di una foresta incantata. E della piccola Mary Smith, che trascorre le vacanze in campagna, nei pressi di quella magica foresta, esattamente nel periodo della miracolosa fioritura.
Pur di sfuggire all'ennesimo pomeriggio sonnolento in compagnia della vecchia prozia Charlotte, la sconsiderata Mary insegue un gattino randagio nel folto di una foresta minacciosa. Perse immediatamente le tracce del fuggiasco, l'attenzione della ragazzina viene catturata da un bellissimo fiore azzurro che risplende tra le erbacce. Il fiore conferisce a Mary incredibili poteri magici: per un po' vola a cavallo di un manico di scopa imbizzarrito, prima che il legno dispettoso la scaraventi sull'uscio di un'importante scuola di magia. L'istituto chiamato Endors College, diretto dall'esuberante Madama Mumblechook e dal brillante Dottor Dee, non convince l'astuta Mary, che per sopravvivere nell'universo sconosciuto abitato da maghi e creature fantastiche, decide di rubare un libro molto speciale. La bambina annoiata in cerca di amici viene così risucchiata in un'avventura straordinaria, che dovrà affrontare con audacia e determinazione per svelare il mistero del fiore e sconfiggere la terribile strega rivale.


PANORAMICA SU MARY:

Mary è l'opera terza di Hiromasa Yonebayashi. Nato nel 1973, studia all'accademia di Belle Arti di Kanazawa, poi entra nello Studio Ghibli nel 1997 come intercalatore e cleanup artist su Principessa Mononoke di Hayao Miyazaki. In seguito diventa capo-animatore per altri importanti film del maestro come La città incantata (2001), Il castello errante di Howl (2004) e Ponyo sulla scogliera (2008). Assiste anche il figlio di Hayao, Goro, al suo debutto con I racconti di Terramare (2006). Il grande salto alla regia avviene nel 2010 con Arrietty, basato su una sceneggiatura di Hayao, ispirata a sua volta al romanzo Sotto il pavimento di Mary Norton. Torna brevemente capo-animatore per Goro Miyazaki e Dalla collina dei papaveri (2011, ancora su sceneggiatura di Hayao), poi gli spetta il compito di dirigere quello che fino a prova contraria è l'ultimo lungometraggio del Ghibli nelle sale: Quando c'era Marnie (2014), di cui è anche cosceneggiatore, dal romanzo omonimo di Joan G. Robinson.

Con la chiusura ufficiosa del mitico Studio Ghibli, Yonebayashi vuole proseguire la sua carriera di autore e accetta l'offerta di Yoshiaki Nishimura, ex-producer del Ghibli, fresco fondatore del nuovo Studio Ponoc. C'è proprio questa neonata realtà dietro alla produzione di Mary, tratto dal racconto The Little Broomstick di Mary Stewart (noto in Italia come "La scopa volante") e realizzato da altri diversi transfughi della casa di Totoro. Le evidenti somiglianze con La città incantata, Il castello errante di Howl e Kiki - Consegne a domicilio denunciano la formazione del regista, che ha sottoposto il suo nuovo film ai maestri: il compianto Isao Takahata si sarebbe complimentato con lui dopo la visione, mentre Hayao Miyazaki si sarebbe sì complimentato con lui, ma avrebbe preferito evitare la proiezione. Finora Mary ha incassato in tutto il mondo 38.100.000 dollari (di cui 27.600.000 nel solo Giappone), superando già Quando c'era Marnie, che si fermò a 35 milioni.



Lascia un Commento
Il trailer del film - HD
1106
Lascia un Commento