M. Butterfly

share

M. Butterfly è un film di genere drammatico del 1993, diretto da David Cronenberg, con Jeremy Irons e John Lone. Durata 100 minuti. Distribuito da WARNER BROS. ITALIA (1994) - WARNER HOME VIDEO (GLI SCUDI).

Poster
VOTO DEL PUBBLICO
Grazie del tuo voto
VALUTAZIONE

4 di 5 su 2 voti

TRAMA M. BUTTERFLY:

Funzionario presso l'Ambasciata di Francia a Pechino nel 1964, René Gallimard, assistendo alla rappresentazione in teatro della "Madama Butterfly" si innamora dell'interprete dell'opera, Song Liling, della quale diviene l'amante, trascurando per lei la moglie Jeanne e l'amica Frau Baden, dama dell'Ambasciata tedesca. Song è una persona gentile, pudica e riservata: René con lei perfeziona anche la sua cultura cinese e, per la stima e l'appoggio dell'Ambasciatore Toulon, tra l'invidia dei colleghi, diventa viceconsole. I suoi consigli e pareri sulla presenza e la politica degli Occidentali a Pechino sono considerati più che validi, ora che Mao-Tze-Tung è prossimo al potere assoluto, ma René non si accorge di essere caduto in una incredibile trappola: Song Liling è un uomo e, per giunta una spia dei Servizi segreti cinesi. La relazione dura per anni: è perfino "nata" una bambina da questo rapporto (il partito cinese ha pensato a tutto). Lo "scandalo" viene infine a conoscenza di tutti: talune informazioni politiche di René si sono rivelate un disastro e dal processo a lui intentato a Parigi nel 1972 egli esce irriso e screditato. Song - smascherato ed ora in panni maschili - viene mandato in Cina e Gallimard, fisso nella propria ossessione amorosa, è confinato in prigione. La scoperta della vera natura dell'amante, più ancora della cospirazione, ne ha sconvolto la mente. Durante uno spettacolo nel carcere, solo con il suo monologo e chiuso nella sua follia, René si trucca il volto da attrice cinese (con il bianco ed il rosso tradizionali) e quietamente si uccide davanti ai compagni di pena.

CURIOSITÀ SU M. BUTTERFLY:

- REVISIONE MINISTERO DICEMBRE 1993.

SOGGETTO:

testo teatrale di David Henry Hwang


  • MUSICHE: Howard Shore
  • PRODUZIONE: GABRIELLA MARTINELLI PER GEFFEN PICTURES

Lascia un Commento
Lascia un Commento