Lolita

Lolita

( Lolita )
Voto del pubblico
Valutazione
4 di 5 su 66 voti
in TV MAR.14 su Cielo - Ore 23:15
Regista: Adrian Lyne
Genere: Drammatico
Anno: 1997
Paese: USA
Durata: 133 min
Distribuzione: The Samuel Goldwyn Company, Medusa, Medusa Video
Lolita è un film di genere drammatico del 1997, diretto da Adrian Lyne, con Jeremy Irons e Dominique Swain. Durata 133 minuti. Distribuito da The Samuel Goldwyn Company, Medusa, Medusa Video.
Genere: Drammatico
Anno: 1997
Paese: USA
Durata: 133 min
Distribuzione: The Samuel Goldwyn Company, Medusa, Medusa Video
Sceneggiatura: Stephen Schiff
Fotografia: Howard Atherton
Produzione: Guild, Lolita Productions, Pathe UK

TRAMA LOLITA

Lolita, film diretto da Adrian Lyne, è ambientato nel 1947 in una piccola cittadina del New England e racconta la storia del professor Humbert (Jeremy Irons), un inglese giunto in America per insegnare letteratura francese nell'Università dell'Ohio. Alla ricerca di una stanza in cui alloggiare, l'uomo si imbatte nell'abitazione della vedova Charlotte (Melanie Griffith). Nonostante la casa non sia di suo gusto, Humbert decide di soggiornarvi, dopo aver intravisto in giardino la figlia quattordicenne della donna, Lolita (Dominique Swain). Rimasto affascinato dalla ragazza e dalla sua bellezza acerba, Humbert è pienamente attratto dalla giovane. Charlotte, dal canto suo, corteggia il professore, che, nonostante disprezzi la donna, decide di sposarla per restare accanto a Lolita.
Quando Charlotte muore, a causa di un incidente, Humbert e la ninfetta possono finalmente vivere il loro rapporto amoroso e, lasciata la città, si mettono in viaggio lungo le coste americane. Durante il tragitto i due vivranno momenti di alta tensione, a causa del controllo esercitato da Lolita sul suo amante e del carattere impetuoso dell'uomo.
Quando la ragazza decide di abbandonare Humbert per un altro, il professore disperato la ritroverà anni dopo sposata e con un figlio. Non riuscendo ad accettare di non essere stato l'amore della vita di Lolita, Humbert decide di pareggiare i conti con l'uomo che lo ha diviso dalla sua amata, morendo successivamente in preda ai rimorsi.

CRITICA DI LOLITA

"Non c'è nulla di morboso, ma nemmeno di moralistico, in Nabokov e in Kubrick nel suggerire che, tra un uomo maturo e una ragazzina del tipo 'ninfetta', il più fragile, inerme e corruttibile è l'uomo. L'inglese Lyne fa non solo un film lascivo ma anche moralistico, sessuofobo, appunto, americano. Mentre James Mason, guidato da Kubrick, rende Humbert con una recitazione monocorde, cupa, tragica, Jeremy Irons ne fa una figura esagitata e lacrimevole, di un patetismo insopportabile. Far sbagliare un'interpretazione a un attore come Irons riesce soltanto ai registi come Lyne. Se la cava meglio l'esordiente Swain. Ma non è una ninfetta". (Morando Morandini, 'Il Giorno', 27 settembre 1997)"Scandali indecenti? Turbamenti morbosi? Pruriginosa pedofilia? Suvvia... Come in tutte le proverbiali ed edificanti storie sulle depravazioni, le dissolutezze e le impurità del sesso, anche stavolta Adrian Lyne realizza un film casto e morigerato, sostanzialmente privo degli elementari attributi dell'erotismo. (...) Misurarsi con Kubrick e Nabokov era, per il calligrafico Lyne, impresa superiore alle sue possibilità. L'implacabile censura puritana americana e l'infida ipocrisia delle cattive coscienze che, goffe e ignare, sbraitano contro pedofilia e oscenità, non c'entrano nulla con le modeste qualità, le lungaggini e l'impotenza creativa di questa versione del tutto antiafrodisiaca d'un romanzo che stanarono un'epoca di tabù e che ora ne riflettono un'altra, cinematograficamente, eticamente e sessualmente più farisaica e affettata". (Fabio Bo, 'Il Messaggero', 27 settembre 1997)"Il film di Adrian Lyne, ben fotografato da William Atherton, accompagnato dalle malinconiche melodie di Ennio Morricone, ricostruisce con filologica cura l'America dei tardi anni '40 che Lolita e Humbert percorrono in lungo e in largo nella loro fuga dal mondo reale. Ma la vera qualità di un film senza particolari qualità, e l'unico punto su cui supera di netto la feroce e brillante Lolita di Kubrick e Dominique Swain: che è più alta del prescritto metro e quarantasette, ma è in compenso un sorprendente cocktail di infanzia e femminilità, di innocenza e di provocazione, più viva e mercuriale di quanto non sia mai stata l'icona Sue Lyon. La quale di anni ne aveva diciassette e succhiava lollipops. Dominique invece mangia banane, allusivamente. Di pruriginoso c'è poco di più. Di inquietante (e di controverso) resta l'idea-base di Lolita: che a tredici anni si possa essere una piccola seduttrice di adulti consenzienti". (Irene Bignardi, 'la Repubblica', 27 settembre 1997)

CURIOSITÀ SU LOLITA

È il secondo adattamento cinematografico dell'omonimo best-seller scritto da Vladimir Nabokov; il primo è il cult movie diretto da Stanley Kubrick, Lolita (1962).

Jeremy Irons inizialmente era restio ad accettare il ruolo del professor Humbert, perché padre al tempo di figli adolescenti. Il regista Adrian Lyne, però, non vedeva bene nessun'altro per la parte e "corteggiò" Irons insistentemente, fino a quando l'attore non cedette e accettò.

INTERPRETI E PERSONAGGI DI LOLITA

Attore Ruolo
Jeremy Irons
Humbert Humbert
Dominique Swain
Lolita
Melanie Griffith
Charlotte Haze
Suzanne Shepherd
Miss Pratt
Frank Langella
Clare Quilty
Keith Reddin
Reverendo Rigger
Joan Glover
Miss Labone
Ben Silverstone
Humbert Humbert Ragazzo
Ed Grady
Dr. Melinik
Erin J. Dean
Mona
Pat Pierre Perkins
Louise
lascia un commento
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming