La vendetta di un uomo tranquillo

Titolo originale: Tarde para la ira

share
La vendetta di un uomo tranquillo è attualmente in programmazione Trova Cinema
Poster
VOTO DEL PUBBLICO
Grazie del tuo voto
VOTO COMINGSOON
VALUTAZIONE

3.9 di 5 su 19 voti

Madrid, agosto 2007. Curro è l’unico di una banda di quattro criminali che viene arrestato per una rapina in una gioielleria. Otto anni più tardi, la sua fidanzata Ana e il loro figlio sono in attesa che lui esca di prigione. José è un uomo chiuso e solitario, che non sembra trovare il suo posto nel mondo. Una mattina di inverno si reca nel bar gestito da Ana e da suo fratello e da quel giorno la sua vita si intreccia con quella degli altri frequentatori abituali del bar, che lo accolgono come uno di loro. In particolar modo, è Ana a vedere nel nuovo arrivato una speranza per la sua penosa esistenza. Scontata la pena, Curro viene rilasciato e nutre la speranza di iniziare una nuova vita con Ana. Tornando a casa, però, Curro trova una donna confusa e insicura e dovrà affrontare un uomo che, distruggendo le sue aspettative, cambierà tutti i suoi piani.



CRITICA DI LA VENDETTA DI UN UOMO TRANQUILLO:

L’attore spagnolo Raúl Arévalo esordisce alla regia con La vendetta di un uomo tranquillo raggiungendo un'autorevolezza artistica che alcuni registi non toccano prima di aver girato tre o quattro film e che altri non toccano mai. L’encomiabile lavoro di scrittura, sempre di Arévalo insieme a David Pulido, nel seminare poche informazioni per lasciarle germogliare lentamente si combina con il grezzo e spontaneo stile di ripresa. I colori sbiaditi evocano il disordine morale dei personaggi, la tensione attecchisce allo stomaco e l’asprezza del film si fa sentire con crescita graduale. La ricerca del realismo del regista si sposa con le intepretazioni ridotte all'essenziale dei bravi attori. (Antonio Bracco)
Leggi la recensione completa di La vendetta di un uomo tranquillo

CURIOSITÀ SU LA VENDETTA DI UN UOMO TRANQUILLO:

Vincitore di 4 Premi Goya 2017: Miglior film, Miglior regista esordiente, Miglior sceneggiatura originale, Miglior attore non protagonista (Manolo Solo).

Lascia un Commento
Lascia un Commento