La ragazza dei miei sogni

Titolo originale: La ragazza dei miei sogni

share

La ragazza dei miei sogni è un film di genere commedia, drammatico, fantasy del 2016, diretto da Saverio Di Biagio, con Primo Reggiani e Miriam Giovanelli. Uscita al cinema il 27 aprile 2017. Durata 95 minuti. Distribuito da Draka Distribution..

Poster
VOTO DEL PUBBLICO
Grazie del tuo voto
VOTO COMINGSOON
VALUTAZIONE

3.7 di 5 su 32 voti

TRAMA LA RAGAZZA DEI MIEI SOGNI:

P. (Primo Reggiani) è un trentenne insoddisfatto, condizionato da molte situazioni che gli impediscono di vivere come vorrebbe: la morte dei genitori, l’asettica redazione giornalistica in cui lavora; Mario (Marco Rossetti), il suo coinquilino, tanto spigliato quanto superficiale; Margherita (Chiara Gensini), la ragazza di cui è invaghito e alla quale non riesce a dichiararsi. Un giorno P. conosce Sofia (Miriam Giovanelli), bella e intrigante, somigliante alla ragazza che sogna tutte le notti; tra i due esplode un sentimento incontenibile ed egli sembra finalmente aver trovato la ragazza dei suoi sogni. Ma Alessandro (Nicolas Vaporidis), giovane dalla doppia vita e con la passione per l’occulto, un vecchio amico che P. rincontra dopo anni, finirà per metterlo in guardia dalla dolce Sofia della quale è ormai innamorato. Attraverso un mondo pieno di retroscena misteriosi, P. scoprirà che incanto e magia possono avere molti significati mentre amare può voler dire morire.


CRITICA DI LA RAGAZZA DEI MIEI SOGNI:

A volte il cinema italiano si ricorda di avere radici nobili anche nel genere e prova strade poco battute. Sembra rispondere a questa esigenza La ragazza dei mie sogni, trasposizione di un romanzo di Francesco Dimitri, che affronta temi trattati anche da serie tv come Grimm e Lost Girl. Ne nasce un piccolo film confezionato con cura dal regista Saverio Di Biagio e da uno stuolo di ottimi collaboratori, con valori tecnici superiori al suo - immaginiamo - modesto budget. Buona la regia, bella la scelta di ambientare tutto in un “non luogo” e suggestiva la colonna sonora. È però evidente che il tema fantastico è solo pretesto per parlare d'altro e il mondo infero con cui si confronta il protagonista non genera mai autentica tensione. Nonostante le convinte interpretazioni del cast e il tentativo di raccontare una storia d'amore impossibile in un contesto urbano dove non tutto è quel che sembra, i due piani del racconto restano separati e il versante realistico del film è più efficace e credibile di quello fantastico. (Daniela Catelli)

SOGGETTO:

Tratto dal romanzo omonimo di Francesco Dimitri.



Lascia un Commento
Lascia un Commento