Dave - Presidente per un giorno

Dave - Presidente per un giorno

( Dave )
Voto del pubblico
Valutazione
5 di 5 su 1 voti
Regista: Ivan Reitman
Genere: Commedia
Anno: 1993
Paese: USA
Durata: 110 min
Distribuzione: WARNER BROS ITALIA (1993) - WARNER HOME VIDEO (GLI SCUDI)
Dave - Presidente per un giorno è un film di genere commedia del 1993, diretto da Ivan Reitman, con Kevin Kline e Sigourney Weaver. Durata 110 minuti. Distribuito da WARNER BROS ITALIA (1993) - WARNER HOME VIDEO (GLI SCUDI).
Genere: Commedia
Anno: 1993
Paese: USA
Durata: 110 min
Formato: NORMALE
Distribuzione: WARNER BROS ITALIA (1993) - WARNER HOME VIDEO (GLI SCUDI)
Sceneggiatura: Gary Ross
Fotografia: Adam Greenberg
Montaggio: Sheldon Kahn
Produzione: LAUREN SHULER DONNER, IVAN REITMAN

TRAMA DAVE - PRESIDENTE PER UN GIORNO:

William Harrison Mitchell - Presidente degli Stati Uniti - per i suoi molteplici impegni si avvale a volte di un sosia, a cui provvede il suo staff, composto dal consigliere Bob Alexander, dal direttore delle comunicazioni sociali Alan Reed e da Duane Stevensen, responsabile dei Servizi segreti. L'ultimo sosia utilizzato è Dave Kovic, titolare di un ufficio di collocamento, uomo onesto, tranquillo e felice quando può aiutare qualcuno. Ora accade che Mitchell, durante un fugace relax con una segretaria, sia colpito da ictus. Sarebbe lo scandalo se al Paese venissero dati notizia e dettagli, ma è un'occasione insperata per Alexander, persona ambiziosa e di potere. D'accordo con gli altri due della équipe presidenziale, viene taciuta la realtà ad Ellen, la First Lady; si mette in un protetto ospedale il Presidente; si invia a fare un lungo tour africano il Vice-Presidente Nance, mentre si lascia in "Bella vista" ed incarica Dave. Il sosia è perfetto, si tratta solo di insegnargli a presiedere consigli e riunioni, mentre il potere decisivo resta ad Alexander.

CRITICA DI DAVE - PRESIDENTE PER UN GIORNO:

"Tutto per divertire. Non solo con il meccanismo scontato ma sempre efficacissimo dei sosia, ma con la descrizione quasi dal vivo della Casa Bianca e di certi suoi segreti infittendo l'azione di personaggi veri, inventati o verosimili tutti pronti a diventare occasioni ghiotte di una girandola continua di caricature e di beffe: in modo agile con ritmi, spesso, più che dinamici, frenetici e in cifre in cui la commedia, senza mai diventare facile, sfiora allegramente la farsa; con sapori e colori tutti godibili. Sostiene il peso dello scherzo un Kevin Kline non dissimile a tratti da un James Stewart appena arrivato a Washington, prodigo però anche di una costante versatilità di modi e di accenti: nel gusto, sempre, della parodia più vivace. La First Lady è Sigourney Weaver cui, come nella 'Donna in carriera', si addice sempre di più la commedia. Il cattivo è Frank Langella, con un florilegio di perfidie amene. Fra le apparizioni dal vero, il repubblicano Schwarzenegger e il democratico Oliver Stone: disponibili almeno un po' a farsi prendere in giro." (Il Tempo, 15 ottobre 1993)."Scritto da una penna esperta in faccende politiche (Gary Ross, già autore dei discorsi di Dukakis) impreziosito da ottimi caratteristi e dalle apparizioni di veri protagonisti della politica e dello spettacolo americani (il più spiritoso è Oliver Stone), Dave cavalca coi toni amabili e spesso esilaranti della commedia, un tormentone ambiguo e oggi diffuso: se l'uomo della strada non è solo più degno ma anche più efficiente del politico di professione, che cosa ce ne facciamo della classe politica? Pungolato dal tema populista, qualche originale ha fatto addirittura il nome di Frank Capra, ed è vero che dai tempi di 'Ghostbusters' Reitman si è fatto più sottile. Ma sul nome di Capra bisognerebbe mettere una tassa. E obbligare i registi che ambiscono al paragone a portarsi sul set un metronomo, per girare tutto a doppia velocità." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero')"Evitiamo le citazioni d'obbligo, da 'Anfitrione' di Plauto a 'Il prigioniero di Zenda' di Anthony Hope, e diciamo subito che il bel copione di Jerry Ross, messo allegramente in scena da Ivan Ritman, si risolve nel trionfo di un Kevin Kline aitante, simpatico e spiritoso. Non male nemmeno l'abbozzo di una love story fra il simulatore e la first lady impersonata in chiave di semifreddo da Sigourney Weaver. A parte il divertimento di fronte a uno spettacolo impeccabilmente imbastito nella tradizione della cinecommedia politica fondata dal grande Frank Capra, 'Dave' autorizza svariate e persino opposte interpretazioni. Afferma infatti che un uomo qualunque, purché intelligente, onesto e di buon carattere, può funzionare meglio nella stanza dei bottoni di un politico screditato, arrogante e fesso. Ma andando avanti su questa strada si finisce per affermare che chiunque può fare il presidente degli Stati Uniti: il che si legge da un lato come una conferma di fiducia, nonostante tutto, nei meccanismi della democrazia, dall'altro attesta una sfiducia totale nei meccanismi stessi. A quest'ultimo sentimento sembra ispirata la prima parte di 'Dave', che è la migliore, orientata com'è sulla denuncia, l'irrisione e la demistificazione di una classe dirigente corrotta e incapace; e perciò da noi con l'aria che tira, piacerà molto più della seconda parte, conciliante e disponibile a fare emergere a livello del potere persone e ideali migliori." (Tullio Kezich, 'Il Corriere della Sera').

INTERPRETI E PERSONAGGI DI DAVE - PRESIDENTE PER UN GIORNO:

Attore Ruolo
Kevin Kline
Dave Kovic/William Harrison Mitchell
Sigourney Weaver
Ellen Mitchell
Frank Langella
Bob Alexander
Charles Grodin
Murray Blum
Kevin Dunn
Alan Reed
Bonnie Hunt
Guida turistica della Casa Bianca
Ben Kingsley
Vice Presidente Nance
Ving Rhames
Duane Stevensen
Faith Prince
Alice
Laura Linney
Randi
lascia un commento
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming