Schede di riferimento
Anticipazioni TV

Màkari, un omaggio alla Sicilia: presentata la nuova fiction di Rai 1 fra giallo e commedia

33

Un giornalista che sogna di fare lo scrittore e riparte dalla sua Sicilia è al centro di Màkari, nuova fiction in quattro puntata per Rai 1 ispirata ai romanzi di Gaetano Savatteri, diretta da Michele Soavi e con protagonista Claudio Gioè.

Màkari, un omaggio alla Sicilia: presentata la nuova fiction di Rai 1 fra giallo e commedia

Un’indagine criminale, in un piccolo paese affacciato sullo splendido mare siciliano. No, non stiamo parlando del Commissario Montalbano, ma di una nuova serie di film per la televisione prodotti sempre da Palomar e Rai Fiction, tratti ancora una volta da una serie di romanzi gialli, ma con una venatura non indifferente di ironia, pubblicati da Sellerio

Lo scrittore in questione si chiama Gaetano Savatteri e il suo investigatore, anzi “detective per caso”, non è un poliziotto, ma il giornalista e scrittore Saverio Lamanna (Claudio Gioè), non certo di primo piano, tornato dopo anni come portavoce nei corridoi del potere al Ministero degli Interni nel paesino natìo. Per un futile e stupidissimo errore, ha perso tutto: il lavoro, il prestigio che si era guadagnato, i soldi. “Come il reduce da una disfatta, Saverio lascia Roma e decide di tornare a casa, in Sicilia, ma non nella dimora parentale, a Palermo, dove vive ancora il preoccupatissimo padre, ma a Màkari, nella vecchia casa di vacanza dei genitori, ormai disabitata da anni”.

Al suo fianco il tuttofare della casa paterna, amico e complice nelle indagini, un Sancho Panza più che un Watson, dal nome Peppino Piccionello, sempre in pantaloncini e infradito, un contraltare comico, ma profondamente umano interpretato dal bravo Domenico Centamore. C’è poi una studentessa che studia a Firenze, e lavora in estate come cameriera per pagarsi gli studi, la bella Suleima (Ester Pantano), presto dolce metà di Saverio.

Il titolo della serie è Màkari, e l’ambientazione è da brividi di piacere: siamo nella Riserva dello Zingaro, in provincia di Trapani. I colpevoli sono matti, prima puntata sulle quattro previste, andrà in onda lunedì 15 marzo alle 21.25 su Rai 1. La seconda, La regola dello svantaggio, sarà trasmessa subito dopo, martedì 16 marzo alle 21.15, ovviamente sempre su Rai 1. La terza e la quarta andranno in onda lunedì 22 e 29 marzo. 

“C’è molto più spazio alla commedia e ai personaggi secondari, rispetto a Montalbano”, ricorda Francesco Bruni, già al lavoro come sceneggiatore anche nella serie sui personaggi creati da Camilleri. È una conferenza stampa che parla molto di Sicilia, vero personaggio al centro di Màkari, come ricorda anche il protagonista, Claudio Gioè. “Saverio Lamanna porta avanti indagini più socio-culturali rispetto ad altri investigatori della letteratura e della televisione. Un’indagine anche su sé stesso, archetipale. Tornando nella sua Sicilia - cosa curiosamente accaduta anche a me, che sono appena tornato a Palermo dopo molti anni a Roma - cerca di riscoprire, con l’occhio di chi è stato distante per molti anni, le cose uniche della cultura siciliana, i ritardi ma anche i tanti progressi, con alcuni luoghi comuni che andrebbero aggiornati. Il suo è un ruolo da fustigatore degli stereotipi sulla sicilitudine, che Savatteri racconta in cerca di una nuova identità, orientata nel contemporaneo e spinta al futuro. È ancora la questione principale dell’Italia, quella del mezzogiorno, senza risolvere la quale lo sviluppo dell’intero paese non sarà possibile. Lamanna soffre per quello che impedisce alla Sicilia di riscattarsi e cerca di trovare i colpevoli, le problematiche che ne rallentano il progresso. Le indagini sono anche scuse per mettere al centro la cultura siciliana, che si guarda allo specchio e prova ad andare avanti.”

Una produzione in piena pandemia che ha visto impegnato dietro la macchina da presa Michele Soavi. “È stato un lavoro abbastanza complicato, un salto in un genere nuovo: oltre al giallo ho cercato di coniugare la commedia con il noir, il melò e una punta di grottesco. Ci sono tanti bei personaggi che danno colore alla storia. Anche io sono rimasto vittima del mal di Sicilia, che mi ha fulminato. È una terra molto aspra all’inizio, ma poi ti accorgi dell’animo accogliente e sincero di questa gente, che vive su quella punta in cui si incrociano i mari. Lamanna è naufragato in balia delle onde, un naufrago che torna alle origini, dove incontrerà Peppe, un villico del posto mezzo pescatore grazie al quale riscopre il valore dell’amicizia. Poi c’è un personaggio femminile affascinante e complicato come Suleima, il nome di una farfalla, che ho dipinto come una venere della porta accanto, che sono sono forse le più complicate; è colpita con Saverio dalla freccia di Cupido, la loro sarà una relazione molto interessante e piena di sorprese.”

Un terzetto che collabora per le indagini che Gioè definisce “pieno di sfumature, Lamanna è l’indagatore, Peppe Piccioniello rappresenta la tradizone siciliana e Suleima dà il colpo d’ala e svela nuove realtà; un trio bene assortito.” Tutto merito di chi ha inventato i personaggi, cioè lo scrittore Gaetano Savatteri, che così commenta la serie. “Spero che questo personaggio, la Sicilia, molto presente nei racconti ma anche nel paesaggio delle immagini della fiction, sia benaugurante per una rinascita e ripartenza, pensando di poter andare in estate in posti come questi. Sono felicissimo che la Sicilia, dalla quale non si può prescindere, torni in maniera prepotente nel nostro immaginario nazionale. A maggior ragione nel centenario della nascita di Leonardo Sciascia, continua a essere metafora dell’Italia.”

Non possono che confermare l'amore per quella terra almeno due membri su tre, siciliani, del sodalizio musicale Il volo, che hanno scritto, composto e cantato il brano della soglia della fiction, Màkari. “È una canzone nata in Sicilia”, hanno detto attraverso la voce dell’autore Ignazio Boschetto, “raccontata da un venticinquenne che ha vissuto la storia di questa terra attraverso il racconto degli anziani e torna ogni estate a San Vito lo Capo. Una terra di santi, stolti, diavoli e santi, e avendo visto immagini della serie mi piace come parli anche di amore. Una canzone legata alle tradizioni e per me che l’ho scritta è un onore raccontare la mia Sicilia attraverso una fiction che parla di una grande verità”.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
Schede di riferimento
  • critico e giornalista cinematografico
  • intervistatore seriale non pentito
Suggerisci una correzione per l'articolo