Viva l'Italia

Viva l'Italia

( Viva l'Italia )
Voto del pubblico
Valutazione
3.8 di 5 su 31 voti
Anno: 1960
Paese: Francia, Italia
Durata: 138 min
Distribuzione: CINERIZ - DOMOVIDEO, MONDADORI VIDEO, TECNEDIT (IL GRANDE CINEMA)
Viva l'Italia è un film di genere drammatico, storico del 1960, diretto da Roberto Rossellini, con Nando Angelini e Alberto Archetti. Durata 138 minuti. Distribuito da CINERIZ - DOMOVIDEO, MONDADORI VIDEO, TECNEDIT (IL GRANDE CINEMA).

TRAMA VIVA L'ITALIA:

Il film narra la leggendaria conquista del Regno delle Due Sicilie ad opera dei Mille di Garibaldi. Sbarcato a Marsala, dopo i primi, rapidi successi, Garibaldi trova a contrastargli il passo le forze del vecchio generale Landi. Tanto il generale borbonico è prudente e cauto, reso diffidente per l'ostilità che sente aleggiargli intorno, quanto il suo aiutante, il maggiore Sforza, è temerario e sventato. Contravvenendo agli ordini ricevuti, questi impegna le forze garibaldine presso Calatafimi e ne esce battuto. L'isola è aperta a Garibaldi ed i borbonici chiedono il primo armistizio. Superato lo stretto di Messina, i garibaldini mettono piede in Calabria dove l'ardore dei combattenti ed il sacrificio dei patrioti locali fanno vacillare il trono dei Borboni. Sul Volturno (Napoli è stata presto abbandonata da Francesco II, rifugiatosi a Gaeta) Garibaldi vince la più impegnativa ed importante battaglia campale: ogni possibilità d'una riscossa borbonica è così sfumata. Sembra veramente scoccata l'ora dell'unità d'Italia. Mazzini è a Napoli ed esorta il generale a non desistere dall'azione. I fedelissimi di Garibaldi già pensano alle prossime tappe della loro marcia vittoriosa: Roma e Venezia. Ma Garibaldi comprende che l'altissima posta in gioco merita il sacrificio dei suoi ideali. L'Italia si farà, ma sotto Vittorio Emanuele II, re di Sardegna e Piemonte, il piccolo regno in cui, per la prima volta, s'è accesa la fiaccola Dell'italianità. Bixio, Sirtori, Missori, Türr, Bandi e tutto lo stato maggiore di Garibaldi sentono nel suo sacrificio le oscure mene politiche di Cavour e dei suoi, ma la fermezza e la serenità del loro comandante hanno il potere di placare gli animi più accesi. A Teano, Garibaldi Consegnerà nelle mani di Vittorio Emanuele II il Regno delle Due Sicilie e partirà poi per Caprera dopo aver tutto dato senza aver nulla ricevuto.

CRITICA DI VIVA L'ITALIA:

"E' il "film del centenario", dignitoso, corretto, un po' noioso, "ufficiale". La rievocazione dell'impresa garibaldina, seguita nel suo sviluppo cronologico, pedissequamente, ma con un certo estro narrativo, era un doveroso omaggio alle celebrazioni del primo secolo dell'Unità d'Italia. [...] Va dato atto al regista di essere stato il meno "accademico" possibile [...]". (G. Rondolino, "Catalogo Bolaffi del Cinema Italiano 1956/1965").

CURIOSITÀ SU VIVA L'ITALIA:

MUSICHE DIRETTE DA: PIER LUIGI URBINI.

SOGGETTO DI VIVA L'ITALIA:

UN TESTO DI CARLO ALIANELLO

lascia un commento
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming