Uomo d'acqua dolce

share

Uomo d'acqua dolce è un film di genere commedia del 1996, diretto da Antonio Albanese, con Antonio Albanese e Valeria Milillo. Durata 94 minuti. Distribuito da CECCHI GORI DISTRIBUZIONE - CECCHI GORI HOME VIDEO.

VOTO DEL PUBBLICO
Grazie del tuo voto
VALUTAZIONE

4.4 di 5 su 19 voti


TRAMA UOMO D'ACQUA DOLCE:

Antonio e Beatrice sono una coppia di sposi in attesa del primo figlio. Ma Antonio un giorno va al supermercato, ha un incidente, perde i sensi e scompare. Quando, cinque anni dopo, torna a casa, la moglie vive con Goffredo che si è assunto il ruolo di padre nei confronti della piccola Tonina. Antonio vorrebbe riprendere il suo posto, ma la moglie lo scaccia. Antonio tuttavia insiste e, alla fine, si fa accompagnare a casa da un poliziotto che afferma di averlo ricondotto alla sua legittima dimora. Così Antonio si sistema in una stanzetta di fortuna, però ricomincia a frequentare la moglie, soprattutto la figlia che a poco a poco si affeziona a lui. Anche Beatrice riprende fiducia nel marito e decide di riprovare a vivere con lui, come se quei cinque anni non fossero mai passati.

CRITICA DI UOMO D'ACQUA DOLCE:

L'ambizione alla parabola rende un po' troppo astratta la Milano in cui si svolge la storia, gli ambienti e le occupazioni della gente (il concerto dodecafonico), finendo per nuocere al progetto di mostrare Antonio come uno "svitato" che si muove fuori sincrono nel mondo delle persone normali. Pur memore del suo Epifanio, Albanese guarda più in alto: alla tradizione dei grandi comici del muto (la sequenza in barchetta sul lago, accelerata come una comica finale) e al cinema di Jacques Tati, che ammira. Nella sua caratterizzazione da cartoon umano e molto simpatico, come lo sono le variazioni mimiche sulle musiche di Nicola Piovani; però non riesce a risolvere del tutto il rapporto tra il protagonista lunare e il contesto in cui si muove. (La Repubblica, Roberto Nepoti, 16/2/97)La prova della tenuta comica di Albanese è che si confà sia al teatro sia al cinema. Sullo schermo, grazie anche a un appropriato uso del mezzo, senza strafare, riporta alla slapstick comedy, ma arricchita da contenuti esistenziali (si veda l'accelerazione frenetica della barca sul lago e la fuga finale sul prato con ripensato dietro-front). (L'Eco di Bergamo, Franco Colombo, 17/2/97)

CURIOSITÀ SU UOMO D'ACQUA DOLCE:

- REVISIONE MINISTERO FEBBRAIO 1997

IL CAST DI UOMO D'ACQUA DOLCE:



Lascia un Commento
Lascia un Commento