Una scatenata dozzina

Titolo originale: Cheaper by the dozen

share

Una scatenata dozzina è un film di genere commedia del 2003, diretto da Shawn Levy, con Steve Martin e Bonnie Hunt. Uscita al cinema il 19 marzo 2004. Durata 98 minuti. Distribuito da 20TH CENTURY FOX ITALIA (2004).


TRAMA UNA SCATENATA DOZZINA:

Il sogno di Tom Baker si è avverato. Allenatore di una piccola squadra di football di un liceo di provincia gli è stato offerto di allenare la squadra dell'Università dell'Illinois. Ma c'è un problema da affrontare: riuscirà a tenere a bada i suoi 12 figli, le cui vite sono sconvolte dal trasferimento in un posto nuovo, soprattutto ora che sua moglie Kate sta per pubblicare il suo romanzo ed è costretta a stare a New York per un po'?

CRITICA DI UNA SCATENATA DOZZINA:

"C'erano una volta Clifton Webb e Mirna Loy, distinti genitori alle prese con una dozzina di figli in 'Dodici lo chiamano papà', addì 1950. Ora il tema della famiglia sconquasso - come una 'Guerra dei Roses' combattuta tra teen agers - torna nel remake best seller 'Una scatenata dozzina' con Steve Martin che mette in palio la sua simpatia e la sua bravura come pater familias allenatore sportivo alle prese con una moglie in carriera letteraria (Bonnie Hunt) e 12 pargoli, di cui la più grande minaccia di inserire una new entry, l'attore vanaglorioso Ashton Kutcher, vittima predestinata. Ma il casus belli della commedia spensierata e mielosa, adatta ai ragazzi, dove i dollari non mancano mai, è il trasloco del clan dalla provincia rurale a un ricco sobborgo newyorkese. Cose alla Disney, scherzi, capricci, lampadari in testa, un cane che ne fa di tutte, ripicche, un caos di lacrime e/o sorrisi che finisce in gloria, nonostante nell' ombra si intraveda la domanda sociale: come far convivere famiglia e lavoro?" (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 20 marzo 2004) "Vano aspettarsi il taglio sociologico o il minimo accenno di realismo: i personaggi di 'Quella scatenata dozzina' (semi-remake di una vecchia commedia famigliare con Henry Fonda e Lucille Ball) sembrano un branco di deficienti, le rane schizzano nel piatto delle uova strapazzate, gli elettricisti restano appesi al lampadario come in un cartoon visto già mille volte. In fondo si tratta di un film per bambini, e fino a un certo punto pensi che è sì una fesseria, ma almeno non può far danno. Fino a un certo punto. Quando, verso il finale, gli sceneggiatori ti spiegano che solo la famiglia conta davvero, che bisogna rinunciare a tutto per non comprometterne l'unità, che il resto è vanità." (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 20 marzo 2004)

SOGGETTO:

ROMANZO "DODICI LO CHIAMANO PAPA'" DI FRANK BUNKER GILBRETH JR. E ERNESTINE GILBRETH CAREY

IL CAST DI UNA SCATENATA DOZZINA:



Lascia un Commento
Lascia un Commento