La città della gioia

La città della gioia

( City of Joy )
Voto del pubblico
Valutazione
3.6 di 5 su 48 voti
Regista: Roland Joffé
Genere: Drammatico
Anno: 1992
Paese: Gran Bretagna
Durata: 135 min
Distribuzione: WARNER BROS ITALIA - WARNER HOME VIDEO (GLI SCUDI)
La città della gioia è un film di genere drammatico del 1992, diretto da Roland Joffé, con Patrick Swayze e Om Puri. Durata 135 minuti. Distribuito da WARNER BROS ITALIA - WARNER HOME VIDEO (GLI SCUDI).
Genere: Drammatico
Anno: 1992
Paese: Gran Bretagna
Durata: 135 min
Formato: PANORAMICA A COLORI
Distribuzione: WARNER BROS ITALIA - WARNER HOME VIDEO (GLI SCUDI)
Sceneggiatura: Mark Medoff
Fotografia: Peter Biziou
Montaggio: Gerry Hambling
Produzione: JAKE EBERTS, ROLAND JOFFE' E IAIN SMITH PER LIGHTMOTIVE

TRAMA LA CITTÀ DELLA GIOIA:

Un giovane e brillante medico americano, Max Love, discendente da una ricca famiglia di medici, non essendo riuscito a salvare durante un'operazione una piccola paziente, entra in una crisi spirituale così profonda che abbandona il lavoro in ospedale e parte per l'India, alla ricerca di una ragione di vita. Egli giunge a Calcutta contemporaneamente ad un povero contadino, Hasari Pal, che è stato costretto dalla carestia e dalla siccità ad abbandonare casa e campi, e si è trasferito a Calcutta per trovarvi un lavoro col quale mantenere la moglie Kamla e i tre figli, la giovinetta Amrita e i due bambini Shambu e Manooj. Ma, invece del lavoro, trova un imbroglione che lo deruba del suo denaro, fingendo di affittargli un appartamento. Max, intanto, sempre più confuso, sta per ripartire per gli Stati Uniti, quando da un gruppo di malviventi viene derubato del passaporto e del denaro e percosso molto duramente. Hasari, accorso in sua difesa, e messi in fuga gli assalitori, porta Max all'ambulatorio-scuola per i poveri della "Città della gioia", che si trova nel quartiere più misero della città, ed è diretto da una straordinaria donna bianca, Joan Bethel, che, con l'aiuto saltuario di un medico indiano, dedica con entusiasmo la sua vita ai malati più bisognosi.

CRITICA DI LA CITTÀ DELLA GIOIA:

"Il mondo degli indiani poveri e derelitti, presentato con indubbia simpatia, valore, è analizzato con maggiore acume di quanto lo sia la psicologia del chirurgo americano in grave crisi spirituale ed esistenziale. Il lavoro, di notevole rilievo spettacolare, presenta, a volte, brani di esasperante lentezza che appaiono anche ripetitivi. Disturbano soluzioni di eccessivo ottimismo, come per la malattia di Hasari, per il parto d'emergenza, e la facile guarigione del labbro di Poomina. Notevoli alcune frasi pronunciate da Joan e la spiegazione al bambino della speranza, simboleggiata dal quadro "La zattera della medusa", speranza che è uno dei temi fondamentali del film, come prova la decisione del medico americano di restare per sempre fra i poveri della"Città della gioia". Si tratta comunque di un film dignitoso, che si avvale di una pregevole e valida interpretazione soprattutto di Shabana Azmi (Kamla) e di Om Puri (Hasari), mentre poco efficace appare Patrick Swayze nel ruolo del protagonista, Max. (Segnalazioni Cinematografiche, vol. 114, 1982)

SOGGETTO DI LA CITTÀ DELLA GIOIA:

Basato sul testo omonimo di Dominique Lapierre

lascia un commento
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming