La bocca

La bocca

Voto del pubblico
Valutazione
3.8 di 5 su 24 voti
in TV MAR.23 su Iris - Ore 02:44
Regista: Luca Verdone
Genere: Commedia
Anno: 1991
Paese: Italia
Durata: 104 min
La bocca è un film di genere commedia del 1991, diretto da Luca Verdone, con Tahnee Welch e Rodney Harvey. Durata 104 minuti. Distribuito da PENTA DISTRIBUZIONE - PENTAVIDEO - CECCHI GORI HOME VIDEO (PEPITE).
Genere: Commedia
Anno: 1991
Paese: Italia
Durata: 104 min
Formato: PANORAMICA
Distribuzione: PENTA DISTRIBUZIONE - PENTAVIDEO - CECCHI GORI HOME VIDEO (PEPITE)
Fotografia: Alfio Contini
Produzione: MARIO E VITTORIO CECCHI GORI PER PENTA FILM, SILVIO BERLUSCONI COMMUNICATIONS, AZZURRA FILM

TRAMA LA BOCCA:

La giovane Alessandra, un'abile restauratrice, che lavora per il Ministero dei Beni Culturali, fidanzata con Fabio, che sposerà non appena egli avrà ottenuto il divorzio, viene incaricata di restaurare un importante affresco, nella bella villa dei conti Rospigliosi, in Toscana. La giovane donna si mette al lavoro con entusiasmo, mentre osserva incuriosita i proprietari e le persone che vivono accanto a loro: l'anziana contessa Bianca, appartata nelle sue stanze, è data per moribonda dalla nuora vedova, la dispotica Veronica, che vuol vendere la proprietà, e chiudere la suocera in un ospizio, e intanto immagina di ricevere da un innamorato arabo (morto in realtà da tempo) appassionate lettere d'amore; Giulio, l'unico figlio di Veronica, è un bel giovane sordomuto, che la madre non ha fatto curare, per tenerselo sempre vicino, e che vive allo stato brado. Il ragazzo, che attrae subito vivamente Alessandra, s'innamora profondamente di lei. Intanto il legale di Veronica, l'avvocato Picchi, è sempre alla villa, dove ha una tresca con la domestica Marta, mentre Maria, la giovanissima sguattera, è prossima a partorire un figlio, avuto dal fattore, che è il suo patrigno. Quando il restauro è quasi ultimato, giunge il dottor Romeo, funzionario dei Beni Culturali, il quale e stato corrotto da Veronica e da Picchi, e dichiara perciò l'affresco poco importante, sciogliendo così il vincolo che impedisce di vendere la villa. A questo punto interviene la contessa Bianca, viva ed energica, la quale, smascherato l'imbroglio, scaccia avvocato ed esperto, e riprende in mano la situazione. Poiché Alessandra dovrebbe ora andarsene, Giulio per rabbia danneggia l'affresco e, sotto il primo dipinto, ne appare un altro più bello, forse di scuola senese del '400. Alessandra inizia allora il nuovo restauro, e viene raggiunta dal fidanzato, che ha ottenuto il divorzio; però lei temporeggia, perché non lo ama più e ama invece Giulio. Partito Fabio, Alessandra e Giulio cedono al loro amore, e il giovane, felice, cambia vita, imparando perfino ad occuparsi della proprietà. Intanto nasce la bambina di Maria, Speranza (mentre il fattore si suicida) e, nel certificato di nascita, Alessandra ne attribuisce a Fabio la paternità. Quando il secondo restauro è ultimato, Bianca congeda bruscamente la restauratrice, perché il suo compito è finito in ogni senso; la ragazza parte piangendo, mentre Giulio cerca invano di inseguirla.

CRITICA DI LA BOCCA:

"Un po' troppa letteratura, con snodi narrativi ora un po' facili e scoperti, ora venati da un intellettualismo un po' libresco che non si adegua sempre a una vicenda che tende, invece, apertamente allo spettacolo di impatto diretto, più melodramma che dramma." (Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo')"Gli attori sono bravi, a cominciare da Alida Valli e da Claudine Auger. I due giovani protagonisti sono Tahnee Welch e Rodney Harvey: freschi, avvenenti e anche bravini." (Giovanni Grazzini, 'Il Messaggero')"Concepito come un diario settecentesco rivisitato alla luce di Bergman, questo film sul silenzio non ce lo fa proprio a comunicare l'ineffabile. E lo sguardo degli attori a parte la Scattini impegnata in una vivace caratterizzazione è ben poco abitato." (Alessandra Levantesi, 'La Stampa')"'La bocca' è un classico film di transazione, e di mescolanza di generi; al discorso ideologico sulla trasmissione, conscia o inconscia, del pensiero, il regista sovrappone il mezzo delirio dei sensi. Visivamente, tramite gli immoti paesaggi senesi fotografati con grazia da Alfio Contini, e con uso narrativamente spigliato della cinepresa, il film ha una sua logica, contraddetta dalle parole, talvolta inutili o a sproposito." (Maurizio Porro, 'Il Corriere della sera')"I tipici motivi del melodramma cinematografico all'italiana formano il tessuto di 'La bocca'." (Francesco Bolzoni, 'Avvenire')

CURIOSITÀ SU LA BOCCA:

- SECONDO ALCUNI TESTI LA MUSICA E' ATTRIBUITA A RICCARDO COCCIANTE, MA NEI TITOLI DI CODA DEL FILM FIGURANO SOLTANTO VLAD E CAPPONI.

lascia un commento
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming