Copycat - Omicidi in serie

Copycat - Omicidi in serie

( Copycat )
Voto del pubblico
Valutazione
4.1 di 5 su 17 voti
Regista: Jon Amiel
Genere: Thriller
Anno: 1996
Paese: USA
Durata: 123 min
Distribuzione: Warner Bros - Warner Home Video (Gli Scudi)
Copycat - Omicidi in serie è un film di genere thriller del 1996, diretto da Jon Amiel, con Sigourney Weaver e Holly Hunter. Durata 123 minuti. Distribuito da Warner Bros - Warner Home Video (Gli Scudi).

TRAMA COPYCAT - OMICIDI IN SERIE

Copycat – Omicidi in serie è un thriller del 1995 diretto da Jon Amiel.
A San Francisco, Helen Hudson (Sigourney Weaver) è una profiler specializzata in serial killer. Un giorno, dopo aver terminato la sua lezione di psicologia criminale all'università, viene intrappolata nel gabinetto dallo psicopatico Daryl Lee Callum (Harry Connick Jr.), che tenta di impiccarla.
Dopo questa aggressione, Helen comincia a soffrire di agorafobia e cade in un profondo esaurimento nervoso, che la porta ad abusare di alcol e psicofarmaci. Sentendosi costantemente minacciata, decide di vivere barricata nella sua casa, in cui ha installato un sistema di sicurezza ad alta tecnologia che le consente di vedere l'ambiente circostante. Il suo unico strumento di collegamento con il mondo esterno è il computer mentre l’unico ad avere accesso al suo appartamento è il suo amico omosessuale Andy.
Tredici mesi dopo, San Francisco è scossa da un'ondata di omicidi su cui indagano i detective Mary Jane Monahan (Holly Hunter), detta “MJ”, e Ruben Goetz (Dermot Mulroney). Helen sospetta che l’assassino si stia ispirando ai più famosi serial killer della storia, da Jack lo Squartatore allo strangolatore di Boston, e contatta anonimamente il dipartimento di polizia.
Dopo essere stata identificata, i detective MJ e Reuben si recano da lei. Inizialmente Helen si rifiuta di collaborare con i due investigatori, ma poi la convincono a elaborare il profilo del killer “copione”. Improvvisamente la psicologa si rende conto che l’assassino sta seguendo l'elenco dei serial killer nello stesso ordine in cui lei li aveva presentati nella sua lezione all'università la sera in cui fu assalita da Callum. Allora MJ e Ruben lavorano per capire dove e quando l’assassino colpirà la prossima volta e in quale serial killer si identificherà. Intanto si stringe sempre di più il cerchio attorno a Helen...

Guardalo subito su Prime Video

CRITICA DI COPYCAT - OMICIDI IN SERIE

Ancora i "serial killers" sui quali Hollywood ormai ci tiene dei veri e propri corsi aggiornati facendosi ispirare probabilmente dalle cronache nere americane sempre pronte a suggerire varianti d'ogni tipo. La novità, oggi, non è tanto nel carattere del serial killer in questione, un patito dei vecchi film dell'orrore, tanto che si fa chiamare come il celebre Mostro di Desseldorf, intento a uccidere sulla scia di altri delitti enunciati dai giornali, ma nel fatto che, a sostegno di una delle sue vittime, una donna, naturalmente, di professione psicologa, ci sia un'altra donna, e con una professione da uomo, una rigida poliziotta di San Francisco dal carattere del tutto opposto a quello della prima. (Il Tempo, Gian Luigi Rondi, 21/4/96) Copycat è un buon thriller di confezione scandito da una bella compilation musicale e il meglio sta nella profondità metaforica dell'operazione che smonta il meccanismo criminale seriale, osservato come spia del malessere e delle aberrazioni emulative della società. Un po' pretestuosa appare la componente patologica della personalità di Helen. E il contrasto tra il suo mondo e quello di M.J. (donna d'azione e spericolata l'una, cerebrale e terrorizzata l'altra) è più convincente sul piano dell'efficace sinergia delle competenze specifiche e della complementarietà operativa, che su quello delle differenti tipologie femminili e della rivalità amorosa tra le due. Sempre seducente la grinta spigolosa di Sigourney; mentre Holly Hunter, la muta di Lezioni di piano, non è molto credibile nel ruolo della poliziotta. (Il Mattino, Alberto Castellano, 23/4/96) Siamo dalle parti di Seven e delle sue cerimonie macabre, delle uccisioni "come forma d'arte" applicata, dei cadaveri: come statuarie rappresentazioni della morte, del serial killer che, come un virus letale, sempre si rigenera con qualche nuova, micidiale mutazione. Ma l'atmosfera apocalittica e metafisica del film con Brad Pitt diventa in quello diretto da Jon Amiel (già regista di Sommersby) più informale e "informatica". Il thriller è ben costruito, ben fotografato da Laszlo Kowasc, ben interpretato dalla Weaver e dalla Hunter, l'una isterica e tossica, l'altra fredda e calcolatrice, che - ad un certo punto e per breve tempo - trovano pure il tempo di flirtare con lo stesso uomo (non è il serial killer) con ammirevole signorilità reciproca, vere signore dello schermo che disdegnano la lussuria e ostentano usanze blasé. (Il Messaggero, Fabio Bo, 17/4/96)

CURIOSITÀ SU COPYCAT - OMICIDI IN SERIE

Nel 1996 il film ha partecipato al Cognac Festival du Film Policier, dove Jon Amiel ha vinto l’Audience Award per il Miglior regista e una Menzione speciale per la loro performance è stata attribuita a Sigourney Weaver e Holly Hunter.

Per prepararsi per il suo ruolo, Sigourney Weaver ha frequentato per qualche tempo il famoso psichiatra forense Park Dietz, che aveva intervistato il serial killer Jeffrey Dahmer, meglio noto come “il mostro di Milwaukee”. Holly Hunter, invece, ha frequentato diversi investigatori della squadra omicidi di Los Angeles per riuscire a entrare nel personaggio della detective in modo convincente.

INTERPRETI E PERSONAGGI DI COPYCAT - OMICIDI IN SERIE

Attore Ruolo
Sigourney Weaver
Helen Hudson
Holly Hunter
Mj Monahan
Dermot Mulroney
Ruben Goetz
Harry Connick Jr.
Daryll Lee Cullum
William McNamara
Peter Foley
J.E. Freeman
Tenente Quinn
Bob Greene
Pachulski
Shannon O'Hurley
Susan Shiffer
Rob Nilsson
Comandante Della Swat
Will Patton
Nicoletti
Dennis Richmond
Anchorman Della Kxbu
Tahmus Rounds
Landis
Nick Scogging
Conrad
John Rothman
Andy
Kathleen Stefano
Madre Di Peter
David Michael Silverman
Mike
Corie Henniger
Jogger
Danny Kovacs
Kostas
Rebecca Jane Killinger
Moglie Di Peter
Bert Kinyon
Burt
Kenny Kwong
Bambino Cinese
Diane Amos
Gigi
Bill Bonham
Un Fotografo
Terry Brown
Un Poliziotto
Charles Branklyn
Doc
Richard Conti
Harvey
Scott De Venney
Un Poliziotto
Kelly De Martino
Ragazza Al Festival
lascia un commento
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming