Gossip TV

Domenica In, Fedez sulla sua malattia e la depressione: "Se sono qui è solo per la mia famiglia"

17

Fedez si è raccontato in una lunga intervista a Domenica In, svelando anche i difficili momenti vissuti negli ultimi mesi. Ecco cosa ha rivelato!

Domenica In, Fedez sulla sua malattia e la depressione: "Se sono qui è solo per la mia famiglia"

Una puntata ricca di ospiti importanti e di emozioni quella di oggi, domenica 3 dicembre, di Domenica In: in studio, infatti, Mara Venier ha accolto Belén Rodriguez con la sua difficile storia di tradimenti e depressione, ma di salute mentale ha parlato anche con Fedez. Il rapper, infatti, ha scelto il salotto della conduttrice per rivelare quanto siano stati difficili i mesi vissuti, anche a causa dei diversi problemi, legati alla salute fisica e mentale, che hanno rischiato di annientarlo.

Domenica In, Fedez si racconta a Mara Venier: "Ho pensato a gesti estremi, se non fosse stato per la mia famiglia..."

Il rapper ha, ancora una volta, raccontato di quanto sia ancora difficile parlare di salute mentale e di depressione. E di come, al di là dei tanti aiuti ricevuti, sia arrivato a pensare anche di compiere un gesto estremo. Il periodo più buio, ha rivelato Fedez, è stato il post Sanremo, dopo che sia lui che Chiara Ferragni erano stati sotto l'occhio dei riflettori in maniera continuata per 5 giorni e oltre. Un periodo caratterizzato dalle difficoltà causate anche dallo scandalo bacio Rosa Chemical e che aveva spinto verso il baratro il cantante:

"Si parla poco di salute mentale. Ho dovuto fare i conti con la paura di morire. Affrontare un tema del genere in un modo così precoce non è sano. È traumatico per la mente. Anche dopo aver curato la malattia mi sono portato dietro degli strascichi. Volevo fare indigestione di vita, uscivo sempre, facevo più cose possibili. Il tutto insieme a una cura farmacologica. Mi sono trovato a prendere sette psicofarmaci di natura diversa contemporanteamente. Non dormivo, ero molto agitato, non ero lucido. Ho fatto cose strambe, mettendo a rischio la stabilità della mia famiglia. È stato un percorso molto difficile uscirne fuori. Dopo Sanremo ero nel culmine della mia poca lucidità. Dopo qualche settimana la mia bocca ha smesso di funzionare. Ho avuto tic nervosi e non riuscivo a parlare in maniera fluida. Ho stoppato antidepressivi e farmaci senza scalare. Sono stato due settimane senza riuscire a camminare, non riuscivo a distinguere i sogni dalla realtà. Il percorso più difficile è stato dopo. Sono caduto in una depressione molto profonda."

Fedez ha anche ricordato l'importanza di farsi aiutare, ma questi aiuti - prosegue - devono essere garantiti dallo stato:

"In Italia fare questa cosa è un privilegio. Così come la salute del corpo deve essere coperta dal SSN, anche la salute della mente deve essere messa sullo stesso piano, perché non può essere un privilegio per pochi. Dev’essere un diritto per tutti quanti. "

Il rapper ha poi ricordato che un aiuto fondamentale, come già aveva raccontato dopo le dimissioni dal Fatebenefratelli in seguito ad alcune emorragie interneè arrivato dalla sua famiglia:

"Se io oggi sono ancora qua è solo per la mia famiglia. A volte il dolore è talmente forte che pensi anche a gesti estremi. Ma ci sono responsabilità, ci sono i figli. Il pensiero di recare un danno così grave alle persone a cui tieni di più ti frena."

Sull'amore per Chiara Ferragni, il rapper ha raccontato gli esordi della loro storia: dalla canzone Vorrei, ma non posto, ai primi messaggi, passando per la relazione e quella sicurezza che lo ha portato a farle una proposta di matrimonio all'arena di Verona, nonostante la sera prima non avessero litigato:

"Se dicessi che ho scritto quella canzone, Vorrei ma non posto, per provarci, un pelino si. Ci ho provato, mi è venuto in mente mentre la scrivevo. Ci eravamo incontrati già prima con i rispettivi fidanzati. Inizialmente mi ha scritto lei e poi io sono andato a gamba tesa. Siamo uno l’antitesi dell’altro, lei ha un approccio alla vita diverso dal mio. Ma ci siamo trovati su quelle due cose veramente importanti, i valori che mi hanno fatto dire che fosse la persona con cui volevo stare per il resto della mia vita. La sera prima della proposta abbiamo litigato, i miei amici hanno litigato con i suoi, quindi avevo un po’ il dubbio. L’ho incastrata davanti a 12mila persone."

E, proprio perché Fedez è consapevole che non sempre un aiuto da parte dello Stato o dai famigliari è possibile, svela alla conduttrice un suo sogno: aprire un centro per ragazzi con problemi di salute mentale e produrre un documentario sulla figura di Franco Battaglia. A Mara Venier ha, infatti, dichiarato:

"Il mio sogno è aprire un centro di aggregazione per ragazzi con problemi salute mentale e fare sensibilizzazione verso chi in Italia ha aiutato a far cadere lo stigma sulle persone con problemi mentale. Mi piacerebbe produrre un documentario su Franco Basaglia che ha cercato di dare diritto e dignità alle persone che soffronto di salute mentale."
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
  • Redattore Sezione TV
  • Giornalista pubblicista con la passione per il piccolo e grande schermo
Suggerisci una correzione per l'articolo