Wolf - La belva è fuori

Titolo originale: Wolf

share

Wolf - La belva è fuori è un film di genere drammatico del 1994, diretto da Mike Nichols, con Jack Nicholson e Michelle Pfeiffer. Durata 124 minuti. Distribuito da COLUMBIA TRISTAR FILM ITALIA (1994) - COLUMBIA TRISTAR HOME VIDEO.

Poster
VOTO DEL PUBBLICO
Grazie del tuo voto
VALUTAZIONE

3.6 di 5 su 16 voti

TRAMA WOLF - LA BELVA È FUORI:

Investendo di notte, in campagna, un lupo, Will Randall, redattore della casa editrice MacLeish, viene morso. L'indomani si vede soppiantato dal collega Stewart Swinton: a lui il direttore Raymond Alden affida, durante un party creato ad hoc, il mercato dell'est europeo. Frattanto Will scopre di spaventare i cavalli e sentendosi male viene soccorso dalla bella Laura, figlia di Alden. Il recupero della vista, l'olfatto acutissimo, il vigore sessuale non lo consolano dalla scoperta che Stewart è l'amante di sua moglie Charlotte. Ritiratosi in albergo, Randall escogita una manovra ricattatoria contro Alden, minacciando di togliergli una parte degli scrittori per erigere una nuova casa editrice: Alden cede al ricatto e lo reintegra. Invitato a cena da Laura, Will con la luna piena ha un attacco di licantropia ed abbatte un cerbiatto nel parco della villa: spaventato, si dilegua. Si reca da uno studioso, che gli regala un amuleto ed essendo morente lo prega di morderlo per conferirgli i suoi poteri, ma Will rifiuta. Telefona a Laura, la rabbonisce e la invita all'hotel. Qui la moglie tenta di riconquistarlo, ma lui la respinge. Poi Will ha un rapporto sessuale con Laura. Il giorno seguente scopre che la moglie è stata barbaramente uccisa e Will teme di essere colpevole, anche se non ricorda nulla. Laura lo difende con la polizia, ancora incredula ma alla vista delle sue scarpe insanguinate lo rinchiude nella stalla. Alla polizia, dove è chiamata a deporre, Laura trova Stewart, che ha appena deposto contro Will. Stewart, ormai contagiato da un morso che Will gli aveva dato durante una colluttazione, irrompe nella villa per ucciderlo, massacra due guardiani e assale Laura, che si difende, mentre Will, liberatosi dell'amuleto, ingaggia una furente lotta. Infine Laura abbatte con la pistola Stewart, mentre Will fugge, disperato. Ma anche Laura sta diventando lupo.

CRITICA DI WOLF - LA BELVA È FUORI:

"Wolf è un film per metà serio e per metà comico. È serio fin che denuncia avidità e cinismo della società americana, che vive all'insegna dell'homo homini lupus, e qui il lupo c'entra, e come! È comico, scade di tono e cambia di segno, quando segue l'uomo lupo e la sua vendetta. (...) Il luciferino Jack Nicholson è nella parte giusta, almeno fino a che il suo personaggio è metafora sociale; perde notevolmente di mordente di pari passo con l'afflosciarsi della tensione. Più di maniera il suo rivale James Spader. La candidata alla peluria ruvida e agli occhi giallognoli della licantropa è Michelle Pfeiffer. Peccato. Era bella." (Franco Colombo, 'L'Eco di Bergamo', 16 Settembre 1994)"La lotta aziendale è raccontata benissimo, con un realismo preciso che fa stare male suscitando emozioni socio-culturali e professionali, con un pathos ironico che evoca tutti gli infiniti passaggi di proprietà, assurdità e crudeli pastrocchi di questi anni nelle case editrici e nei media occidentali. Jack Nicholson è un interprete sublime: gli bastano un sopracciglio, un'occhiata, un sorrisetto tirato, la postura irrigidita e insieme caduca del corpo, per esprimere i sentimenti d'incredulità ferita, d'accettazione sarcastica di come va il mondo, di disperazione elegante, tipici degli intellettuali migliori posti di fronte alla concretezza brutale della perdita di status, di lavoro, di senso. Come lupo, invece, Nicholson non è granché: dita villose e unghiute, balzi ferini, occhi giallo-oro, vaste basette pelose, denti lunghi e aguzzi (neppure fatti tanto bene) sono ingombranti per un interprete di tale qualità. Infatti il suo mostro non ispira alcuna pietosa compassione, non commuove per niente, non conferma affatto il titolo più divertente della stagione, apparso sul 'Corriere della Sera': 'E tra i peli emergono i dolori dell'anima'. È più toccante Michelle Pfeiffer che alla fine, con training autogeno, diventa lupa pure lei per dare prova d'amore: se tu sei irrimediabilmente diverso, io che ti amo voglio essere diversa come te." (Lietta Tornabuoni, 'L'Espresso', 16 Settembre 1994)"Tutti hanno contribuito ad evitare che il racconto assumesse toni eccessivi e truci, e hanno privilegiato, invece, il senso ineluttabile della trasformazione fisica che scaturisce anche da un imbruttimento dell'animo. Due eccellenti collaboratori italiani rendono all'impresa servigi inestimabili. Sono Giuseppe Rotunno, maestro della fotografia, che interpreta efficacemente i vari risvolti della fiaba nera; ed Ennio Morricone, autore di una sorprendente e avvincente colonna sonora (in linea, del resto, con la sua fama)." (Antonella Ely, 'Il Giornale di Sicilia', 16 Settembre 1994)

SOGGETTO:

Basato sul testo di Jim Harrison, Curtis Siodmak


  • MUSICHE: Ennio Morricone
  • PRODUZIONE: DOUGLAS WICK PER COLUMBIA PICTURES CORPORATION

Lascia un Commento
Lascia un Commento