Whitney

Titolo originale: Whitney: Can I Be Me

share
Poster
VOTO DEL PUBBLICO
Grazie del tuo voto
VOTO COMINGSOON
VALUTAZIONE

4.4 di 5 su 7 voti

Cinque anni dopo la morte della celebre cantante, con Whitney scopriremo i lati nascosti di questa donna, fortissima e magnetica sul palco, ma fragile nell'anima. Il documentario, commissionato dalla BBC, è stato affidato alla regia di Nick Broomfield, autore di successo, già apprezzatissimo per il pregevole documentario su Kurt Cobain. Composto da scene di vita quotidiana, interviste a colleghi ed amici e spezzoni dei più bei concerti, Whitney ci mostra com'è nata una delle stelle più luminose della musica mondiale e come si sia, lentamente, spenta in un epilogo tragico e drammatico.



CRITICA DI WHITNEY:

Nick Broomfield racconta la favolosa ascesa e la rovinosa caduta di una delle più grandi star degli anni Ottanta e Novanta, cui la natura aveva regalato una voce prodigiosa e una fragilità che le sarà fatale. Di sconvolgente o sensazionale, in Whitney non c'è praticamente nulla, perché anche la parabola autodistruttiva della Houston è tristemente fatta degli stessi ingredienti di tante altre, ma non per questo il racconto è tragico: specialmente considerate le specificità del caso, che Broomfield espone con una forma fin troppo tradizionale e una cronologia un po' confusa ma funzionale al ritratto del caos che circondava la cantante e quello che aveva dentro di sé. Al regista va riconosciuto di essere chiaro, e di non nascondersi dietro a un dito: e per questo non ha avuto aiuti dalla famiglia e dagli eredi della cantante. Molte le scene dolorose, su tutte quella in cui s'intuisce il triste destino che aspetta anche la figlia della Houston, Bobbi Kristina.
Leggi la recensione completa di Whitney.

Lascia un Commento
Il trailer italiano del film - HD
1331
Lascia un Commento