UNA STORIA DEI NOSTRI GIORNI

UNA STORIA DEI NOSTRI GIORNI

( ATTENTION BANDITS )
Voto del pubblico
Genere: Drammatico
Anno: 1988
Paese: Francia
Durata: 109 min
Distribuzione: INDIPENDENTI REGIONALI (1990)
UNA STORIA DEI NOSTRI GIORNI è un film di genere drammatico del 1988, diretto da Claude Lelouch, con Jean Yanne e Charles Gérard. Durata 109 minuti. Distribuito da INDIPENDENTI REGIONALI (1990).
Genere: Drammatico
Anno: 1988
Paese: Francia
Durata: 109 min
Formato: SCOPE A COLORI
Distribuzione: INDIPENDENTI REGIONALI (1990)
Fotografia: Jean-Yves Le Mener
Montaggio: Hugues Darmois
Musiche: Francis Lai
Produzione: LES FILMS 13, TF1 PRODUCTION

TRAMA UNA STORIA DEI NOSTRI GIORNI

Verini, uomo di assai dubbi trascorsi che vive a Parigi con la moglie Françoise e l'adoratissima figlioletta Sophie, acquista da Mozart i gioielli che costui ed altri tre giovani hanno rubato a Cartier. Un ignoto sequestra Françoise in casa di lei ma, quando riceve da Verini la valigetta con i gioielli, al momento dello scambio uccide a sangue freddo la donna. Sospettato sia del furto che per la scomparsa della moglie, Verini trascorre in carcere dieci lunghi anni, in vista dei quali egli ha collocato in un esclusivo collegio svizzero la bambina, senza scriverle mai la realtà dell'accaduto e solo dopo molto tempo rivelandole che la madre era morta e non già in Brasile per assistere colà la nonna. Uscito di galera e recuperata Sophie, ora l'uomo pensa di vendicare la morte di Françoise (il cui corpo egli aveva seppellito nel parco della propria villa, poi venduta), dopo avere appreso dalla ex-governante che l'assassino era stato il marito di costei, complice il cognato. Aiutato da Mozart, Verini uccide il colpevole ed il fratello, mentre Mozart elimina l'innocente portiere del castello-albergo in cui i due vivono tranquillamente. E poi torna in galera (la Polizia ha intanto trovato lo scheletro di Françoise e in più, nel cruscotto dell'auto di Verini, un orologio di Cartier). Intanto Sophie si è innamorata di un ricco giovanotto svizzero, ma non intende sposarsi finchè il padre non sarà di nuovo libero. All'uopo essa interessa Mozart per farlo evadere e questo potrebbe accadere, allorchè essa sarà a Parigi per una gara equestre, cui deve partecipare il fidanzato Antoine. Mozart, ormai innamoratissimo di lei, escogita un piano geniale: simulando di essere un terrorista, egli telefona alla Polizia, inventa una bomba all'Opèra, che farà una catastrofe durante una serata di gala con il Premier sovietico, se Verini non verrà fatto "evadere". Mentre il cavaliere svizzero perde la gara, Sophie si unisce a Mozart, adoperatosi insieme a Charlot, amico di Verini, per far partire in tutta sicurezza quest'ultimo con destinazione Germania.

CRITICA DI UNA STORIA DEI NOSTRI GIORNI

"L'impressione che si ricava dal racconto in immagini è quelli di un treno che percorrendo lo stesso binario sia contemporaneamente dirottato qua e là verso lidi diversi e dagli umori eterogenei. Lelouch ama le storie parallele, le concatenazioni di eventi che solo alla fine confluiscono in un climax unitario. Così in questo film la vicenda nera di Verini (il bravo e misurato Jean Yanne, migliore come attore che non come regista di farse locali) diviene il nucleo centrale di tante situazioni circostanti, ed altrettante emozioni. La storia d'amore tra la bella Marie Sophie ed il giovane rapinatore Mozart, anch'essa frammentata in più fasi, abbandonata e ripresa verso la fine, fa da contrappunto alla lunga sequenza del carteggio tra il padre-bandito e la figlia-gentildonna. Qui montaggio, atmosfera e fotografia, si allineano sul registro più caro a Lelouch, che è quello sentimentale (come il commento musicale di Francis Lai). Tra il tono, appunto, noir della prima parte e la suspense vagamente hitchcockiani del finto attentato all'Opéra, Lelouch dissemina le solite false piste, che in realtà sono oasi umane, parti integranti della promiscuità tra il bene e il male nel mondo. La giovane non può capacitarsi di avere per padre e per spasimante due malviventi, ma c'est la vie (parola cara ai titoli di Lelouch). L'happy-end tradisce la vena ambigua dell'autore, dove al probabile pentito (il giovane Mozart) fa da sfondo l'impenitente Verini, evaso e spedito al sicuro in Germania. Nelle lunghe traiettorie umane di Lelouch i lupi non perdono il vizio, ma riescono a convivere con gli agnelli." (Massimo Monteleone, 'Rivista del Cinematografo')

INTERPRETI E PERSONAGGI DI UNA STORIA DEI NOSTRI GIORNI

Attore Ruolo
Jean Yanne
Verini
Charles Gérard
Charlot
Patrick Bruel
Mozart
Marie-Sophie L.
Sophie
lascia un commento
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming