Un grido nella notte

Titolo originale: A CRY IN THE DARK

share

Un grido nella notte è un film di genere drammatico del 1988, diretto da Fred Schepisi, con Meryl Streep e Sam Neill. Durata 123 minuti. Distribuito da MEDUSA DISTRIBUZIONE (1989) - WARNER HOME VIDEO, MGM HOME ENTERTAINMENT (MINI SCUDI).

VOTO DEL PUBBLICO
Grazie del tuo voto
VALUTAZIONE

4 di 5 su 5 voti


TRAMA UN GRIDO NELLA NOTTE:

Nel 1980, in Australia, Michael e Lindy Chamberlain si recano in un campeggio in una zona turistica del deserto, portando con loro i tre figlioletti, la più piccola dei quali, Azaria, di due mesi. Durante la notte la piccina scompare dalla culla, e la madre, che è accorsa sentendo un suo grido, vede un dingo (sorta di cane selvatico) fuggire dalla tenda, tenendo la bambina con la bocca, e dileguarsi poi rapidamente nel buio. Nella tenda ci sono tracce di sangue, e Azaria non viene più ritrovata, nonostante le ricerche affannose. Mentre soffrono per la perdita della figlia, i Chamberlain diventano vittime di una vera persecuzione da parte della stampa e della televisione, che si impossessano clamorosamente del caso. La pubblica opinione si convince ben presto che non è stato un dingo ad uccidere la bambina, ma Lindy, che ispira antipatia come del resto la ispira il marito Michael pastore della chiesa degli Avventisti del settimo Giorno. Dopo una prima inchiesta, in cui sono scagionati da ogni accusa, i Chamberlain vengono di nuovo processati: sono stati ritrovati gli indumenti insaguinati di Azaria, fra i quali, però, manca il coprifasce, di cui ha parlato la madre. Mentre le accuse e le perizie si moltiplicano, Michael ha un crollo per l'angoscia: incapace ormai di difendersi, non è di alcun aiuto alla moglie, che, invece, sopporta coraggiosamente ogni attacco, e i disagi di una nuova gravidanza. Giudicata colpevole, Lindy, è condannata all'ergastolo e non a morte, perché prossima ad avere un altro figlio. Michael, pur essendo giudicato suo complice, viene subito rilasciato, a causa dei due bambini, rimasti soli. Dopo 5 anni ritrovato per caso il coprifasce di Azaria, la cui mancanza era stata decisiva per la condanna, Lindy prosciolta da ogni accusa, viene rilasciata.

CRITICA DI UN GRIDO NELLA NOTTE:

Non c'è il contrasto su cui deve basarsi un dramma per essere tale, cosicchè il processo, che dovrebbe far fremere d'indignazione per la sua mostruosa ingiustizia, lascia invece indifferenti: i fatti si accumulano, senza arrivare a creare la tragedia. (Segnalazioni Cinematografiche)

CURIOSITÀ SU UN GRIDO NELLA NOTTE:

- PREMIO COME MIGLIORE ATTRICE (MERYL STREEP) AL FESTIVAL DI CANNES 1989.

SOGGETTO:

TRATTO DA "EVIL ANGELS" DI JOHN BRYSON

IL CAST DI UN GRIDO NELLA NOTTE:



Lascia un Commento
Lascia un Commento