Tra cielo e terra

Titolo originale: Heaven & Earth

share
Poster
VOTO DEL PUBBLICO
Grazie del tuo voto
VALUTAZIONE

3.3 di 5 su 3 voti

La vera storia di Le Ly Hayslip, ventinovenne vietnamita fuggita dalla terra natale a nove anni di età, trapiantata in California e sposata con un ex-marine. La ricerca costante di dignità e identità passa attraverso le esperienze di un percorso di vita difficile: il conflitto del Vietnam, la condizione di ragazza madre, la prostituzione.



CRITICA DI TRA CIELO E TERRA:

"L'immaginifico, tormentato e megalomane Oliver Stone conclude la sua monumentale trilogia vietnamita (dopo 'Platoon' e 'Nato il 4 luglio') sparando col bazooka contro l'invasione americana, anche se non esita a rimarcare le atrocità dei vietcong. Quanto a orrori, ce n'è da riempire tre film, tanto da far venire il sospetto che la denuncia civile sia soltanto un pretesto. La cassetta innanzi tutto. Per i caduti basta un necrologio". (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 9 giugno 2003)"Abile nelle contrapposizioni melò, prepotente negli squarci bellici, il regista si diverte a incastrare i destini. Per dare sensibilità, lacrime e rabbia alla eroina si è presentata Hiep Thi Lee una vietnamita 23enne che a 9 anni prese il largo in barca verso la promessa California: è spontanea e vitale, in copia carbone del ruolo che la invecchia di 30 anni in 143', e ritrova, grazie alla fiction, le sue radici. Tommy Lee Jones sotto l'aria del duro offre sempre vibrazioni inconsuete. Stone possiede il senso dell'avventura, accelerando la partecipazione a qualunque costo emotivo. Diagramma: il film inizia a 4 stellette, si abbassa a 3, sfiora le 2, poi torna a 4 a San Diego e infine si stabilizza a 3. Ma il tentativo di aprirci cuore e mente su questo pezzo di storia e di sopravvivenza è giusto. Merita una visita, anche se il film è forse pervaso di troppo buone e dichiarate intenzioni, ma pieno di optional tecnici di prim'ordine. Ci sono anche le adesioni morali, e di queste il cinema ha sempre bisogno." (Maurizio Porro, 'Il Corriere della Sera', 4 Febbraio 1994)"I due libri, sintetizzati e anche un po' manipolati, sono alla base del film che, nella prima parte, in un pittoresco Vietnam rifatto in Tailandia, è abbastanza teso e coinvolgente. La vita nel villaggio, i riti contadini, lo spirito buddista presto turbati dal susseguirsi di guerre e di invasioni hanno spesso una loro giusta tensione, anche se la regia di Stone alterna ai momenti realistici (o lirici) delle divagazioni visionarie di gusto sempre un po' dubbio dal punto di vista del linguaggio. La seconda parte, invece, ambientata negli Stati Uniti, con nuovi turbamenti per Le Ly, ma questa volta di natura familiare rivela quasi soltanto turgori psicologici esteriori, con tendenza scoperta all'esasperazione ed al clamore; fatti poi confluire, al momento di un ritorno in Vietnam per ritrovare i familiari rimasti al villaggio, in climi in cui la letteratura si accompagna alla retorica, senza più un momento asciutto e un accento di tesa verità. Qualche pagina, comunque, può piacere, specie quelle in cui si rivisitano i dolori del Vietnam, questa volta al femminile, con indubbie lacerazioni emotive, ed anche se il personaggio dell'americano è, narrativamente, il riassunto di parecchi americani proposti nel due libri, il suo carattere tormentato e stravolto ha risvolti psicologici abbastanza verosimili, con effetti drammatici ben dosati. Lo interpreta, del resto, con grinta dura ma con una sofferenza sempre, molto plausibile, Tommy Lee Jones, visto di recente, con Stone, in 'JFK'. La protagonista è una vietnamita esordiente emigrata da anni in California, Hiep Thi Le: tesa e riarsa nelle pagine dolorose della guerra nel suo villaggio, un po' di maniera, invece, quando diventa americana. Sua madre è Joan Chen, che era l'imperatrice Wan Jung nell'Ultimo imperatore. Il doppiaggio non giova a nessuno perché moltiplica, con accenti tronfi e sospirosi, il tono declamatorio di molte situazioni già fin troppo esasperato, da un commento musicale tutto barocchismi e clangori." (Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo', 6 Febbraio 1994)"Sette anni fa il mondo scoprì Oliver Stone con 'Platoon'. Il racconto era enfatico e spesso retorico ma le immagini azzannavano alla gola. Nessuno aveva mai filmato la guerra in quel modo. Ex-volontario in Vietnam, Stone poteva farlo e gridare ai quattro venti perché: io c'ero. Tre anni dopo la ferita del Vietnam tornò a sanguinare in 'Nato il 4 luglio'. Un'altra storia

CURIOSITÀ SU TRA CIELO E TERRA:

- REVISIONE MINISTERO FEBBRAIO 1994.

SOGGETTO:

libro "When Heaven and Earth Changed Places" di Le Ly Hayslip e Jay Wurts; libro "Child of War, Woman of Peace" di Le Ly Hayslip e James Hayslip


fonte "RdC - Cinematografo.it"
Lascia un Commento
Lascia un Commento