The tracker

The tracker

( The tracker )
Voto del pubblico
Valutazione
3.8 di 5 su 5 voti
Al cinema dal: 27 settembre 2002
Regista: Rolf de Heer
Genere: Drammatico
Anno: 2002
Paese: Australia
Durata: 95 min
Data di uscita: 27 settembre 2002
Distribuzione: FANDANGO
The tracker è un film di genere drammatico del 2002, diretto da Rolf de Heer, con David Gulpilil e Gary Sweet. Uscita al cinema il 27 settembre 2002. Durata 95 minuti. Distribuito da FANDANGO.
Data di uscita: 27 settembre 2002
Genere: Drammatico
Anno: 2002
Paese: Australia
Durata: 95 min
Formato: 35 MM (2.35:1)
Distribuzione: FANDANGO
Sceneggiatura: Rolf de Heer
Fotografia: Ian Jones
Montaggio: Tania Nehme
Produzione: VERTIGO PRODUCTIONS PTY. LTD.

TRAMA THE TRACKER

Nel 1922 tre poliziotti a cavallo guidati da un aborigeno, inseguono un fuggitivo nell'outback australiano. Ben presto cominciano i dissidi quando i tre uomini si rendono conto che il vero capo è la guida aborigena. Ci si interroga allora su cosa voglia dire nero e cosa bianco mentre la spedizione diventa sempre più pericolosa.

CRITICA DI THE TRACKER

"'The Tracker', di Rolf De Heer, è una ballata western di sapore brechtiano che rievoca un intero genocidio con un pugno di comparse e cinque protagonisti. Chiaro che il servo dei bianchi fa il doppio gioco e prepara la sua rivincita sopportando punizioni inique e massacri di aborigeni inermi. Ma De Heer distanzia la materia incandescente del racconto commentando l'azione con una serie di canzoni. E 'congelando' le scene più efferate nei colori violenti di quadri a olio dipinti per l'occasione. Così, mentre piovono lance dal nulla e i bianchi si fanno la guerra anche fra di loro, la legge degli aborigeni, che è rispetto della Natura e comprensione delle sue diverse scale, dalla polvere al cosmo, si impone su quella dei bianchi sopraffattori. Un gioiello che inaugura una nuova tendenza per il cinema degli antipodi, ma ci ha messo 20 anni a trovare un produttore". (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 27 settembre 2002)"Come in tutti i viaggi che hanno come fine morale e conoscenza, partendo da 'Ombre rosse', 'The Tracker' mostra eccidi e dubbi, mette in discussione valori, polemizza col razzismo di ogni grado, come in una ballata contro il genocidio dalla morale nobilmente didascalica. Infatti le canzoni di commento e i quadri a olio fatti per l'occasione sono un modo brechtiano per prendere le distanze dalle emozioni, ottime e abbondanti". (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 28 settembre 2002) "Il western di De Heer non possiede la ricchezza e la complessità inquietante della pellicola di Hellman. La sua essenzialità voluta e ricercata, quasi primigenia, molto interessante sulla carta perché riaffacciata su un universo classico andato perduto, gli si ritorce un po' contro: a volte si sente 'la scuola', un certo didascalismo noioso che allontana gli eventi dal cuore degli spettatori. Ed è un peccato perché le figure umane risultano leggermente distanti per coinvolgere". (Pier Maria Bocchi, 'Film Tv', 6 ottobre 2002) "L'idea stilistica è suscitare una sorta di lentezza implacabile della crudeltà per scandire il tempo del viaggio all'inseguimento di un fuggiasco innocente come un tempo mitologico, fermato nella storia di quel paese. Richiede un certo abbandono che, nel fascino della cadenza, prevede anche l'insofferenza e la noia. Interessante". (Silvio Danese, 'Il giorno', 27 settembre 2002)

CURIOSITÀ SU THE TRACKER

PRESENTATO IN CONCORSO ALLA 59MA MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA (2002).DIPINTI DI PETER COAD.ADDESTRATORE DI CAVALLI: BILL WILLOUGHBY.

INTERPRETI E PERSONAGGI DI THE TRACKER

Attore Ruolo
David Gulpilil
La Guida
Gary Sweet
Il Fanatico
Damon Gameau
Il Segugio
Grant Page
Il Veterano
Noel Wilton
Il Fuggitivo
lascia un commento
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming